laRegione
strali-cinesi-su-trump-per-la-messa-al-bando-di-tiktok-e-wechat
Keystone
Estero
07.08.20 - 20:390

Strali cinesi su Trump per la messa al bando di TikTok e WeChat

TikTok minaccia azioni legali. Il ministero degli esteri: repressione politica. Ma il presidente americano si fa forte dell’appoggio del Congresso.

Washington – Donald Trump usa la clava contro Pechino e firma due ordini esecutivi che, evocando rischi per la sicurezza nazionale, vietano tra 45 giorni qualsiasi transazione da parte di persone o entità soggette alla giurisdizione statunitense con le app cinesi TikTok e WeChat, di proprietà rispettivamente di ByteDance e di Tencent.

Un modo di fatto per costringere alla vendita di TikTok, già in trattative con Microsoft, peraltro ora dichiaratasi interessata ad una acquisizione globale della app (Cina esclusa) con cui debutterebbe nel mondo dei social. Più incerta appare invece la sorte di WeChat. Il magnate ha inoltre colpito il Dragone anche con le prime sanzioni per sua la stretta su Hong Kong, colpendo la governatrice Carrie Lam e altri dirigenti cinesi.

La mossa di Trump sulle app ha mandato su tutte le furie le due società' cinesi e il governo di Pechino. TikTok si è detta "sconcertata" dal provvedimento, che rischia di "minare la fiducia del mondo del business nell'impegno Usa verso il ruolo della legge", e ha minacciato azione legale. "Perseguiremo tutti i rimedi disponibili per garantire che il ruolo della legge non sia ignorato e che la nostra compagnia e i nostri utenti siano trattati correttamente, se non dall'amministrazione, dai tribunali americani", ha avvisato la società, che conta 800 milioni di utenti, di cui circa 100 milioni in Usa, in gran parte teenager che la usano per condividere brevi video. "Un atto chiaramente egemonico" e di "repressione politica", ha rincarato il portavoce del ministero degli esteri cinese Wang Wenbin. "Col pretesto della sicurezza nazionale, gli Usa abusano frequentemente del potere nazionale e sopprimono senza ragione imprese rilevanti", ha aggiunto.

Il New York Times evoca il rischio di una "ulteriore balcanizzazione della rete internet globale, con nazioni che continuano a escludere società' tecnologiche straniere dai reciproci mercati".

Ma per Trump entrambe le app forniscono al partito comunista cinese un canale per ottenere informazioni personali sugli utenti americani, per controllare i cinesi all'estero e per condurre campagne di disinformazione a vantaggio della Cina. Senza dimenticare la beffa del suo comizio a Tulsa, fatto apparire tutto prenotato proprio grazie alla piattaforma di TikTok.

I decreti del tycoon sembrano aver conseguenze più gravi su WeChat, che per ora non ha alcun pretendente americano. La app è ampiamente diffusa nel mondo, in particolare tra persone di origine cinese, che la usano per comunicare con gli amici, tenersi informati, effettuare transazioni: il bando potrebbe tagliare fuori gran parte delle comunicazioni informali tra le persone che si trovano in Cina e in Usa. Ci sono anche interrogativi se la decisione potrebbe avere conseguenze sulle altre attività legate a Tencent, che è un investitore in molte start-up tecnologiche, social e ludiche americane, da Snap ad Activision Blizzard e ai produttori di Fortnite, Clash of Clans e League of Legends.

In ogni caso Trump è deciso a proseguire la sua guerra fredda con la Cina, appoggiato da un Congresso che al Senato ha già approvato all'unanimità un progetto di legge per bandire TikTok da tutti gli apparecchi forniti dal governo americano ai suoi dipendenti o ai membri del Congresso. Big Tech Usa osserva alla finestra, pronta a cogliere i frutti di questa offensiva.
 

TOP NEWS Estero
Estero
18 ore
Ex modella, 'Trump mi molestò nel 1997', lui nega
Un incidente avvenuto nel 1997 durante gli Us Open quando, fuori dal bagno, la donna fu baciata e toccata dal tycoon contro la sua volontà
Gallery (7 foto)
Francia
22 ore
Notre-Dame riprende vita, poco a poco
Ricco programma di attività attorno alla cattedrale devastata dall'incendio del 15 aprile 2019. Riaperta la cripta
Confine
1 gior
Uccisione di don Roberto, il presunto autore ritratta
Il 53enne tunisino, sospettato d'aver accoltellato il prete, in un primo tempo si era costituito e aveva confessato il delitto. Ora si dice estraneo ai fatti
Estero
1 gior
Los blancos: maxioperazione internazionale dell'antidroga
Sgomitato cartello criminale considerato leader dei gruppi albanesi specializzati nel traffico di sostanze stupefacenti in ambito continentale.
Video
Estero
1 gior
Gavettone sul ministro Di Maio: un comizio... annacquato
Il titolare della Farnesina mentre si trovava nella città natale di Massimo Troisi viene raggiunto da un secchio d'acqua. E il video, naturalmente, fa il giro del web.
Estero
1 gior
Il premier libico si dimette: 'Non più tardi di ottobre'
Fayez Al Sarraj a augura che un nuovo esecutivo possa portare a termine la difficile transizione politica del Paese, martoriato da anni di guerra civile.
Confine
1 gior
‘A Campione scelte obbligate e amarezze’
Il Commissario straordinario Giorgio Zanzi sta per lasciare l'Enclave: il suo bilancio due anni dopo
Estero
1 gior
Trump per le elezioni punta sul vaccino
“Arriverà nel giro di tre-quattro settimane” ha dichiarato il presidente in un dibattito nel quale ha anche messo in dubbio l'efficacia delle mascherine
Confine
2 gior
In isolamento l'accoltellatore di don Roberto
Anche Papa Francesco ha voluto ricordare il sacerdote ucciso ieri a Como da un cittadino tunisino reo confesso
Estero
2 gior
Coronavirus, a Madrid lockdown mirati nelle aree con più casi
In Francia chiuse un'ottantina di scuole. Mentre in Brasile comincia a calare l'indice di contagiosità al livello più basso da aprile
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile