laRegione
i-talebani-chiedono-il-riconoscimento-ai-paesi-musulmani
Keystone
Il primo ministro Mohammad Hasan Akhund
19.01.22 - 20:00

I talebani chiedono il riconoscimento ai Paesi musulmani

Mentre l’Afghanistan sprofonda nel baratro economico, i nuovi governanti cercano una normalizzazione delle relazioni internazionali

L’Afghanistan dei talebani sprofonda sempre di più nel baratro del disastro economico, con la disoccupazione che dilaga, e i mullah lanciano un estremo appello ai Paesi musulmani perché riconoscano il governo dei nuovi padroni di Kabul, aprendo la strada a una normalizzazione delle relazioni internazionali e a nuove possibilità di sviluppo.

“Chiedo ai Paesi musulmani di assumere un ruolo guida e riconoscerci ufficialmente - ha detto il premier Mohammad Hassan Akhund durante una conferenza tenuta a Kabul sulla crisi economica del Paese - Quindi spero che saremo in grado di svilupparci rapidamente”.

Il messaggio, anche se Akhund non lo ha esplicitato, sembra essere rivolto principalmente alle tre nazioni che negli anni ’90 riconobbero il governo talebano, Pakistan, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti. I talebani hanno un obiettivo più concreto e urgente rispetto a quello del riconoscimento diplomatico: lo scongelamento dei centinaia di milioni di dollari in asset bloccati all’estero, in particolare negli Stati Uniti.

I Paesi della Conferenza islamica, riuniti a inizio mese, hanno promesso l’impegno ad attivarsi a livello internazionale in questo senso, pur escludendo il rappresentante talebano presente dalla foto di gruppo di rito.

La comunità internazionale condiziona un possibile scongelamento dei fondi soprattutto alla formula di governo, che si vorrebbe inclusiva, e ai diritti umani in particolare quelli delle donne. Argomenti ai quali i talebani sono sordi: il governo “non sacrificherà l’indipendenza dell’economia per piegarsi alle condizioni dei donatori”, ha detto il vicepremier Abdul Salam Hanafi.

La situazione drammatica nel Paese è stata fotografata dall’Organizzazione internazionale del lavoro (Ilo): fino a 900mila i posti di lavoro persi dalla conquista talebana di Kabul. E chi lavora, spesso, non viene pagato. Tra loro soprattutto le donne, è tornata a denunciare Human Rights Watch in uno studio dettagliato che ha preso in esame la provincia di Ghazni, nel sudest afghano.

Aggressioni, minacce, un diffuso senso di ansia e paura che pervade migliaia di donne. “Le imposizioni dei talebani hanno trasformato donne e ragazze in prigioniere virtuali murate in casa, togliendo al Paese una delle sue più preziose risorse”, sottolinea Heather Barr, di Hrw.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
afghanistan paesi musulmani riconoscimento talebani
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
13 ore
Houston abbiamo un problema. Con le tute spaziali
Niente più uscite extraveicolari con i modelli Emu, fino al termine dell’indagine sull’incidente capitato al tedesco Matthias Maurer
Estero
15 ore
La Russia potrebbe ‘chiudere il gas’ alla Finlandia entro sabato
La principale azienda finlandese del gas, Gasum, ha rifiutato di passare al pagamento del gas in rubli
Estero
15 ore
L’Azerbaigian si dichiara pronto a firmare la pace con l’Armenia
Lo ha dichiarato il presidente azero Ilham Aliyev nel corso di un incontro con il presidente lituano Gitanas Naueda a Baku
Estero
18 ore
Erdogan insiste sul ‘no’ a Svezia e Finlandia nella Nato
Il presidente turco persiste nelle accuse ai due Paesi scandinavi candidati di ospitare membri del Pkk considerati terroristi da Ankara
Speciale Ucraina
22 ore
Il soldato russo si dichiara colpevole di crimini di guerra
Il 21enne è accusato di omicidio premeditato di un 62enne avvenuto nel nord-est dell’Ucraina. Segui il live de laRegione
Estero
1 gior
In Spagna lo Stato pagherà i congedi mestruali
Primo Paese in Europa a fare una legge. Permessi speciali di durata variabile. ‘Basta andare al lavoro imbottite di pillole’
Confine
1 gior
‘Big’ della logistica, infiltrazioni di ’ndrangheta dal Comasco
Un affiliato ai clan residente nel Comasco si sarebbe infiltrato nei subappalti della filiale italiana della tedesca Schenker, ora commissariata
Estero
1 gior
Germania: chiesti 5 anni per una ex guardia SS di 101 anni
L’uomo è accusato di aver aiutato tra il 1942 e il 1945 a uccidere più di 3’500 prigionieri
Confine
1 gior
AlpTransit a sud di Lugano, dall’Italia passi avanti
Per potenziare il traffico merci le Ferrovie italiane stanziano 100 milioni per il centro intermodale di Milano-Segrate, 70 milioni li mette la Svizzera
Estero
1 gior
Finlandia nella Nato, arriva anche il sì finale del parlamento
Larghissima maggioranza a favore dell’adesione di Helsinki: 188 i favorevoli, 8 i contrari. La richiesta dovrà ora essere approvata da tutti i 30 membri
© Regiopress, All rights reserved