laRegione
i-morti-a-kabul-salgono-a-170-gli-usa-temono-altri-attacchi
keystone
27.08.21 - 21:04

I morti a Kabul salgono a 170, gli Usa temono altri attacchi

Biden prepara la vendetta con droni e missili sull'Isis. Si è fermato l'afflusso di disperati verso l'aeroporto: ora cercano di fuggire verso il Pakistan

Ansa, a cura de laRegione

Indumenti, scarpe, borse sparse sul terreno, sul muro grandi macchie di sangue e qua e là ancora qualche carriola di quelle usate per trasportare i feriti. Così si presenta lo spazio a ridosso del recinto dell'aeroporto di Kabul dove un attacco dei jihadisti dell'Isis-K ha provocato giovedì almeno 170 morti e 200 feriti. Questo il bilancio aggiornato. E mentre uno dopo l'altro partono gli ultimi voli di evacuazione e diminuiscono le forze della Nato a protezione del perimetro, aumenta il pericolo di nuovi attentati terroristici, che secondo il capo del comando centrale Usa Kenneth McKenzie potrebbero essere compiuti con razzi e autobomba.

Joe Biden in persona è stato avvertito dal suo team per la sicurezza nazionale che un nuovo attacco a Kabul "è probabile" in queste ore. "Sono preoccupato, l'Isis ha la capacità, se lo vuole, di realizzare un maggior numero di questo tipo di attacchi", ha ammesso il ministro della Difesa britannico Ben Wallace. E anche la Cina, che ha mantenuto aperta la sua ambasciata a Kabul, ha invitato i propri cittadini a restare se possibile in casa e a evitare "aree ad alto rischio": prima fra tutte, appunto, quella dell'aeroporto. Tra le vittime straniere dell'attentato all'aeroporto, oltre ai 13 militari americani, figurano anche tre cittadini britannici, incluso un bambino, secondo quanto accertato nelle ultime ore. Mentre molte famiglie afghane continuano disperatamente a cercare i loro cari, poiché molti degli uccisi non sono ancora stati identificati.

Per mettere in sicurezza la zona in queste ore convulse i militari americani dovrebbero riuscire a espandere il controllo sulle aree intorno al perimetro dello scalo, ha avvertito un esperto di antiterrorismo, l'ambasciatore Nathan Sales, già rappresentante Usa presso la coalizione internazionale anti-Isis. "È semplicemente inaccettabile che gli Stati Uniti, o qualsiasi nazione civilizzata, si affidino ai Talebani per garantire la sicurezza", ha aggiunto Sales. Gli stessi Talebani hanno addossato la responsabilità di quanto accaduto alle forze americane, con il portavoce del Pentagono John Kirby che risponde denunciando a sua volta "falle nella sicurezza" da parte degli studenti coranici ormai al potere a Kabul. Quel che è certo è che permangono "minacce specifiche e credibili" di nuove azioni terroristiche, avverte il generale Hank Taylor, dello stato maggiore congiunto Usa.

Gli Usa approntano i piani d'attacco

«Ogni attacco riceverà una risposta rapida e forte», con l'uso «devastante della forza, se necessario», aveva minacciato Bide dieci giorni fa. Un monito rivolto forse più ai talebani ma che da giovedì mette nel mirino i responsabili della strage alle porte dello scalo della capitale afghana. «Non dimenticheremo, non perdoneremo, vi daremo la caccia ovunque e ve la faremo pagare», ha promesso tra rabbia e lacrime parlando alla nazione dalla Casa Bianca dopo la tragedia. Il 'commander in chief' ha ordinato al Pentagono di mettere a punto piani di attacco per colpire leader, asset e strutture dell'Isis-K, la filiale afghana dello Stato Islamico che ha rivendicato l'attentato. Joe Biden vuole «morti» i responsabili dell'attacco: lo ha detto la portavoce della Casa Bianca Jen Psaki. Il suo impegno a eliminarli, ha aggiunto, «continuerà finché non sarà successo».

L'ipotesi allo studio è l'uso di droni e missili contro i rifugi dei capi dei miliziani, probabilmente al poroso confine col Pakistan. E forse solo dopo il completamento del ritiro il 31 agosto, per non compromettere ulteriormente la sicurezza delle evacuazioni. Nel briefing quotidiano i portavoce del Pentagono si sono ben guardati dall'entrare nel dettaglio della futura risposta e si sono limitati a fornire qualche aggiornamento, precisando innanzitutto che ad agire è stato un solo kamizake e che non c'è stata una seconda esplosione vicino all'hotel Baron, ma senza dare dettagli, neppure sulla sparatoria che ne è seguita. Le indagini sembrano ancora fumose e frammentarie. Per la prima volta inoltre hanno ammesso che a consentire l'attentato potrebbero essere state delle falle nella sicurezza da parte dei talebani, dopo che Biden ha negato prove di una "collusione" tra gli studenti islamici e l'Isis.

Ancora in fuga

L'attentato suicida all'Abbey Gate dell'aeroporto – il Pentagono ha smentito che ci sia stata una seconda esplosione nei pressi dell'Hotel Baron chiarendo che il kamikaze era solo uno – ha avuto l'effetto di fermare almeno in parte l'afflusso dei disperati che si ammassavano alle entrate dello scalo. Un giornalista della Cnn ha riferito di un numero limitato di persone nell'area. Ma in compenso a decine di migliaia cercano ora di fuggire via terra verso il Pakistan. Immagini satellitari mostrano una massa umana che si muove in direzione del valico di frontiera di Spin Boldak.

Intanto procede senza un attimo di pausa il lavoro negli ospedali. In quello di Emergency, che ha ricevuto oltre 60 feriti, le operazioni chirurgiche sono proseguite fino al mattino. "Quelli che abbiamo accolto mi sembravano persone che avevano visto la cosa più brutta del mondo, vittime di una cosa tremenda", ha raccontato Alberto Zanin, coordinatore medico dell'ospedale. Mentre diversi Paesi, tra cui la Svizzera, l'Italia e la Spagna, hanno concluso le evacuazioni, continuano quelle degli Usa e della Gran Bretagna. Ancora 5.400 persone, hanno fatto sapere gli Stati Uniti, attendono all'interno dell'aeroporto di essere imbarcate, dopo le oltre 110.000 portate fuori dal 14 agosto.

Ma nuove polemiche investono Washington e Londra per errori che avrebbero messo a rischio l'incolumità di loro collaboratori afghani, molti dei quali non potranno essere fatti espatriare. Il presidente Usa Joe Biden ha ammesso che funzionari a Kabul potrebbero aver "occasionalmente" fornito essi stessi ai Talebani i nominativi di afghani alleati perché li lasciassero accedere all'aeroporto. Intanto l'inviato del Times a Kabul, Anthony Loyd, ha detto di avere scoperto nell'ambasciata britannica, ora in mano ai miliziani jihadisti, documenti relativi a collaboratori afghani, con tanto di nomi e numeri di telefono, che non sono stati distrutti prima dell'abbandono della sede diplomatica.
 
 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aeroporto attacchi disperati morti pakistan sicurezza
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
4 ore
Via libera del Congresso Usa alla stretta sulle armi
Anche la Camera dei rappresentanti ha approvato il provvedimento, ora sulla scrivania del presidente Joe Biden
Confine
7 ore
L’Italia taglia ancora fino ad agosto le accise sui carburanti
Prorogata fino al 2 agosto la riduzione complessiva di 30,5 centesimi di euro al litro per benzina, diesel, gpl e metano
Estero
8 ore
La Corte Suprema Usa cancella il diritto federale all’aborto
Abolita dopo 50 anni la storica sentenza Roe v. Wade del 1973 che legalizzava l’aborto. Ora ogni Stato potrà legiferare liberamente in materia
Estero
8 ore
Germania, abolito il divieto di informare sull’aborto
Il parlamento tedesco ha votato la cancellazione del paragrafo 219a del codice penale, risalente ai primi mesi della dittatura nazista
Confine
10 ore
Schianto a Maccagno, 15enne del Bellinzonese rischia la vita
Un’auto con a bordo una donna e due minorenni è uscita di strada ieri sera. Non sono ancora note le cause dell’incidente
Confine
10 ore
Aumentano i sequestri di valuta alla frontiera
A Brogeda e alla stazione di Chiasso sono stati intercettati oltre 23 milioni di euro. Le violazioni accertate dalla Guardia di finanza sono 663
Estero
13 ore
Onu: la giornalista Shireen Abu Akleh uccisa da forze israeliane
Questa la conclusione dell’inchiesta delle Nazioni Unite. L’uccisione l’11 maggio scorso durante gli scontri a Jenin (Cisgiordania). Israele nega
Confine
13 ore
Mottarone, slitta a settembre il deposito delle perizie
La proroga per ‘sopravvenute esigenze di ulteriori indagini e approfondimenti’. Dai primi accertamenti rilevati dei componenti che andavano sostituiti
Estero
15 ore
Spagna, iniziato lo sciopero del personale di Ryanair
Secondo il quotidiano El País, per il momento la protesta non sta generando particolari disagi ai viaggiatori
Estero
15 ore
Ritiro da Severodonetsk ordinato alle forze ucraine
Il governatore del Lugansk: ‘Non ha più senso rimanere in posizioni che sono state costantemente bombardate per mesi’
© Regiopress, All rights reserved