laRegione
medio oriente
22.12.21 - 23:07

Un albero di Natale fa litigare il Kuwait

Messo in un centro commerciale fa litigare conservatori e progressisti: ‘Viola l’identità islamica’, ‘No, è un’apertura all’Occidente’

Ansa, a cura de laRegione
un-albero-di-natale-fa-litigare-il-kuwait
L’albero della discordia (Albawaba)

Un gigantesco albero di Natale eretto all’interno di un centro commerciale e poi rimosso dalle autorità ha suscitato forte polemica in Kuwait, emirato petrolifero del Golfo. Tra chi vede nel simbolo natalizio un segno di apertura verso l’Occidente e di rispetto dell’esigua componente cristiana locale, e chi invece parla di violazione dell’identità islamica nazionale. Nei giorni scorsi la direzione dell’Avenues, il più grande centro commerciale di tutto il Kuwait, ha deciso di rimuovere un enorme albero di Natale decorato al centro di una delle sale del moderno mercato coperto.

La decisione è stata presa dopo forti pressioni da parte di attivisti e cittadini comuni che si erano rivolti indignati al Ministero del commercio e all’amministrazione comunale di Kuwait City. “E’ un attentato alla dignità islamica del nostro paese“, si legge sulle numerose petizioni apparse online negli ultimi giorni. "L’albero di Natale è un simbolo pagano adottato dai cristiani. Cosa c’entra con il Kuwait?", si chiedeva retoricamente sui social media un cittadino dell’emirato del Golfo. Contro queste posizioni si sono schierati attivisti e rappresentanti di quella parte della società civile kuwaitiana che ambisce a presentarsi come avanguardia occidentalizzata di un paese in cerca di aperture: "La rimozione dell’albero di Natale è un atto reazionario e retrogrado”, scrive un cittadino sui social media. E un altro: "Così il nostro governo è ostaggio dei conservatori!”, si legge su un altro post.

La polemica

Nemmeno troppo velatamente la polemica è stata quasi subito dirottata sul presunto scontro tra Islam e Cristianesimo, senza però che i rappresentanti della comunità cristiana del Kuwait si siano espressi in merito. I cristiani nel paese sono circa 800mila (il 18% della popolazione), ma quasi tutti sono immigrati da altri paesi. Nell’emirato infatti ci sono solo 500 cittadini kuwaitiani di fede cristiana. La stragrande maggioranza della popolazione nazionale è musulmana, sia sunnita che sciita. Ahmad Saleh, analista kuwaitiano, ricorda che “l’albero di Natale è erroneamente associato ai cristiani in quanto tali mentre è in generale un’icona delle feste di fine anno nel mondo occidentale”.

Secondo Saleh, “il Kuwait e la sua composita società di residenti e immigrati stranieri hanno senza dubbio bisogno di apertura. Ma non solo nei confronti della cultura occidentale, bensì di tutte le culture. Soprattutto il Kuwait deve cominciare a fare i conti con le diversità presenti nel suo stesso territorio“. “Non è dunque la presenza o l’assenza di un albero di Natale il termometro dell’apertura o della chiusura del Kuwait”, afferma l’analista. "Serve riconoscere i diritti civili di tutte le componenti della società, dei cristiani e di tutte le altre religioni e persino dei non credenti. Solo così si combattono i radicalismi”, afferma Saleh. "Ma è un processo che richiede tempo e che non si consuma nell’arco di un Natale”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Messico
4 ore
‘I morti continuano ad arrivare e le persone a scomparire’
In Messico traboccano gli obitori. È la conseguenza dell’ondata di violenza legata al traffico di droga. E dei tempi lunghi per l’identificazione
Italia
6 ore
Dopo caro-benzina e caro-elettricità, ecco il caro-panettone
Natale (e Capodanno) più caro per gli italiani (e non solo loro). Che complessivamente dovrebbero spendere 340 milioni di euro in più rispetto al 2021
India
6 ore
Coccodrilli con le valigie in mano pronti a traslocare
Complice la sovrappopolazione, che sta causando continui conflitti tra i rettili, migliaia di loro saranno trasferito da Chennai al Gujarat
Estero
7 ore
Schianto di primo mattino a Forcola. Muore un diciottenne
A bordo della vettura c’erano altri due giovani, entrambi rimasti gravemente feriti. I tre stavano andando a scuola a Sondrio.
Italia
8 ore
Rapina una farmacia. Ma dimentica la ricetta della moglie
Maldestro furto per un 57enne nel Milanese. Sul bancone ha infatti lasciato il foglietto con cui i carabinieri sono risaliti alla sua identità
Brasile
8 ore
Pelé non risponde alla chemio: trasferito in un altro reparto
Dopo il ricovero di martedì, ‘O Rei’ spostato nel reparto delle cure palliative dell’ospedale ‘Albert Einstein’ di San Paolo
Italia
8 ore
Eredità... stupefacente a Sesto Fiorentino
Nell’appartamento del fratello deceduto spuntano un laboratorio per la droga e 2,4 chili di marijuana
Russia
11 ore
Mosca se ne fa un baffo del ‘price cap’ sul petrolio
Per l’ambasciata russa negli Stati Uniti, malgrado il tetto al prezzo dell’oro nero russo, il greggio continuerà a essere richiesto
Indonesia
12 ore
La terra trema sull’Isola di Giava, in Indonesia
L’epicentro del terremoto, di magnitudo 5,7, è stato localizzato a 18 chilometri a sud-est della città di Banjar
Francia
13 ore
Sarkozy da lunedì nuovamente al banco degli imputati
È fissata per dopodomani a Parigi l’udienza in appello per l’ex presidente della Francia, accusato di corruzione
© Regiopress, All rights reserved