laRegione
omicidio-a-varese-l-assassino-fermato-nei-boschi-di-viggiu
Facebook
02.01.22 - 17:49
Aggiornamento: 19:10
di Marco Marelli

Omicidio a Varese: l’assassino fermato nei boschi di Viggiù

Dopo aver ucciso il figlio e ferito l’ex moglie, l’uomo avrebbe tentato la fuga in Ticino. Il 40enne non era nuovo a episodi di violenza

Tragedia familiare a Morazzone, comune del Varesotto, a ridosso del Canton Ticino, dove i carabinieri hanno trovato il cadavere di un bimbo di 7 anni nascosto in un armadio.

Il presunto omicida, un 40enne operaio e padre del bambino, è stato arrestato in mattinata dai carabinieri nei boschi di Viggiù, mentre tentava di scappare nel Canton Ticino, attraverso uno dei sentieri, frequentati dai contrabbandieri.

Quando i militari lo hanno bloccato, l’uomo aveva in mano un coltello, che non si esclude possa essere quello con il quale ha ucciso il figlio tagliandogli la gola.

Un’ora dopo l’efferato omicidio, il 40enne si è spostato a Gazzada Schianno, altro comune del Varesotto, a ridosso della frontiera. Qui ha raggiunto l’ex moglie che, con il bambino, viveva lì da qualche mese. L’uomo ha ripetutamente accoltellato la donna al viso, all’addome e alla schiena.

Nonostante le gravissime ferite la donna, che nella mattinata di ieri aveva accompagnato il figlio dal padre (come previsto dal giudice) è riuscita fortunatamente a salvarsi e a lanciare l’allarme. Attualmente è ricoverata in ospedale ma non rischia la vita.

I carabinieri si sono quindi precipitati a Morazzone, in via Cuffia. E qui è avvenuto il drammatico ritrovamento del corpo del piccolo. I militari hanno trovato una lettera del 40enne, con la quale confessa l’assassinio del figlio e l’intenzione di uccidere anche l’ex moglie.

In casa non c’era l’uomo. Per cui è scattata una vasta operazione dei carabinieri. Il presunto omicida è stata catturato in mattinata a Viggiù: stava scappando in Ticino, dove stata cercando di entrare clandestinamente, attraverso uno dei tanti sentieri che si incontrano nei boschi della zona.

Il 40enne operaio, a Morazzone da un mese abitava nella casa del padre. Si trovava ai domiciliari, dopo un episodio di aggressione di cui era stato protagonista un mese fa. Il 26 novembre scorso infatti l’uomo aveva accoltellato alla schiena un collega ad Azzate, nella ditta dove lavoravano, e poi era fuggito: i carabinieri di Varese lo avevano però raggiunto e arrestato con l’accusa di tentato omicidio. All’epoca incensurato, aveva risposto al gip di Varese, e la Procura aveva disposto per lui i domiciliari.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ex moglie figlio omicidio varese
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
2 ore
Finlandia e Svezia nella Nato: avviata la procedura
Durante il vertice in corso a Madrid è stato inoltre deciso un nuovo concetto strategico per l’alleanza militare
Estero
4 ore
Biden annuncia più forze Usa in Europa
Il presidente degli Stati Uniti lo ha comunicato oggi aprendo il summit Nato a Madrid
Estero
4 ore
Johnson: ‘Se Putin fosse donna non avrebbe attaccato l’Ucraina’
Il primo ministro britannico ha descritto la guerra come un ‘perfetto esempio di mascolinità tossica’
Confine
4 ore
Rissa al carcere Bassone, un detenuto in gravissime condizioni
È accaduto nella tarda mattinata di ieri. Il 28enne è già stato sottoposto a un delicato intervento chirurgico
Estero
5 ore
Ue, accordo raggiunto: stop a motori a combustione entro il 2035
Se le misure verranno confermate, non potranno essere venduti auto e furgoni nuovi a benzina e diesel
Italia
9 ore
In barba alla pandemia, il vino italiano va a gonfie vele
Il valore dell’imbottigliato nella vicina Penisola sfiora i 10 miliardi di euro, con vendite in crescita del 12%
Estero
9 ore
‘Trump sapeva che c’era gente armata al comizio’
Lo ha detto Cassidy Hutchinson, braccio destro dell’ex chief of staff Mark Meadows.
Estero
9 ore
Caso Epstein, a Ghislaine Maxwell pena massima: 20 anni
L’ex socialite britannica ritenuta colpevole di aver adescato e manipolato minorenni perché fossero sessualmente abusate dal finanziere Jeffry Epstein
Estero
1 gior
’Ndrangheta, in Svizzera il gestore di un giro di soldi sporchi
Un 52enne italiano residente nella Confederazione è considerato il ‘dominus’ di un giro di affari che reinvestiva all’estero i soldi della malavita
Estero
1 gior
La sfida di Edimburgo: ‘Referendum per la secessione nel 2023’
La first minister scozzese Nicola Sturgeon annuncia un voto ‘consultivo’. ‘La democrazia scozzese non sarà prigioniera di Johnson o di un altro premier’
© Regiopress, All rights reserved