laRegione
stati uniti
28.11.21 - 20:39
Aggiornamento: 21:04

Spara col fucile per gioco e uccide l’amico di 5 anni

A premere il grilletto un ragazzino di appena 13 anni, portato in carcere dalla polizia. Aumentano le vendite di armi negli Usa

Ansa, a cura de laRegione
spara-col-fucile-per-gioco-e-uccide-l-amico-di-5-anni
Vendita di armi sempre più sotto accusa in America (Keystone)

Morire a cinque anni per un colpo di fucile esploso accidentalmente in casa durante un gioco tra ragazzini. A sparare un tredicenne, mentre i genitori festeggiavano il Thanksgiving nella sala da pranzo. Teatro dell’ennesima tragedia delle armi da fuoco in America è una cittadina del Minnesota, Brooklyn Park, nei sobborghi di Minneapolis. Il gruppetto di bambini, cinque o sei, dopo il pranzo tra parenti e amici stava giocando nel garage dell’abitazione e girando alcuni video da postare sui social media, mostrando il loro trofeo: un fucile - secondo una prima ricostruzione - lasciato incustodito con tanto di proiettili in canna. Non è chiaro come sia partito il colpo che ha preso in pieno il più piccolo del gruppo per il quale non c’è stato nulla da fare, nonostante gli immediati soccorsi. È morto sul posto tra lo shock generale dei presenti.

Un dramma reso ancor più amaro dalla decisione della polizia di arrestare il tredicenne ora rinchiuso in un carcere minorile in attesa dello sviluppo delle indagini, col rischio che venga accusato di omicidio colposo. Pazienza se, come in decine di altri casi, a causare l’incidente sia stata l’incoscienza degli adulti, incapaci di tenere un oggetto così pericoloso in sicurezza e di custodirlo in un posto inaccessibile per dei bambini. Ma sullo sfondo c’è la realtà di un Paese che ha il più alto numero al mondo di armi da fuoco in circolazione, oltre 395 milioni, vale a dire il 46% di quelle detenute da civili nell’intero pianeta. In pratica, secondo gli ultimi dati ufficiali, ci sono più armi che americani (120 ogni 100 cittadini), col il 44% degli adulti che vive in una famiglia che possiede, legalmente o illegalmente, pistole o fucili. Molti di questi ultimi i micidiali modelli semiautomatici protagonisti di tante stragi.


Un’armeria statunitense (Keystone)

Una vera e propria epidemia, insomma, come l’ha definita in passato lo stesso presidente Joe Biden, incapace finora di portare a casa una stretta ostacolata dal Congresso, su cui la potente lobby della Nra continua ad avere un’influenza bipartisan. Eppure, dati statistici alla mano, l’America è afflitta da una piaga che si porta dietro tante terribili conseguenze, regalando al Paese il triste primato anche negli omicidi, nei suicidi e nelle sparatorie di massa.

Numeri in crescita

Secondo i numeri dell’Fbi, se nel 2018 i produttori di armi negli Stati Uniti ne hanno messe sul mercato oltre 9 milioni, più del doppio di dieci anni prima, a causa della pandemia si sta verificando un nuovo boom. Nel 2021 infatti si registra un aumento del 20% sull’anno precedente delle richieste di background check, i controlli effettuati dai rivenditori su chi acquista armi per verificare se l’acquirente ha precedenti penali o soffra di disturbi mentali. Tali richieste non erano così numerose da circa dieci anni.

Più armi in circolazione vuol dire più violenza. Così, secondo i dati dell’organizzazione no profit Gun Violence Archive, nel 2019 in America ci sono stati 4 omicidi causati da armi da fuoco ogni 100 mila persone, 18 volte di più della media dei Paesi sviluppati. Le città più violente Chicago, New York, Atlanta, Louisville, ma anche la “città dell’amore fraterno”, Philadelphia. Gli Stati Uniti detengono anche un altro triste primato: il 44% dei suicidi globali effettuati con un’arma da fuoco, oltre 23.000 nel 2019, dato che non tiene ancora conto del periodo della pandemia. E poi le sparatorie di massa, quelle che statisticamente coinvolgono più di quattro persone: in America nel corso di vent’anni hanno causato oltre 2.000 tra morti e feriti. Nel 2019 sono state 417, nel 2021 se ne contano già 641.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
le bugie dell’iran
44 min
‘Mahsa morta per una malattia, non per le botte’
Teheran tira dritto e parla di suicidio per la sedicenne Sarina. Amnesty e altre Ong controbattono: ‘Uccisa a manganellate’
Estero
3 ore
L’Onu monitorerà la repressione in Russia
È la prima volta che Mosca è presa di mira da un testo riguardante la situazione dei diritti umani nel Paese.
Confine
6 ore
Dal Mendrisiotto a Varese per coltivare marijuana
La scoperta della mega piantagione in una fattoria. Nei guai una famiglia: arrestati padre e figlio, indagata a piede libero la mamma.
Estero
9 ore
Il Nobel per la Pace va ad Ales Bialiatski (e non solo)
L’attivista bielorusso condivide il riconoscimento con due organizzazioni umanitarie: il Russia’s Memorial e l’Ukraine’s Center for civil Liberties
Estero
11 ore
Milano violenta, arrestati i trapper Baby Gang e Simba La rue
Alla base del provvedimento una lite nella zona della movida finita a colpi di pistola contro due persone. Il giudice: ‘Violenza legata a logica di banda’
Confine
15 ore
Minori non accompagnati, aumenta la pressione in frontiera
Nel suo oratorio di Rebbio, don Giusto della Valle sta attualmente ospitando 15 ragazzi egiziani. A Como mancano strutture sufficienti per tutti.
Estero
22 ore
Nasce la Comunità politica europea, c’è anche la Svizzera
L’incontro a Praga con 44 Paesi presenti. C’è anche la Turchia. Restano fuori solo Russia e Bielorussia
thailandia
1 gior
Entra nell’asilo e fa una strage: 37 vittime, 24 sono bambini
Il killer, un ex poliziotto licenziato dopo un test antidroga, ha poi sterminato la famiglia e infine si è ucciso
Brasile
1 gior
Presidenziali brasiliane, Lula in vantaggio
Nel primo sondaggio in vista del ballottaggio del 30 ottobre in Brasile, l’ex presidente di sinistra incasserebbe il 51% dei favori
Corea del Nord
1 gior
Altri due missili verso il Mar del Giappone
Altre provocazioni dalla Corea del Nord. E dall’ambasciatrice americana all’Onu arriva il richiamo: ‘Basta con questo atteggiamento sconsiderato’
© Regiopress, All rights reserved