laRegione
Zugo
3
Bienne
2
fine
(0-0 : 0-0 : 2-2 : 0-0 : 1-0)
Langnau
1
Lakers
3
fine
(0-0 : 1-1 : 0-2)
Zurigo
3
Davos
2
fine
(3-0 : 0-0 : 0-2)
Langenthal
1
Olten
6
fine
(1-0 : 0-5 : 0-1)
Sierre
1
Zugo Academy
0
fine
(0-0 : 0-0 : 1-0)
avanza-la-variante-omicron-un-caso-sospetto-in-svizzera
Un cartellone con un volo per Città del Capo a Monaco (Keystone)
coronavirus
28.11.21 - 20:580
Aggiornamento : 22:45

Avanza la variante Omicron, un caso sospetto in Svizzera

Gli esperti: ‘Più contagiosa, ma meno pericolosa’. Israele chiude i confini e aumentano i casi rilevati in Europa

a cura de laRegione

Tutto il mondo teme l’avanzata della variante Omicron, che in pochi giorni dalla sua scoperta in Sudafrica ha già valicato i confini di diversi continenti, dall’Europa all’Australia.

Un primo probabile caso della variante è stato segnalato ieri anche in Svizzera su una persona tornata dal Sudafrica circa una settimana fa. Per avere certezze bisognerà attendere i risultati del sequenziamento fra alcuni giorni, ha scritto l’Ufficio federale della sanità pubblica su Twitter.

“È una corsa contro il tempo” per capirne di più e adottare le contromisure giuste, sottolinea la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen mentre Londra, presidente di turno del G7, ha convocato per domani una “riunione d’emergenza” dei ministri della Sanità del Gruppo.

Lo spettro di un’ennesima accelerazione della pandemia sta facendo tornare restrizioni e confini blindati che si sperava fossero stati archiviati dopo l’annus horribilis del 2020. Come in Israele e Marocco, che hanno chiuso le frontiere, nel giorno in cui in Olanda è entrato in vigore il semi-lockdown.

Non chiude invece il Sudafrica, che però valuta l’ipotesi di un obbligo vaccinale. Sulla Omicron gli scienziati lavorano per capire come si sia sviluppata, quanto sia pericolosa e quanto possa aggirare gli attuali vaccini. Per i medici sudafricani, che per primi si sono trovati a studiarla, i sintomi dei contagiati sono “lievi“, ma le sue numerose mutazioni (forse 10, rispetto alle 2 della Delta e alle 3 della Beta) la rendono un ibrido mai visto prima, e quindi degno della massima attenzione. "Ci vorranno due-tre settimane per avere una visione completa”, ha spiegato Ursula von der Leyen, rinnovando la sfida ad accelerare con "vaccini e terza dose”.

Nel frattempo, i governi si impegnano per non vanificare gli sforzi condotti finora. Israele, apripista della risposta al Covid, avendo immunizzato per primo l’intera popolazione, ha chiuso i confini. Il Marocco ha sospeso i voli in arrivo, per due settimane: un provvedimento non di poco conto, se si considera la vocazione turistica del Paese nordafricano. In Europa la Gran Bretagna ha la lista rossa più lunga tra i Paesi dell’Africa australe da cui è vietato viaggiare, ma a Londra vogliono rafforzare le proprie difese. Nel Regno sono stati registrati tre casi di Omicron ed in gioco c’è la possibilità di “godersi il Natale con le famiglie”, ha sottolineato il ministro della Salute Sajid Javid, E martedì scatterà l’obbligo di mascherina nei negozi e nei trasporti, e l’obbligo di test monoclonale per tutti gli arrivi, con quarantena fino al risultato.


L’Olanda va in semi-lockdown (Keystone)

Nel Vecchio Continente la nuova variante continua a crescere in sempre più Paesi, e tutti i positivi sono persone in arrivo dall’Africa australe. La Danimarca si è aggiunta a Belgio, Repubblica Ceca, Italia e Germania, c’è un caso sospetto in Austria. Poi c’è l’Olanda, dove quasi sicuramente ci sono diverse decine di casi di Omicron (almeno 13 accertati) tra i passeggeri di due voli di rientro dal Sudafrica. Proprio in Olanda è appena scattato il semi-confinamento, con la chiusura di ristoranti, bar, negozi non essenziali, cinema dalle 17 alle 5: un giro di vite deciso prima dell’arrivo di Omicron, ma che forse può scongiurarne il dilagare.

La nuova variante, in effetti, grazie ai voli intercontinentali è in grado di percorrere migliaia di chilometri. Così dall’Africa è arrivata fino in Australia ed in Asia, con i primi casi a Hong Kong. Negli Usa “colpirà inevitabilmente", ha sottolineato il virologo Antony Fauci, puntando il dito contro un tasso di vaccinazione stagnante che rischia di portare a una "quinta ondata”.

In Sudafrica, da quando Omicron è stata rilevata, il tasso di positività è schizzato al 9,2%. Mancano ancora i dati su quanti contagi siano legati alla variante, ma gli esperti internazionali ritengono che con vaccinazioni così basse (il 24% della popolazione) il nuovo ceppo potrà fare più danni rispetto a Paesi in cui sono già partite le terze dosi. A Cape Town, tuttavia, l’attesa nuova stretta per contenere il virus non c’è stata. Il presidente Cyril Ramaphosa, parlando alla nazione, ha annunciato soltanto l’istituzione di un gruppo di lavoro per valutare la possibilità di un obbligo vaccinale “per attività e luoghi specifici”. Ed ha lanciato un appello al mondo perché elimini il bando “punitivo” dei voli. Un appello rilanciato oggi anche dall’Oms.

La Svizzera chiude ad altri 4 Paesi

Altri quattro Paesi - Angola, Australia, Danimarca e Zambia - sono stati inseriti dalla Confederazione nella lista dei Paesi per cui vige un obbligo di quarantena di 10 giorni. Oltre all’isolamento, che rientra da questi Paesi deve presentare un test del Covid negativo. La misura, introdotta per contenere il diffondersi della nuova variante Omicron del coronavirus, si applica dalla prossima mezzanotte, ha reso noto il Dipartimento federale dell’interno (Dfi).

Salgono così a 19 i Paesi con una variante preoccupante del coronavirus. Berna ha preso le prime misure legate alla variante Omicron venerdì, con un divieto di voli diretti dal Sudafrica e un divieto di ingresso per i viaggiatori provenienti da Botswana, eSwatini, Hong Kong, Israele, Lesotho, Mozambico, Namibia, Zimbabwe e Sudafrica.

Può invece entrare in Svizzera, con tampone obbligatorio e obbligo di quarantena, chi è cittadino svizzero o ha un permesso di soggiorno. Da ieri tutte le persone che salgono su un aereo ed entrano in Svizzera da Regno Unito, Paesi Bassi, Repubblica Ceca, Egitto e Malawi devono presentare un test Covid 19 negativo e passare dieci giorni in quarantena. Per il Belgio, questo è già applicato da venerdì.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
australia
3 ore
Park Hotel, il limbo dove i profughi sprecano le loro vite
Numeri e storie dall’albergo che ha ospitato Djokovic, uno dei centri di detenzione dove i richiedenti asilo restano ad attendere la libertà per anni
Estero
3 ore
L’Oms: la pandemia non è finita, probabili nuove varianti
Il direttore generale: ‘Omicron può essere in media meno grave ma la narrativa che si tratti di una malattia lieve è fuorviante’
Germania
10 ore
Covid-19, nuovo picco di incidenza in Germania
In 24 ore registrate 74’405 nuove infezioni. E i dati reali potrebbero essere ancora più elevati: i laboratori di analisi sono al limite
Europa
12 ore
È Roberta Metsola la nuova presidente del Parlamento europeo
L’eurodeputata maltese è stata eletta al primo turno con 458 preferenze (su un totale di 690 votanti)
Confine
12 ore
Trasporto pubblico, chieste le dimissioni dell’assessore
I comitati pendolari della Lombardia scrivono al presidente Attilio Fontana e denunciano il decadimento del trasporto, in particolare quello su ferro
Emirati Arabi Uniti
14 ore
Oltre dieci milioni di visite per Expo Dubai
Il traguardo è stato superato lo scorso weekend. E online i contatti sono già oltre 65 milioni. ‘È un risultato eccezionale’
Oceano Pacifico
15 ore
Tonga, la cenere sull’aeroporto ritarda gli aiuti
Si lavora per liberare la pista coperta dall’eruzione del vulcano. Salgono a tre le vittime finora confermate
Estero
1 gior
Crollano le nascite in Cina, mai così poche da 70 anni
Crollate per il quinto anno di fila, scivolando nel 2021 ai minimi dalla fondazione della Repubblica popolare nel 1949
Estero
1 gior
Morta Elena Curti, l’ultima figlia di Mussolini
Aveva quasi 100 anni. Scrisse un libro di memorie e fu testimone della cattura di Dongo
africa
1 gior
Proteste contro i militari, ancora sangue in Sudan
Altri sette morti e almeno cento feriti in manifestazioni antigolpe
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile