laRegione
30.11.20 - 20:48

Francia, il governo deve riscrivere la legge sulla sicurezza

L'articolo 24, che vieta di filmare la polizia, ha creato il caos sfociato anche nelle potreste. Tumulti che obbligano l'Eliseo a tornarci su

Ansa, a cura de laRegione
francia-il-governo-deve-riscrivere-la-legge-sulla-sicurezza
Le importanti proteste stanno avendo il loro effetto (foto Keystone)

“Quest'articolo ha provocato il caos. Mi avete messo in una situazione che poteva essere evitata. Bisogna riscriverlo completamente”: un Emmanuel Macron che i suoi ministri e collaboratori hanno descritto come “furioso” e “glaciale” nel rivolgersi ai membri del governo ha strigliato all'Eliseo i responsabili del famigerato articolo 24 della legge sulla sicurezza, quello che vieta di filmare e fotografare poliziotti in azione, anche durante le manifestazioni.

Una riunione di crisi per trovare una soluzione

È stato necessario un vertice, una riunione di crisi per mettere in piedi un tentativo di uscire dal vicolo cieco nel quale il governo e la maggioranza si sono infilati negli ultimi giorni. Dove alla protesta per questa legge vista come "liberticida" dai francesi - anche se nata per proteggere gli agenti a rischio di ritorsioni o di pubblicazione dei loro volti sui social - si sono aggiunti i clamorosi casi di violenza da parte delle forze dell'ordine: prima lo sgombero a suon di manganellate e calci di centinaia di migranti da place de la République, poi l'ancora più incredibile caso del produttore musicale Michel Zecler fermato sotto il suo studio di registrazione, trascinato all'interno e picchiato per almeno 20 minuti da tre agenti che lo hanno insultato gridandogli “sporco negro”. Due di loro sono in carcere, gli altri sono sotto inchiesta per violenze e abuso di potere. Uno di loro ha lanciato all'interno del locale di proprietà di Zecler, in cui erano asserragliati e terrorizzati anche diversi componenti di un gruppo di musica rap che stava registrando, un candelotto lacrimogeno, mettendo a rischio l'incolumità di tutti.

Macron vuole la riscrittura della norma

La rabbia che si è scatenata nelle piazze francesi sabato pomeriggio, ingiustificabile nelle abituali violenze e vandalismi dei black bloc, ha contribuito a far vacillare il governo. Al punto che Macron ha ordinato ai suoi la riscrittura dell'articolo, sperando che sia la strada giusta per uscire dalla crisi. Il presidente è apparso in un vicolo cieco fra la pressione della piazza e della sinistra, che chiede il ritiro dell'articolo che fa parte della legge sulla "sicurezza globale", e la destra che ne reclama la correttezza e la legittimità.

Spalle al muro, all'Eliseo, c'erano il premier Jean Castex, il ministro dell'Interno, Gérald Darmanin (principale bersaglio dei manifestanti di sabato e indicato come l'esponente che sposta più a destra l'esecutivo) e i capigruppo della maggioranza de La République en Marche. “È una prima marcia indietro - ha commentato il leader dei deputati comunisti Fabien Roussel - ma noi vogliamo il ritiro dell'articolo e di tutta la legge”.

Darmanin, più che mai sotto pressione, si è presentato subito dopo il vertice davanti ai deputati per un'audizione in cui ha assicurato che "non c'è alcun divorzio fra la polizia e la popolazione", un'affermazione che sembra essere messa a dura prova da quanto si vede e si sente a ogni manifestazione, sia che si tratti di studenti, di lavoratori, di gilet gialli o di movimenti d'opinione.

Il malumore cresce anche nelle file del partito del presidente: "La linea Darmanin rende isterico il dibattito - ha detto Pascal Canfin, del movimento 'Renaissance' - spezza il punto d'equilibrio dell'elettorato della maggioranza". All'estrema destra, Marine Le Pen ha denunciato "il disordine che regna" in Francia con un governo che ha "perso il controllo" e dato prova di "compiacenza" con i black-bloc.

Macron la settimana scorsa è intervenuto mentre imperversava la protesta sui social per le immagini diffuse del pestaggio di Zecler da parte dei tre poliziotti, definendo quanto accaduto "una vergogna per la Francia". Adesso, strigliato il governo, prova a salvare una legge la cui sorte sembra, a molti, già segnata.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Canada
2 ore
L’uragano Fiona lascia 500mila case senza corrente
Lo riferisce l’azienda elettrica locale, Nova Scotia Power, secondo quanto riportato da Cbc
Stati Uniti
4 ore
Problemi ai finestrini: le auto di Tesla tornano in garage
Richiamate 1,1 milioni di vetture per un aggiornamento del software che permetterà di ovviare a un malfunzionamento
Turchia
8 ore
‘Il referendum russo? Non lo riconosciamo’
Lo ha affermato il portavoce della presidenza turca Ibrahim Kal. La stessa cosa accadde anche per il referendum in Crimea nel 2014
Estero
9 ore
L’ultimo addio ad Abe
I funerali dell’ex premier giapponese, ucciso in un attentato, si terranno il prossimo 27 settembre
Estero
13 ore
La politica è un Hobbit (o un pelaverdure)
Cronaca semiseria dei comizi che hanno chiuso la campagna elettorale italiana, nell’attesa che arrivi domenica.
Estero
22 ore
Guardie armate porta a porta, al via i referendum in Ucraina
Milioni chiamati alle ‘urne’. Intanto il patriarca Kirill invita a combattere. E decine di migliaia di russi scappano all’estero
Estero
22 ore
Per l’ambasciatore svizzero l’occupazione di Izyum è ‘barbaria’
Dura presa di posizione della sede diplomatica elvetica in Ucraina. Visitati da Claude Wild i centri distrutti dagli occupanti russi
Stati Uniti d’America
23 ore
Aborto: ‘Datemi due senatori e ne farò una legge’
Duro attacco del presidente Biden alla fronda repubblicana: ‘Non sanno assolutamente nulla delle donne americane’
Italia
23 ore
Il piccolo Mattia risucchiato dall’acqua e dal fango per 13 km
Ritrovato l’ultimo disperso dell’alluvione che si è scagliata sulle Marche lo scorso 15 settembre. Il grande dolore dei genitori
Italia
1 gior
‘Cosa nostra, c’è il rischio di un ritorno a un passato buio’
La sorella del giudice Giovanni Falcone, ucciso dalla mafia, sui recenti casi di politici arrestati per infiltrazioni mafiose
© Regiopress, All rights reserved