laRegione
trump-e-nei-guai-l-impeachment-e-ormai-avviato
Legislativo blindato (KEYSTONE)
STATI UNITI
13.01.21 - 23:140

Trump è nei guai, l’impeachment è ormai avviato

Restano da chiarire le tempistiche e se si troverà la maggioranza di due terzi che serve per ’condannare’ il presidente Donald Trump dopo l’assalto al Congresso

Washington – Una settimana esatta prima della fine del suo mandato alla Casa Bianca la Camera vota l’impeachment contro Donald Trump, che diventa così il primo presidente della storia a essere messo in stato d’accusa due volte. Gli si contesta l’incitamento all’insurrezione per aver istigato in un comizio i suoi fan ad assaltare il Congresso e impedire la certificazione della vittoria di Joe Biden, contestata per settimane evocando inesistenti brogli elettorali e minacciando anche il segretario di Stato della Georgia. Un attacco violento costato cinque morti, diversi feriti, danneggiamenti e un vulnus senza precedenti alla democrazia americana.

“Trump è un pericolo evidente e immediato, ha incitato la ribellione armata contro la nazione, deve essere destituito”, ha denunciato in aula la speaker della Camera Nancy Pelosi, definendo i rivoltosi non “patrioti”, come li ha chiamati il presidente, ma “terroristi”. Il voto è avvenuto “sulla stessa scena del delitto”, come ha sottolineato un deputato. E in un’atmosfera da stato di guerra nella capitale: centinaia di riservisti hanno passato la notte all’interno di Capitol Hill; la Guardia Nazionale presidia a mano armata anche tutto il perimetro esterno del Parlamento.

La mozione d’impeachment arriva dopo che la Camera ha approvato quella sul 25esimo emendamento. Mike Pence tuttavia si è rifiutato di invocarlo, ritenendo che non sia “nel miglior interesse del Paese” e invitando a evitare “azioni che dividerebbero e infiammerebbero ulteriormente la passione del momento”. La seconda messa in stato d’accusa di Trump ha però ricevuto un crescente consenso tra i repubblicani, che in quella precedente per l’Ucrainagate erano stati invece compatti alla Camera. Già prima del voto erano usciti allo scoperto cinque deputati del Grand Old Party. Tra loro Liz Cheney, numero tre del partito alla Camera e figlia del controverso ex vicepresidente di George W. Bush. “È Trump ad aver acceso il fiammifero dell’attacco”, ha accusato la parlamentare, che pilota il fronte interno contro The Donald candidandosi di fatto a guidare il partito alla Camera.

Cosa succede ora

La chiave di volta potrebbe essere il potente leader repubblicano al Senato Mitch McConnell, che in privato ha detto di vedere di buon occhio l’impeachment, ritenendolo fondato e utile per aiutare il partito a voltare pagina. Se confermasse pubblicamente la sua posizione potrebbe aprire una grande breccia tra i suoi, consentendo forse di arrivare alla maggioranza dei due terzi per la ‘condanna’ (non giuridica, ma politica, e non necessariamente relativa a fatti di rilevanza penale: nel 1998 Bill Clinton fu messo in stato d’accusa per avere mentito circa una relazione extraconiugale).

In passato una tale maggioranza non si è mai trovata, né per lo stesso Trump durante l’Ucrainagate nel 2019 – fu accusato di aver fatto pressioni sul governo ucraino per avviare indagini sul conto della famiglia Biden –, né per alcun altro presidente. Neppure Richard Nixon attese la fine della procedura per dimettersi dopo il Watergate. Stavolta, però, i fatti discussi sono sotto gli occhi di tutti.

Resta aperta la questione delle tempistiche. Il trascinarsi dell’impeachment preoccupa il subentrante Biden, che teme di dividere il Paese proprio durante i fatidici ‘cento giorni’ nei quali dovrà mettere in cantiere le misure più urgenti, comprese quelle contro il coronavirus. Per questo già si pensa di rimandare i lavori alla tarda primavera: un impeachment ‘postumo’ non è mai stato attivato, ma nulla pare escluderlo e sarà utile per interdire a Trump una nuova candidatura nel 2024. La strada, in ogni caso, potrebbe rivelarsi ancora lunga. ANSA/RED

TOP NEWS Estero
Estero
1 min
Assalto al Congresso Usa, 'volevano prendere ostaggi'
Lo dichiarano le procure che indagano sull'irruzione a Capitol Hill del 6 gennaio. Gli assalitori potenzialmente a rischio di assassinare deputati e senatori
Stati Uniti
2 ore
Lo 'sciamano' Jake Angeli chiede la grazia a Trump
L'uomo sostiene che Trump lo abbia invitato a prendere d'assalto Capitol Hill mentre i parlamentari certificavano la vittoria di Biden
Estero
8 ore
Sisma in Indonesia, almeno 34 morti e centinaia di feriti
La scossa di magnitudo 6.3 si è verificata nella notte sull'isola indonesiana di Sulawesi. Crollato anche un ospedale.
Estero
17 ore
Coronavirus, la Francia anticipa il coprifuoco alle 18
La situazione non migliora. In Germania si potrebbe inasprire dal 20 gennaio il lockdown già in vigore
Stati Uniti
18 ore
Covid, piano Biden da 1900 miliardi per sanità ed economia
Lo anticipa il New York Times. Si tratterebbe di aiuti diretti ai cittadini americani e ai singoli Stati, oltre a risorse per test e vaccini
Germania
21 ore
Buchenwald, in slittino nelle fosse comuni del lager
Trovate tracce di slittino anche sulle tombe. Molta gente usa l'ex campo nazista per fare sport invernali
Estero
1 gior
Cina, primo morto per Covid dopo 8 mesi
Intanto arrivano a Wuhan i 10 esperti della task force dell’Oms che lavoreranno per ricostruire l’origine e la diffusione iniziale del virus
Portogallo
1 gior
Coronavirus, torna il lockdown in Portogallo
Il coprifuoco entrerà in vigore venerdì. Le scuole potranno comunque restare normalmente aperte
Estero
1 gior
Navalny: 'Il 17 gennaio torno in Russia, venite a salutarmi'
Il maggior oppositore di Vladimir Putin, dopo il rischio di morte per avvelenamento, annuncia il ritorno in patria nonostante le imputazioni a suo carico
Estero
1 gior
Cina, Human Rights Watch: repressione mai così dura da TienAnMen
Human Rights Watch presenta a Ginevra il rapporto annuale su abusi e violazioni dei diritti umani nel mondo e punta il dito contro Pechino
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile