laRegione
trump-spacca-i-repubblicani-mcconnell-6-gennaio-sedizione
Keystone
McConnell
09.02.22 - 19:57
Ansa, a cura de laRegione

Trump spacca i repubblicani. McConnell: 6 gennaio sedizione

Vertici del partito divisi sull’assalto al Congresso. Le polemiche non promettono nulla di buono in vista delle elezioni di mid-term.

New York – Donald Trump spacca il partito repubblicano aprendo una voragine fra i vertici conservatori. Se il leader del partito alla Camera Kevin McCarthy continua a difenderlo minimizzando l’assalto al Congresso del 6 gennaio, in Senato il taciturno Mitch McConnell attacca indirettamente l’ex presidente descrivendo l’attacco a Capitol Hill come una “violenta insurrezione”. Parole che scatenano l’ira del tycoon, perfettamente consapevole della potenza del leader in Senato: “Non parla per il Partito repubblicano e non rappresenta il punto di vista della maggior parte dei suoi elettori”, attacca Trump mettendo in evidenza come McConnell “non abbia fatto nulla per combattere e fermare le più fraudolente elezioni della storia americana”.

Dopo un idillio iniziale i rapporti fra McConnell e l’ex presidente si sono ormai incrinati, riflettendo le due anime di un partito sconvolto dal ciclone Trump e che fatica ancora dopo anni a ritrovare sé stesso. Una spaccatura che mette a rischio le prospettive dei conservatori alle elezioni di metà mandato di novembre, verso le quali si avviano tuttavia in vantaggio, dato lo scontento verso l’amministrazione Biden.

Lealtà interessata

Veterano della politica, McConnell è consapevole del rischio che corrono i repubblicani di farsi male da soli in un contesto che li vede superfavoriti. Le elezioni di metà mandato sono per tradizione sfavorevoli al presidente in carica, e ai conservatori – secondo gli osservatori – basterebbe criticare Joe Biden sull’inflazione e sulla gestione della pandemia per agguantare una facile vittoria ai seggi. Invece l’ombra lunga di Trump che non molla la presa sul partito rischia di rendere la strada in salita.

In un’ottica di lungo termine, con le elezioni del 2024 che si avvicinano, McConnell punta a ricompattare il partito, evitare le distrazioni causate dal tycoon e riconquistare il Congresso per poi marciare verso la Casa Bianca. Ma molti nel partito conservatore guardano più al breve termine e alla loro riconferma al potere a novembre, per la quale sono convinti di avere bisogno dell’appoggio di Trump che per questo non vogliono tradire.

Crepe nel fronte pro-Trump

Da qui i due diversi schieramenti che si riflettono anche nelle opposte posizioni sulla decisione del Comitato nazionale del partito di censurare la deputata Liz Cheney e il collega Adam Kinzinger per il loro coinvolgimento nei lavori della commissione di indagine sul 6 gennaio, che porta il marchio della speaker democratica, Nancy Pelosi.

Il fronte pro-Trump dei conservatori era fino a pochi mesi fa abbastanza compatto. Nelle ultime settimane però delle crepe stanno emergendo. Una l’ha aperta l’ex vicepresidente Mike Pence, uno dei papabili aspiranti alla Casa Bianca nel 2024, che ha respinto la teoria cavalcata dal tycoon sulla sua occasione persa di non certificare le elezioni. Quella aperta da McConnell è però forse ancora più significativa: le sue parole possono infatti fare da scudo ai repubblicani finora timidi nel prendere una posizione sul 6 gennaio perché impauriti dall’ira dell’ex presidente. E quindi potrebbe potenzialmente indebolire in modo deciso la frangia pro-Trump, numerosa anche per il silenzio-assenso forzato di molti.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
assalto congresso donald trump mitch mcconnell repubblicani
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
36 min
Gli italiani troppo esigenti: Domino’s Pizza lascia il Belpaese
La catena americana chiude i negozi in Italia ufficialmente per le conseguenze della pandemia. Secondo il Ft non è riuscita a far breccia nella clientela
Estero
41 min
Morto il beluga che si era smarrito nella Senna
Il cetaceo è stato sottoposto a eutanasia durante il trasferimento. L’esemplare era malato e non riusciva a nutrirsi.
Estero
1 ora
Berlusconi si candida al ritorno in Parlamento dopo la decadenza
Il leader di Forza Italia ha annunciato di volersi candidare al Senato, da cui era stato dichiarato decaduto nel 2013 dopo la condanna per frode fiscale
Estero
1 ora
Naufragio in Grecia, decine di migranti dispersi
Finora sono state trattate in salvo 29 persone. Continuano le ricerche. L’imbarcazione è affondata al largo dell’isola di Karpathos.
Estero
2 ore
Parigi, armato di coltello all’aeroporto: ucciso dalla polizia
È successo questa mattina allo scalo di Charles de Gaulle.
L’approfondimento
2 ore
‘Non si è Stati sovrani con due o tre riconoscimenti’
Solo tre Stati riconoscono a oggi le repubbliche separatiste ucraine. Cosa vuol dire? Ne parliamo con l’esperto di diritto internazionale
Estero
3 ore
Beluga nella Senna: riuscita la prima parte della liberazione
L’obiettivo è quello di riportarlo in mare. L’esemplare è stato sollevato e messo su una chiatta, dove è stato curato da una dozzina di veterinari.
il reportage
7 ore
Viaggio in Abkhazia, lo Stato separatista che non esiste
Vodka, pistole, autisti sbadati, ambasciatori ufficiosi, ministri con giacche troppo larghe, il fantasma di Stalin, frontiere immaginarie e dogane reali
Estero
15 ore
Esplosioni in Crimea. Kiev rivendica l’attacco
Mosca parla di incidente in un deposito di munizioni, ma fonti militari ucraine confermano che c’è la loro mano: ‘È solo l’inizio’
Estero
15 ore
Stop ai visti turistici ai russi nei Paesi Baltici
Kiev chiede lo stesso agli altri Paesi occidentali. Mosca taglia anche il petrolio
© Regiopress, All rights reserved