laRegione
accordo-bipartisan-il-senato-usa-cerca-la-svolta-sulle-armi
Supporter di Trump in Arizona (Keystone)
stati uniti
12.06.22 - 20:59
Aggiornamento: 22:23
Ansa, a cura de laRegione

Accordo bipartisan, il Senato Usa cerca la svolta sulle armi

Verso la prima stretta, ma Biden vuole accelerare: ‘Un passo importante, ma dobbiamo fare di più”

Un accordo di principio storico che sembra in grado di rompere la decennale impasse del Congresso sulle armi. Un gruppo bipartisan di senatori ha raggiunto un’intesa su una serie di misure per rafforzare la sicurezza e i controlli su pistole e fucili con l’obiettivo di fermare la scia di sangue negli Stati Uniti.

Plaude all’accordo Joe Biden: "È un passo nella giusta direzione" anche se "non contiene tutte le misure che ritengo necessarie", afferma il presidente americano che aveva chiesto il divieto delle armi d’assalto, incluso l’Ar-15 arma preferita per le stragi e usata per il massacro della scuola elementare del Texas. Pur non spingendosi abbastanza in là Biden assicura che firmerà l’iniziativa una volta approvata dal Congresso. "Prima arriva sul mio tavolo - dice -, prima la potrò firmare e prima potremo usare queste misure per salvare vite"

I dettagli

La proposta su cui è stato raggiunto un accordo prevede controlli all‘acquisto più stringenti per chi ha meno di 21 anni, uno stanziamento significativo di fondi per la sicurezza della scuola e la sanità mentale, oltre a favorire l’adozione da parte degli stati delle cosiddette leggi ’red flag’, che consentono a polizia e famigliari di chiedere a un tribunale il ritiro delle armi a qualcuno ritenuto pericoloso per se stesso e per gli altri.


Armi in vendita in Pennsylvania (Keystone)

I senatori che hanno negoziato il compromesso parlano di proposta "bipartisan e di buon senso per ridurre la minaccia di violenza nel Paese. Le famiglie sono spaventate ed è nostro compito unirci e fare qualcosa per ripristinare il senso di sicurezza nelle nostre comunità", precisano in una nota congiunta facendo indirettamente riferimento alle oltre 230 sparatorie di massa dall’inizio dell’anno. "Il nostro piano salva vite e allo stesso tempo protegge i diritti costituzionali degli americani", aggiungono poi i senatori quasi a voler rassicurare sulla tutela del Secondo Emendamento.

I protagonisti della trattativa sono infatti consapevoli dei rischi che comporta il tradurre la proposta in un testo legislativo. "I dettagli saranno essenziali per i repubblicani. Uno o più dei principi potrebbero essere rimossi se non ci sarà accordo sul testo", avvertono alcuni. E che non sarà una strada in discesa emerge dalle parole del leader dei repubblicani in Senato: Mitch McConnell infatti si limita a osservare come l’accordo è una prova del "valore del dialogo e della cooperazione", senza sbilanciarsi però su un suo sostegno all’intesa.

I numeri

I democratici comunque hanno dalla loro parte l’appoggio di 10 senatori repubblicani alla proposta - ovvero dei 10 che hanno partecipato alle trattative -, il che dovrebbe garantire loro i numeri per superare l’ostruzionismo in Senato. Pur deludendo sotto molti aspetti la proposta è storica perché apre la porta alla prima legge federale sulle armi da decenni. Gli ultimi provvedimenti risalgono infatti alla metà degli anni 1990, il Brady Bill del 1993 che creava il sistema dei controlli e il divieto delle armi d’assalto del 1994, poi scaduto dieci anni dopo senza essere rinnovato. Lo sblocco dell’impasse in Congresso è lodato da David Hogg, sopravvissuto alla strage del liceo di Parkland e uno dei promotori delle manifestazioni contro le armi in più di 400 città americane. "È un primo passo e francamente è più di quanto mi aspettavo - ammette -. È un progresso anche se piccolo. Anche se dovesse fermare solo un’altra Parkland ne vale la pena".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
armi bipartisan joe biden senato stati uniti
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
1 ora
Gli italiani troppo esigenti: Domino’s Pizza lascia il Belpaese
La catena americana chiude i negozi in Italia ufficialmente per le conseguenze della pandemia. Secondo il Ft non è riuscita a far breccia nella clientela
Estero
1 ora
Morto il beluga che si era smarrito nella Senna
Il cetaceo è stato sottoposto a eutanasia durante il trasferimento. L’esemplare era malato e non riusciva a nutrirsi.
Estero
2 ore
Berlusconi si candida al ritorno in Parlamento dopo la decadenza
Il leader di Forza Italia ha annunciato di volersi candidare al Senato, da cui era stato dichiarato decaduto nel 2013 dopo la condanna per frode fiscale
Estero
2 ore
Naufragio in Grecia, decine di migranti dispersi
Finora sono state trattate in salvo 29 persone. Continuano le ricerche. L’imbarcazione è affondata al largo dell’isola di Karpathos.
Estero
3 ore
Parigi, armato di coltello all’aeroporto: ucciso dalla polizia
È successo questa mattina allo scalo di Charles de Gaulle.
L’approfondimento
4 ore
‘Non si è Stati sovrani con due o tre riconoscimenti’
Solo tre Stati riconoscono a oggi le repubbliche separatiste ucraine. Cosa vuol dire? Ne parliamo con l’esperto di diritto internazionale
Estero
4 ore
Beluga nella Senna: riuscita la prima parte della liberazione
L’obiettivo è quello di riportarlo in mare. L’esemplare è stato sollevato e messo su una chiatta, dove è stato curato da una dozzina di veterinari.
il reportage
8 ore
Viaggio in Abkhazia, lo Stato separatista che non esiste
Vodka, pistole, autisti sbadati, ambasciatori ufficiosi, ministri con giacche troppo larghe, il fantasma di Stalin, frontiere immaginarie e dogane reali
Estero
16 ore
Esplosioni in Crimea. Kiev rivendica l’attacco
Mosca parla di incidente in un deposito di munizioni, ma fonti militari ucraine confermano che c’è la loro mano: ‘È solo l’inizio’
Estero
16 ore
Stop ai visti turistici ai russi nei Paesi Baltici
Kiev chiede lo stesso agli altri Paesi occidentali. Mosca taglia anche il petrolio
© Regiopress, All rights reserved