laRegione
boko-haram-rivendica-il-rapimento-di-oltre-300-ragazzini
In passato i terroristi hanno causato anche molti sfollati (Keystone)
15.12.20 - 20:17

Boko Haram rivendica il rapimento di oltre 300 ragazzini

333 gli adolescenti dispersi. Gli esperti temono un’espansione nel nord della Nigeria del gruppo alleato all’Isis

I terroristi islamici di Boko Haram hanno rivendicato il rapimento di massa avvenuto nella notte tra venerdì e sabato nel nord della Nigeria, in un’area diversa da quella dove operano da tempo. La formazione jihadista ha diffuso sui suoi canali un audio in cui il suo capo, Abubakar Shekau, rivendica l’attacco e il sequestro di centinaia di adolescenti nello Stato del Katsina, con un blitz condotto da centinaia di uomini armati a bordo di motociclette. “Sono Abubakar Shekau e i nostri fratelli sono dietro al rapimento nel Katsina”, ha dichiarato la voce attribuibile al leader jihadista.

L’attacco, anche questa volta, ha preso di mira una scuola, situata a Kankara: centinaia di liceali sono fuggiti nella boscaglia ma, secondo fonti ufficiali nigeriane, almeno 333 adolescenti risultano dispersi (anche se altre fonti locali parlano di oltre 500). Il governatore dello stato di Katsina, Aminu Bello Masari, ha scritto su Twitter che i rapitori “hanno contattato il governo” e sono in corso "colloqui" per liberarli. Diversi genitori che speravano si trattasse solo di un rapimento a scopo di estorsione come molti che avvengono in zona su scala minore, sono però pessimisti circa una rapida liberazione: i Boko Haram non sono infatti criminali comuni, ma fanatici ideologizzati.

Si tratta di un’organizzazione sunnita diffusa nel nord-est della Nigeria e una sua ala maggioritaria è alleata con l’Isis dal 2015. La formazione, il cui nome significa "l’istruzione occidentale è proibita”, vuole imporre al Paese la sharia e dal 2009 ha causato più di 36mila morti e due milioni di sfollati. L’Unicef calcola che i Boko Haram abbiano rapito più di mille bambini e giovanissimi dal 2013. Il caso più noto era stato quello delle 219 ragazze, tra i 12 e i 17 anni, rapite nell’aprile 2014 dal liceo di Chibok, nello Stato settentrionale del Borno, per farne "schiave" o vittime di matrimoni forzati: da allora, con raid o trattative, ne sono state liberate 107, ma 112 restano nelle mani dei rapitori. Analisti hanno giudicato l’attuale rapimento come “un terribile messaggio politico” lanciato dai Boko Haram per dimostrare una loro “espansione territoriale nel nord del Paese”, fuori dalla zona in cui erano finora confinati.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
boko haram isis nigeria rapimento
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
6 ore
Incendi fuori controllo in Francia, il fumo arriva nel Vaud
Particolarmente colpito il sud-ovest del Paese: 400 ettari di foreste distrutti nel Giura francese
Confine
6 ore
Sangue a Como: ucciso un 70enne, feriti un bimbo e un ragazzo
Le tre aggressioni sono avvenute tutte nella stessa zona, a sud della città. Arrestato un 33enne di Albiolo.
roma
6 ore
Flop della banda del buco, ladro resta incastrato nel tunnel
Salvato dopo 8 ore dai vigili del fuoco, forse progettavano il colpo di Ferragosto
italia
7 ore
Accordo Renzi-Calenda, nasce il terzo polo
Obiettivo principale riportare Draghi a Palazzo Chigi. Il leader di Azione sarà il candidato numero uno
Estero
7 ore
L’Estonia chiude l’ingresso ai russi
Tallinn revoca visti e chiede lo stop Ue. Cremlino infuriato. La Germania dissente con la mossa estone e Kiev chiede spiegazioni
la guerra in ucraina
7 ore
Nuovi raid a Zaporizhzhia, scambi di accuse Mosca-Kiev
Guterres (Onu): smilitarizzare l’area. In Crimea distrutti 8 jet russi
libano
7 ore
Prende ostaggi in banca per disperazione, la folla sta con lui
L’uomo, armato, voleva recuperare i suoi soldi congelati dalle banche.
stati uniti
7 ore
Trump non ha risposto 400 volte
L’ex presidente festeggiato nel suo golf club in New Jersey, ma il procuratore James pensa di portarlo a processo
Estero
10 ore
Barcone di migranti si capovolge al largo di Lampedusa
Non ci sarebbero vittime. È successo mentre erano in corso le operazioni di soccorso
Estero
14 ore
Lavoro, la pandemia ha toccato maggiormente i giovani
La fascia d’età tra i 15 e i 24 anni ha perso più impieghi rispetto agli adulti. Lo indica l’Organizzazione internazionale del lavoro (Ilo)
© Regiopress, All rights reserved