laRegione
nato-via-al-processo-di-ratificazione-di-svezia-e-finlandia
Keystone
Il segretario generale
05.07.22 - 10:39
Aggiornamento: 19:34
Ats, a cura di Red.Web

Nato, via al processo di ratificazione di Svezia e Finlandia

Oggi la firma dei protocolli di accesso all’Alleanza atlantica. Stoltenberg: ‘Giornata storica per tutte le parti in causa’

Svezia e Finlandia compiono un passo ulteriore nel loro percorso d’ingresso alla Nato. Al quartier generale di Bruxelles, infatti, il Consiglio Atlantico (al livello degli ambasciatori) ha firmato i protocolli di accesso dei due Paesi scandinavi, che ora possono fregiarsi del titolo di "invitati".

"È un buon giorno per la Nato", ha commentato il segretario generale Jens Stoltenberg affiancato dai ministri degli Esteri finlandese, Pekka Haavisto, e svedese, Anna Linde. "Insieme - ha aggiunto - saremo più forti e i nostri popoli più sicuri".

Il giro di boa è "significativo" ma non è l’ultimo. Adesso si apre il processo di ratifica nei parlamenti dei 30 alleati, una procedura che occuperà senz’altro svariati mesi. "L’ultima volta c’è voluto un anno - ha ricordato il segretario generale - ma mi auguro che in questo caso si possa procedere più rapidamente". Gli alleati d’altra parte si sono già mossi alla "velocità della luce", se si pensa che le richieste di Helsinki e Stoccolma sono state presentate a metà maggio. Certo, poi si è verificato l’intoppo Turchia, risolto al summit di Madrid grazie alla firma del memorandum d’intesa tripartito che offre ad Ankara le "rassicurazioni" necessarie sul fronte della lotta al terrorismo (in particolare di matrice curda, stando alle lamentele turche).

Erdogan, sempre a Madrid, ha sottolineato che il memorandum dovrà essere rispettato se si vuole ottenere la ratifica del parlamento. E ha parlato espressamente di "73 individui" che la Svezia dovrà estradare. La partita, insomma, potrebbe non essere conclusa. Linde, dal canto suo, ha confermato l’impegno a rispettare l’intesa con una maggiore cooperazione sul fronte della sicurezza, ma ha anche precisato che non esiste "una lista" di nomi da dover rispettare. "Le autorità preposte all’estradizione ricevono le richieste e le processano secondo le procedure, poi è l’Alta Corte a prendere la decisione. Non ci possono essere vie legali aggiuntive, rispetteremo la legge svedese e il diritto internazionale", ha spiegato.

Resta il fatto che Svezia e Finlandia sono due Paesi altamente democratici, con eserciti forti e già ampiamente compatibili con le strutture Nato, società resilienti e industrie militari di prim’ordine. L’Alleanza, nel grande nord, ne guadagnerà non poco. Ma non solo a nord. Come ricorda l’ambasciatore italiano alla Nato Francesco Maria Talò, Helsinki e Stoccolma "si sono distinte per aver adottato una visione larga rispetto alla strategia a 360 gradi dell’Alleanza, dunque il fianco sud, e al terrorismo; ed è molto importante che due nazioni del nord Europa abbiamo questo approccio considerando la sicurezza come indivisibile". A guadagnarne, insomma, non sarà solo il quadrante settentrionale.

La Finlandia, però, condivide oltre 800 chilometri di confini con la Russia ed è innegabile come, al momento, l’attenzione si concentri proprio lì. Vladimir Putin ha scelto un profilo basso, bollando essenzialmente come "fatti loro" l’ingresso nella Nato dei due Paesi e definendo l’intera vicenda come "profondamente diversa" dal caso ucraino. Di certo c’è che, dopo l’invasione, ha ottenuto più Nato e non il contrario. Mosca comunque si riserva il diritto di garantire la sua sicurezza con le azioni che reputerà necessario se ai propri confini compariranno strutture dell’Alleanza.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
finlandia jens stoltenberg nato svezia
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
14 min
Trump non risponderà alle domande del procuratore di New York
L’ex presidente invoca il quinto emendamento che consente di non testimoniare contro se stessi nell’indagine fiscale ed evoca la caccia alle streghe
Estero
2 ore
Criptovalute: insolvenza della Nft, clienti pure in Svizzera
Migliaia di risparmiatori temono di essere stati truffati. Il denaro sarebbe infatti bloccato.
Estero
5 ore
Gli italiani troppo esigenti: Domino’s Pizza lascia il Belpaese
La catena americana chiude i negozi in Italia ufficialmente per le conseguenze della pandemia. Secondo il Ft non è riuscita a far breccia nella clientela
Estero
5 ore
Morto il beluga che si era smarrito nella Senna
Il cetaceo è stato sottoposto a eutanasia durante il trasferimento. L’esemplare era malato e non riusciva a nutrirsi.
Estero
5 ore
Berlusconi si candida al ritorno in Parlamento dopo la decadenza
Il leader di Forza Italia ha annunciato di volersi candidare al Senato, da cui era stato dichiarato decaduto nel 2013 dopo la condanna per frode fiscale
Estero
5 ore
Naufragio in Grecia, decine di migranti dispersi
Finora sono state tratte in salvo 29 persone. Continuano le ricerche. L’imbarcazione è affondata al largo dell’isola di Karpathos.
Estero
7 ore
Parigi, armato di coltello all’aeroporto: ucciso dalla polizia
È successo questa mattina allo scalo di Charles de Gaulle.
L’approfondimento
7 ore
‘Non si è Stati sovrani con due o tre riconoscimenti’
Solo tre Stati riconoscono a oggi le repubbliche separatiste ucraine. Cosa vuol dire? Ne parliamo con l’esperto di diritto internazionale
Estero
8 ore
Beluga nella Senna: riuscita la prima parte della liberazione
L’obiettivo è quello di riportarlo in mare. L’esemplare è stato sollevato e messo su una chiatta, dove è stato curato da una dozzina di veterinari.
il reportage
11 ore
Viaggio in Abkhazia, lo Stato separatista che non esiste
Vodka, pistole, autisti sbadati, ambasciatori ufficiosi, ministri con giacche troppo larghe, il fantasma di Stalin, frontiere immaginarie e dogane reali
© Regiopress, All rights reserved