laRegione
14.04.21 - 23:09

Erdogan attacca Draghi: ‘Un maleducato’

Il presidente turco risponde al premier italiano che lo aveva chiamato ‘dittatore’ dopo il caso Von der Leyen

Ansa, a cura de laRegione
erdogan-attacca-draghi-un-maleducato
Il presidente del Consiglio italiano Mario Draghi (Keystone)

"Una totale maleducazione". Dopo una settimana di silenzio, è arrivata la secca replica di Recep Tayyip Erdogan al premier Mario Draghi, che lo aveva definito un "dittatore" con cui bisogna però "collaborare". Il presidente turco, che finora si era affidato alla vivace protesta della sua diplomazia, ha deciso di intervenire in prima persona. "Prima di dire una cosa del genere a Tayyip Erdogan devi conoscere la tua storia, ma abbiamo visto che non la conosci. Sei una persona che è stata nominata, non eletta", ha attaccato il leader di Ankara, rilanciando il riferimento al fascismo e alla dittatura di Benito Mussolini fatto nei giorni scorsi dai suoi. Parole pronunciate con calma, quasi sussurrate in una chiacchierata con alcuni giovani nella sontuosa biblioteca del suo palazzo presidenziale di Ankara, la più grande della Turchia.

Risposta piccata

Per una volta, Erdogan alza i toni ma non tuona. Anzi ostenta calma, quasi indifferenza. "Qualunque cosa dica il premier italiano, non vi preoccupate. Pensiamo agli affari nostri", ha risposto a una ragazza che gli chiedeva come avesse reagito a quell'epiteto improvviso. "In un momento in cui speravamo che le relazioni tra Turchia e Italia avessero raggiunto un buon punto, quest'uomo chiamato Draghi ha purtroppo danneggiato queste relazioni", ha accusato ancora Erdogan, denunciando anche una "totale impertinenza" nei suoi confronti. Poche parole che rigettano sul tavolo tutti gli attacchi all'Italia scatenati nei giorni scorsi attraverso ministri e sostenitori, riaccendendo la miccia delle tensioni.

Nella convocazione a caldo dell'ambasciatore italiano ad Ankara, Massimo Gaiani, la Turchia aveva chiesto una retromarcia che non c'è stata. Da allora, la diplomazia lavora dietro le quinte per cercare di ricomporre la crisi e ammorbidire le posizioni. A parte la condanna, il governo di Ankara non ha ancora compiuto passi ufficiali verso un'ulteriore escalation.

Timori di rappresaglie economiche

Sul tavolo restano però tutte le temute ripercussioni sulle floride relazioni economiche, che oggi Erdogan ha descritto come a rischio. Un interscambio che prima della pandemia sfiorava i 18 miliardi di dollari, e anche nell'anno della grande crisi del Covid è rimasto sopra i 15 miliardi. I timori di rappresaglie e boicottaggi, come già avvenuto durante crisi diplomatiche con altri Paesi europei, Francia in testa, non mancano. Oltre alle indiscrezioni dei giorni scorsi sul possibile congelamento di alcune commesse, in particolare nel settore della difesa, a guardare con ansia agli sviluppi restano le circa 1.500 imprese italiane attive in Turchia in tanti campi, dai macchinari industriali alla chimica, oltre ai giganti come Barilla e Astaldi, Stellantis e Ferrero, che nell'area del Mar Nero si rifornisce di buona parte delle sue nocciole. Ma i timori riguardano anche i mercati turchi, che nei primi due mesi dell'anno, in un momento di crisi tra emergenza sanitaria e fragilità della lira, avevano trovato nel nostro Paese il primo investitore mondiale.

Sullo sfondo restano le grandi sfide geopolitiche che vedono Italia e Turchia come protagoniste. Ieri, commentando la visita di Ursula von der Leyen e Charles Michel della scorsa settimana - senza però toccare il caso del 'sofagate', derubricato da fonti diplomatiche di Ankara a un scontro di potere tra i palazzi di Bruxelles -, Erdogan era tornato a evocare come unica ambizione del suo Paese la piena adesione all'Ue. Un'eventualità da più parti contestata in Europa e che potrebbe allontanarsi ulteriormente in caso di raffreddamento dei rapporti con Roma. E la partita resta tutta da giocare anche in Libia, dove Draghi e Erdogan hanno già lanciato lo sprint per assicurarsi un ruolo chiave nella ricostruzione.

Salvini sta con Draghi

Dall'Italia intanto è arrivato il commento di Matteo Salvini: "Oggi più che mai sto con il presidente Draghi, la democrazia, la libertà, l'Occidente", ha scritto in un tweet il leader della Lega. Mentre per il Pd ha parlato la responsabile Esteri Lia Quartapelle: "Sono anni che l'atteggiamento e le scelte di Erdogan allontanano la Turchia dagli alleati e dai partner strategici. Anche oggi, punto nel vivo da Draghi, fa prevalere il rancore e pronuncia parole inaccettabili. La Turchia sarà più sola".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Italia
9 ore
Scassinano 21 bancomat e rubano circa un milione: arrestati
Tra i reati contestati fabbricazione e porto illegale di esplosivi in pubblico, ricettazione, rapina aggravata e furto d’auto
eutanasia
1 gior
Cappato ha accompagnato un altro italiano a morire in Svizzera
La moglie: ‘Gravemente malato, non voleva più soffrire’. Dopo l’autodenuncia del tesoriere dell’associazione Luca Coscioni, un’altra indagine
la guerra in ucraina
1 gior
Putin alle madri russe: ‘I vostri figli sono eroi’
Secondo il presidente in rete circolano “false notizie, inganni e menzogne”, utilizzate come “armi da combattimento”
Estero
1 gior
Le proteste a Foxconn, tra il Covid e l’iPhone
Scontri senza precedenti si sono registrati nei pressi della megafabbrica cinese che produce gli smartphone di Apple. C’entra il coronavirus, ma non solo
Francia
1 gior
Macron si difende dalle accuse,‘non ho nulla da temere’
Il presidente francese nel mirino dei giudici per finanziamento illecito
Estero
1 gior
‘Il Papa vuole la mia morte’, la chat del cardinale a processo
Il cardinale Giovanni Angelo Becciu è imputato in Vaticano per la gestione di alcuni fondi della Santa Sede, in relazione a un affare immobiliare a Londra
Estero
1 gior
Un pitone attacca un bimbo di 5 anni, il nonno lo salva
Il serpente ha morso il bambino e ha tentato di soffocarlo fra le sue spire, ma l’intervento dell’anziano ha evitato il peggio
Confine
2 gior
Frontalieri, al via in Italia il disegno di legge
Il nuovo accordo ritorna ora all’esame del Parlamento. Ma la strada è ancora lunga.
Estero
2 gior
Zelensky avverte l’Onu: ‘Milioni di persone al gelo’
I missili russi privano città e villaggi della corrente elettrica, dell’acqua e del riscaldamento: ‘Crimine contro l’umanità’.
Estero
2 gior
La Russia multerà pesantemente la diffusione di ‘cultura gay’
Al varo la nuova legge che sanziona la ‘propaganda delle relazioni non tradizionali’ anche fra gli adulti e non solo fra i minori come in precedenza
© Regiopress, All rights reserved