laRegione
in-texas-crociata-anti-gay-allarme-di-biden-sui-diritti
L’ultraconservatore texano Ken Paxton (Keystone)
01.07.22 - 21:16
Ansa, a cura de laRegione

In Texas crociata anti-gay, allarme di Biden sui diritti

Lo Stato conservatore al centro della battaglia antiabortista pronto a una legge contro la sodomia

Il Texas, stato conservatore al centro della battaglia anti abortista, è pronto a lanciare una nuova crociata contro la sodomia. La mossa arriva proprio quando Joe Biden incontra virtualmente una decina di governatori democratici per coordinare una risposta dopo la decisione shock della corte suprema di cancellare la storica sentenza ‘Roe v. Wade’ che nel 1973 aveva legalizzato il diritto all’interruzione di gravidanza.

Muro contro muro

Tra loro, in prima fila, la governatrice dello stato di New York Kathy Hochul e quello della California Gavin Newsom, due leader che si sono fatti avanti per sostenere le donne in arrivo da luoghi in cui l’aborto potrebbe essere presto vietato. Ma la speranza del presidente di andare oltre, abolendo le regole sull’ostruzionismo (filibuster) per approvare una legge federale sull’aborto, come aveva proposto dal palcoscenico del vertice Nato di Madrid, sono state gelate subito da due senatori moderati del suo stesso partito: Joe Manchin e Kyrsten Sinema, hanno riferito i loro portavoce, continuano a essere contrari allo smantellamento del filibustering per abbassare da 60 a 51 i voti necessari per i provvedimenti più importanti. Senza di loro i 50 senatori dem non avrebbero quindi neppure la maggioranza semplice, pur potendo contare sul voto decisivo della vicepresidente Kamala Harris in caso di parità. Per questo Biden ha lanciato un appello al voto agli americani in vista di Midterm, ricordando che "ora sono a rischio anche le nozze gay e i diritti alla contraccezione".


Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden (Keystone)

E mentre il presidente sbatte la testa contro la debolezza del suo partito, i repubblicani accelerano la ‘restaurazione’ contro le libertà individuali negli stati da loro controllati. A guidare il fronte è il Texas, che aveva già varato una delle leggi più restrittive sull’aborto ed è in prima linea nelle misure che criminalizzano i genitori alla ricerca di operazioni per il cambio di sesso dei loro figli transgender.

Ma a lanciare l’ultima crociata è stato il controverso attorney general Ken Paxton, che ha appena vinto la nomination repubblicana per un terzo mandato nonostante una condanna a sette anni per truffa azionaria, un’inchiesta pendente dell’Fbi per corruzione e un procedimento in corso per l’espulsione dall’ordine degli avvocati per i suoi tentativi di ribaltare il voto del 2020. Il ‘ministro della giustizia’ texano, alleato di Donald Trump, si è detto pronto a riesumare la legge statale contro la sodomia se la corte suprema - come ha fatto con l’aborto - rivisiterà la decisione con cui la abolì nel 2003 per proteggere la privacy tra partner dello stesso sesso.

La risposta della comunità Lgbtq+

La comunità locale Lgbtq+ è in allarme, teme che il Texas possa cancellare tutte le conquiste degli ultimi decenni, rispolverando anche il bando contro le nozze gay del 2005, che fu smantellato nove anni dopo dalla corte suprema. "Non è affare del governo con chi fai sesso. Si sono introdotti nell’ufficio del medico e in classe, ora si vogliono introdurre nella camera da letto, è un abuso del governo", attacca Ricardo Martinez, chief executive di Equality Texas, un gruppo per i diritti Lgbtq+, riferendosi alle ingerenze su aborto e programmi scolastici.

Ma per avere un‘idea di dove sta andando il ’Lone Star State’, roccaforte della lobby delle armi e della lotta all’immigrazione, basta leggere la piattaforma statale approvata recentemente dal Grand Old party, che ha definito Biden un presidente illegittimo e l’omosessualità "una scelta di vita anormale". Del resto il governatore repubblicano Greg Abbott si deve coprire a destra se non vuole essere insidiato internamente o, esternamente, da leader emergenti come il suo collega della Florida Ron DeSantis, con cui si contende l’eredità trumpiana.

Proprio oggi nel Sunshine entra in vigore la legge ‘Don’t say gay’ che vieta alle scuole elementari di tenere lezioni sull’orientamento sessuale e l’identità di genere, mentre il bando all’aborto dopo 15 settimane è stato bloccato da un giudice come incostituzionale ma tutti concordano che si tratta solo di uno stop temporaneo, in atteso dell’appello.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
diritti joe biden lgbt texas
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
8 ore
Incendi fuori controllo in Francia, il fumo arriva nel Vaud
Particolarmente colpito il sud-ovest del Paese: 400 ettari di foreste distrutti nel Giura francese
Confine
8 ore
Sangue a Como: ucciso un 70enne, feriti un bimbo e un ragazzo
Le tre aggressioni sono avvenute tutte nella stessa zona, a sud della città. Arrestato un 33enne di Albiolo.
roma
8 ore
Flop della banda del buco, ladro resta incastrato nel tunnel
Salvato dopo 8 ore dai vigili del fuoco, forse progettavano il colpo di Ferragosto
italia
9 ore
Accordo Renzi-Calenda, nasce il terzo polo
Obiettivo principale riportare Draghi a Palazzo Chigi. Il leader di Azione sarà il candidato numero uno
Estero
9 ore
L’Estonia chiude l’ingresso ai russi
Tallinn revoca visti e chiede lo stop Ue. Cremlino infuriato. La Germania dissente con la mossa estone e Kiev chiede spiegazioni
la guerra in ucraina
9 ore
Nuovi raid a Zaporizhzhia, scambi di accuse Mosca-Kiev
Guterres (Onu): smilitarizzare l’area. In Crimea distrutti 8 jet russi
libano
9 ore
Prende ostaggi in banca per disperazione, la folla sta con lui
L’uomo, armato, voleva recuperare i suoi soldi congelati dalle banche.
stati uniti
9 ore
Trump non ha risposto 400 volte
L’ex presidente festeggiato nel suo golf club in New Jersey, ma il procuratore James pensa di portarlo a processo
Estero
12 ore
Barcone di migranti si capovolge al largo di Lampedusa
Non ci sarebbero vittime. È successo mentre erano in corso le operazioni di soccorso
Estero
16 ore
Lavoro, la pandemia ha toccato maggiormente i giovani
La fascia d’età tra i 15 e i 24 anni ha perso più impieghi rispetto agli adulti. Lo indica l’Organizzazione internazionale del lavoro (Ilo)
© Regiopress, All rights reserved