laRegione
la-collera-dei-libanesi-macron-nei-panni-del-salvatore
Keystone
Estero
06.08.20 - 20:400

La collera dei libanesi, Macron nei panni del salvatore

Il presidente francese, in visita a Beirut, chiede ‘un profondo cambiamento’ ai dirigenti libanesi. Per le strade della capitale esplode la rabbia degli abitanti.

Beirut – "Sono qui per lanciare un'iniziativa politica", per chiedere ai dirigenti libanesi "di procedere con le riforme, un profondo cambiamento, la lotta alla corruzione". È con queste affermazioni, ai limiti dello sgarbo diplomatico, che il presidente francese Emmanuel Macron ha dato voce alla rabbia popolare concedendosi ad un bagno di folla in una Beirut devastata dalle esplosioni di martedì.

Un cambiamento che secondo Macron deve partire da un'inchiesta "trasparente e veloce" per fare chiarezza sulla deflagrazione di 2750 tonnellate di nitrato di ammonio che ha provocato almeno 137 morti e 5000 feriti, secondo un bilancio ancora provvisorio.

"Entro tre, al massimo quattro giorni, c'è sempre speranza di trovare gente viva", ha detto all'Ansa uno degli operatori della protezione civile francese giunti al seguito di Macron, durante una visita nel quartiere di Gemmayze, uno dei più colpiti dalla devastazione.

Questione di influenza

Primo capo di stato ad arrivare nella capitale libanese dopo la tragedia, il presidente francese ha messo in chiaro che il suo paese vuole svolgere un ruolo decisivo non solo nella ricostruzione di Beirut, organizzando, come ha detto ancora, "la cooperazione europea e più ampiamente la cooperazione internazionale". Ma intende anche esercitare la sua influenza, grazie agli antichi legami con il Paese dei Cedri, in un processo di rinnovamento che dia risposta all'esasperazione di una nazione verso il tradizionale sistema politico-confessionale, rivelatosi incapace di affrontare la crisi economica e sociale e garantire la sicurezza della stessa capitale.

"Il popolo vuole la caduta del regime" e "rivoluzione" sono le grida che si sono levate dai cittadini che hanno seguito in mattinata la visita di Macron a Gemmayze. Il presidente si è fermato a parlare con loro, ha abbracciato una donna, ha stretto le mani a molti, e poi ha promesso che tornerà il primo settembre per accertarsi di come vengono impiegati gli aiuti. Solo nel pomeriggio, al palazzo presidenziale di Baabda, ha incontrato i vertici delle istituzioni: il capo dello stato Michel Aoun, il primo ministro Hasan Diab e il presidente del Parlamento Nabih Berri. Un colloquio, seguito da quello con i rappresentanti di tutti i gruppi parlamentari, che deve avere avuto anche momenti di tensione. All'uscita non vi è stata alcuna conferenza stampa congiunta, ma Macron ha detto di avere parlato "molto francamente", mentre e in una dichiarazione comune Aoun ha assicurato la "ferma determinazione" delle autorità libanesi nell'accertare le cause delle due esplosioni e ad "applicare sanzioni appropriate" ai responsabili.

Primi risultati dell'inchiesta ‘entro quattro giorni’

Il ministro degli esteri, Charbel Wehbe, in un'intervista alla radio francese Europe 1 ha detto che entro "solo quattro giorni" gli investigatori dovranno fornire un rapporto dettagliato sulle responsabilità di questo "crimine efferato di negligenza". Ma un'opinione pubblica delusa da una classe politica giudicata corrotta non mostra alcuna fiducia sulla possibilità di arrivare alla verità. Uno scetticismo condiviso dai quattro ex primi ministri - tra cui Saad Hariri - che hanno chiesto l'istituzione di una commissione d'inchiesta internazionale. A loro si sono uniti oggi anche lo storico leader druso Walid Jumblatt e il capo delle Forze Libanesi cristiane Samir Geagea, oltre ad Amnesty International e Human Rights Watch.

TOP NEWS Estero
Estero
19 ore
Ex modella, 'Trump mi molestò nel 1997', lui nega
Un incidente avvenuto nel 1997 durante gli Us Open quando, fuori dal bagno, la donna fu baciata e toccata dal tycoon contro la sua volontà
Gallery (7 foto)
Francia
22 ore
Notre-Dame riprende vita, poco a poco
Ricco programma di attività attorno alla cattedrale devastata dall'incendio del 15 aprile 2019. Riaperta la cripta
Confine
1 gior
Uccisione di don Roberto, il presunto autore ritratta
Il 53enne tunisino, sospettato d'aver accoltellato il prete, in un primo tempo si era costituito e aveva confessato il delitto. Ora si dice estraneo ai fatti
Estero
1 gior
Los blancos: maxioperazione internazionale dell'antidroga
Sgomitato cartello criminale considerato leader dei gruppi albanesi specializzati nel traffico di sostanze stupefacenti in ambito continentale.
Video
Estero
1 gior
Gavettone sul ministro Di Maio: un comizio... annacquato
Il titolare della Farnesina mentre si trovava nella città natale di Massimo Troisi viene raggiunto da un secchio d'acqua. E il video, naturalmente, fa il giro del web.
Estero
1 gior
Il premier libico si dimette: 'Non più tardi di ottobre'
Fayez Al Sarraj a augura che un nuovo esecutivo possa portare a termine la difficile transizione politica del Paese, martoriato da anni di guerra civile.
Confine
1 gior
‘A Campione scelte obbligate e amarezze’
Il Commissario straordinario Giorgio Zanzi sta per lasciare l'Enclave: il suo bilancio due anni dopo
Estero
1 gior
Trump per le elezioni punta sul vaccino
“Arriverà nel giro di tre-quattro settimane” ha dichiarato il presidente in un dibattito nel quale ha anche messo in dubbio l'efficacia delle mascherine
Confine
2 gior
In isolamento l'accoltellatore di don Roberto
Anche Papa Francesco ha voluto ricordare il sacerdote ucciso ieri a Como da un cittadino tunisino reo confesso
Estero
2 gior
Coronavirus, a Madrid lockdown mirati nelle aree con più casi
In Francia chiuse un'ottantina di scuole. Mentre in Brasile comincia a calare l'indice di contagiosità al livello più basso da aprile
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile