laRegione
22.03.22 - 19:19
Aggiornamento: 21:18

Navalny dichiarato colpevole di appropriazione indebita

Il leader dell’opposizione russa è stato accusato anche di oltraggio alla Corte. Condannato a nove anni di carcere duro

Ats, a cura de laRegione
navalny-dichiarato-colpevole-di-appropriazione-indebita
Keystone
‘In prigione fai solo due giorni: Quello in cui entri e quello in cui esci’

Si stringe la morsa di Vladimir Putin su Alexei Navalny, il più acerrimo e noto oppositore dello zar. Un tribunale russo oggi gli ha inflitto una nuova condanna a nove anni di "carcere duro" dopo averlo giudicato colpevole di "frode su vasta scala".

Poco dopo la lettura della sentenza, la polizia ha arrestato per alcune ore anche i suoi due avvocati, prelevandoli mentre parlavano con i giornalisti fuori dall’aula di tribunale improvvisata nel carcere di Pokrov, vicino a Mosca, dove il dissidente è recluso.

"Putin ha paura della verità" e pertanto "combattere la censura, rivelare la verità al popolo russo, rimane la nostra priorità", ha commentato Alexei a caldo in un post su Instagram.

Per Navalny, 45 anni, si tratta dell’ennesima batosta. Da oltre un anno è dietro le sbarre, dopo esser stato arrestato nel febbraio 2021 appena rientrato a Mosca da Berlino, dove aveva trascorso diversi mesi in ospedale per riprendersi dall’avvelenamento con l’agente nervino Novichok, un avvelenamento che l’oppositore e l’Occidente attribuiscono ai servizi di sicurezza russi su mandato diretto di Putin.

Allo stesso tempo, la sua fondazione anticorruzione e le sue organizzazioni politiche sono state dichiarate "estremiste" e bandite. A gennaio, lo stesso Navalny è stato inserito nella lista dei "terroristi ed estremisti" redatta dall’ente Rosfinmonitoring, il Servizio federale per il monitoraggio finanziario di Mosca, mentre a febbraio anche suo fratello è stato condannato ad un anno di prigione. Mentre pochi giorni fa Kira Yarmysh, la sua addetta stampa, è stata inserita nella lista dei ricercati.

Oggi la nuova condanna, in base all’accusa di aver rubato 4,7 milioni di dollari di donazioni fatte alle sue organizzazioni politiche ora bandite. Leggendo la sentenza, la giudice Margarita Kotova ha affermato che Navalny ha compiuto "una frode attraverso un gruppo organizzato". E, come se non bastasse, lo ha anche ritenuto colpevole di oltraggio alla Corte, commesso in una precedente udienza.

Durante la lettura della sentenza, Navalny, apparso in tribunale visibilmente emaciato, con indosso una larga divisa carceraria nera, è rimasto impassibile. Dopo, sul suo profilo Twitter, ha scritto: "Nove anni. Bene, come dicevano i personaggi della mia serie tv preferita The Wire, ‘Fai solo due giorni. Quello in cui entri e quello in cui esci’. Avevo anche una maglietta con questo slogan, ma le autorità carcerarie l’hanno confiscata, considerandola estremista".

Negli ultimi tempi, sul suo profilo Twitter e su quello Instagram, attraverso i suoi collaboratori Navalny è stato piuttosto attivo per condannare la guerra in Ucraina e per esortare i suoi sostenitori a manifestare in strada il loro dissenso ogni fine settimana.

"Il pazzo maniaco Putin verrà fermato prima se il popolo della Russia si opporrà alla guerra. Dovete andare alle dimostrazioni contro la guerra tutti i weekend, anche se sembra che gli altri se ne siano andati o si siano impauriti. Siete la spina dorsale del movimento contro la guerra e la morte".

In molti hanno raccolto l’appello e sono scesi a manifestare, in tante città della Russia. Ma a loro volta sono stati arrestati, a migliaia.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
italia
8 ore
Quando il parchimetro... porta fortuna
È successo nel Cuneese dove una signora ha acquistato un Gratta e vinci per cambiare i soldi per il parcheggio e vince 500mila euro
Canada
11 ore
L’uragano Fiona lascia 500mila case senza corrente
Lo riferisce l’azienda elettrica locale, Nova Scotia Power, secondo quanto riportato da Cbc
Stati Uniti
13 ore
Problemi ai finestrini: le auto di Tesla tornano in garage
Richiamate 1,1 milioni di vetture per un aggiornamento del software che permetterà di ovviare a un malfunzionamento
Turchia
17 ore
‘Il referendum russo? Non lo riconosciamo’
Lo ha affermato il portavoce della presidenza turca Ibrahim Kal. La stessa cosa accadde anche per il referendum in Crimea nel 2014
Estero
18 ore
L’ultimo addio ad Abe
I funerali dell’ex premier giapponese, ucciso in un attentato, si terranno il prossimo 27 settembre
Estero
22 ore
La politica è un Hobbit (o un pelaverdure)
Cronaca semiseria dei comizi che hanno chiuso la campagna elettorale italiana, nell’attesa che arrivi domenica.
Estero
1 gior
Guardie armate porta a porta, al via i referendum in Ucraina
Milioni chiamati alle ‘urne’. Intanto il patriarca Kirill invita a combattere. E decine di migliaia di russi scappano all’estero
Estero
1 gior
Per l’ambasciatore svizzero l’occupazione di Izyum è ‘barbaria’
Dura presa di posizione della sede diplomatica elvetica in Ucraina. Visitati da Claude Wild i centri distrutti dagli occupanti russi
Stati Uniti d’America
1 gior
Aborto: ‘Datemi due senatori e ne farò una legge’
Duro attacco del presidente Biden alla fronda repubblicana: ‘Non sanno assolutamente nulla delle donne americane’
Italia
1 gior
Il piccolo Mattia risucchiato dall’acqua e dal fango per 13 km
Ritrovato l’ultimo disperso dell’alluvione che si è scagliata sulle Marche lo scorso 15 settembre. Il grande dolore dei genitori
© Regiopress, All rights reserved