laRegione
13.05.22 - 14:15
Aggiornamento: 17:12

Sagnino, scoperta base di stoccaggio di un cartello di narcos

In pochi anni trafficati quasi 700 chili di droga. L’inchiesta della Dda coinvolge anche quattro comaschi

di Marco Marelli
sagnino-scoperta-base-di-stoccaggio-di-un-cartello-di-narcos
archivio Ti-Press
In un condominio non lontano dal campo sportivo

Si trovava in un anonimo condominio non lontano dal campo sportivo di Sagnino, una delle basi di stoccaggio della droga che, proveniente dal Sud America e dalla Spagna, arrivava in Olanda, con destinazione la Lombardia, passando dalla Svizzera. Non hanno dubbi al riguardo i poliziotti della Squadra mobile di Milano, nell’ambito di un’inchiesta iniziata nel 2019 e coordinata dal pm Silvia Bonardi della Direzione distrettuale antimafia diretta dal procuratore aggiunto Alessandra Dolci. I poliziotti, nelle ultime ore, hanno eseguito una trentina di ordinanze di custodia cautelare di cui ventuno in carcere: tre di queste in provincia di Como.

Un quarto comasco è stato raggiunto dal provvedimento restrittivo al Bassone, in quanto arrestato nel novembre scorso, dopo che a Sagnino era stato trovato in possesso di 10 chilogrammi di hascisc, un chilo di marijuana e 4 chili di ketamina: sostanze stupefacenti che per l’accusa erano in parte destinate al mercato ticinese. Per i quattro comaschi finiti sotto inchiesta l’accusa è di concorso in spaccio e traffico di sostanze stupefacenti, soprattutto ketamina (droga molto richiesta dai giovani per lo sballo alle feste e, allo stesso tempo, molto pericolosa) ma anche hascisc e cocaina. I comaschi finiti in manette sono un uomo di 38 anni di Monte Olimpino, uno di 47 anni domiciliato a Ponte Chiasso, un cinquantenne originario di Castellammare di Stabia ma residente in città (arrestato lo scorso novembre a Sagnino) e un canturino di 35 anni residente a Carimate, dove per gli investigatori c’era la ‘cucina’ per produrre la ketamina.

Un’indagine, quella della squadra di Milano (per gli arresti in città hanno collaborato anche i colleghi della Questura di Como) che si interseca con un riciclaggio di denaro proveniente dal narcotraffico attraverso i canali delle opere d’arte. Uno dei colpiti dall’ordinanza di custodia cautelare in carcere (il provvedimento non è stato eseguito, in quanto l’uomo non è stato trovato), titolare di una galleria d’arte ad Amsterdam (posta sotto sequestro dalla polizia olandese che ha collaborato all’inchiesta) è accusato di aver usato la sua società per gestire i flussi di denaro da investire negli stupefacenti simulando – secondo l’accusa – compravendite di quadri. E forse non a caso sulle chat degli indagati era conosciuto come Banksy. Fra i provvedimenti disposti dalla magistratura milanese anche i sigilli posti a una azienda di logistica di Como, che, stando all’accusa, acquistava i quadri per conto del titolare della galleria d’arte di Amsterdam, indicato come il numero uno dell’organizzazione responsabile del colossale traffico internazionale di droga. Il compenso per l’azienda di Como sarebbe stato del 2 per cento del valore dei quadri.

A Sagnino in un box di via Raccolo, stando a quanto accertato dagli investigatori, transitavano le autovetture cariche di droga proveniente dal Nord Europa. Come nell’agosto 2020, mese in cui il box aveva ospitato una Bmw con 28 chili di ketamina. Altre cinque consegne per mezzo quintale di ketamina, avvenute a Sagnino, Montano Lucino, Carimate, sono descritte nell’ordinanza di custodia cautelare. Monitorate nel luglio 2020 le consegne tra Sagnino e Carimate di 2 e 4 chilogrammi di cocaina.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
iran
7 ore
Teheran rilascia il regista Panahi dopo 7 mesi di carcere
Libero il vincitore del Leone d’Oro 2000. Foto scioccanti di un altro attivista durante lo sciopero della fame
la guerra in ucraina
7 ore
Kiev denuncia il capo del gruppo Wagner per crimini di guerra
Prigozhin nel mirino: ‘Non sfuggirà alle sue responsabilità’
la guerra in ucraina
7 ore
Zelensky all’Ue: ‘Negoziati nel 2023’. Dubbi tra i 27
Michel insiste, indispettendo i russi: ‘Il vostro destino è con noi’
stati uniti
7 ore
Pallone-spia cinese sugli Usa, Blinken non va a Pechino
L’ira di Washington. La Cina si scusa: ‘Faceva solo rilievi meteo’
medio oriente
7 ore
La Siria restaura il museo di Palmira distrutto dall’Isis
Ma l’area è oggi una piazzaforte di milizie jihadiste filo-Iran
Cina
11 ore
‘Macché pallone spia: è una sonda per misurazioni meteo’
Pechino si rammarica per l’incidente: ‘Pronti a collaborare per un’adeguata gestione di questa situazione imprevista causata da forza maggiore’
Estero
19 ore
Il pallone aerostatico sorvola una base con missili nucleari
Gli Stati Uniti si dicono ‘molto sicuri’: ‘Si tratta di una spia cinese’. Ma per questioni di sicurezza non sarà abbattuto
oceania
1 gior
L’Australia non vuole Re Carlo sulle sue banconote
L’erede di Elisabetta non apparirà sui nuovi 5 dollari. Al suo posto una figura per onorare la cultura aborigena
asia
1 gior
Gli Usa sbarcano nelle Filippine, accordo anti-Cina
Altre 4 basi per la difesa a Taiwan, la vigilia dell’incontro Blinken-Xi si fa tesa
economia
1 gior
La Bce alza i tassi di mezzo punto
La mossa della Banca centrale europea fa seguito a quella della Fed, che aveva appena fissato un rialzo dello 0,25%
© Regiopress, All rights reserved