laRegione
10.08.21 - 11:59
Aggiornamento: 16:45

Preoccupa il contrabbando di preziosi, aumentano i controlli

Gli ultimi sequestri hanno fatto salire il livello d'attenzione sul fenomeno. Monitorati soprattutto i valichi minori.

di Marco Marelli
preoccupa-il-contrabbando-di-preziosi-aumentano-i-controlli
Oggetti ambiti (Archivio Ti-Press)

Certamente non sono tornati i tempi d'oro del contrabbando di oro, preziosi, orologi e valuta, ma gli ultimi sequestri effettuati soprattutto ai valichi di minori (Ronago, Bizzarone e Valsolda) oltre che a Brogeda, hanno comunque indotto il comando provinciale della Guardia di finanza di Como, a intensificare i controlli con unità mobili alle dogane che non prevedono presidi fissi. ''Tanto per far capire che chi passa dai valichi minori non creda di riuscire a farla franca'', fanno sapere da Palazzo Terragni, sede delle fiamme gialle lariane. L'ultimo sequestro, qualche giorno fa alla dogana di Ronago, ha portato 23 lamine d'oro per un peso di 800 grammi e un valore di oltre 40mila euro. Dai finanzieri è stato letto come il segnale di un rinnovato traffico di metallo giallo dal Ticino. Questo perché le fiamme gialle della Guardia di finanza di Olgiate Comasco le 23 lamine le hanno trovate nelle tasche dei pantaloni di un 60enne comasco, più volte coinvolto in inchieste della Procura lariana sul traffico clandestino di preziosi e valuta. Insomma, un corriere di oro e soldi.

Differente il discorso per quanto concerne i ripetuti sequestri, nel corso del primo semestre di quest'anno, di una trentina di orologi preziosi, soprattutto Rolex, alcuni dei quali d'oro, per un valore complessivo di oltre mezzo milione di euro. Parecchi di questi sequestri, per lo più a Ronago e Bizzarone, sono stati eseguiti a carico di titolari di aziende di orologi e preziosi. Circostanza quest'ultima che porta le fiamme gialle comasche a pensare che non sarebbero pochi i commercianti che acquistano gli orologi a Lugano, Chiasso e Mendrisio (come accertato attraverso gli scontrini dei pagamenti effettuati in Ticino) per poi rivenderli nei loro esercizi. Un fenomeno quindi da tenere sotto osservazione. Da qui i maggior controlli ai valichi minori anche se, ripetiamo, non sono certamente tornati i tempi d'oro del contrabbando di preziosi dal Ticino che ha fatto scorrere fiumi d'inchiostro in passato.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
1 min
Malgrado i correttivi, Nutriscore è fuorviante
Sono le conclusioni a cui giunge l’ong a tutela dei consumatori Safe, secondo cui questa classificazione degli alimenti ‘produce nuove distorsioni’
Venezuela
16 min
Da patrona del Venezuela orientale a protettrice dei coralli
Il rispetto per la Vergine del Valle prevale su tutto: niente più reti a strascico nella zona, che diventa sede di un museo sommerso
Italia
16 min
Italia seconda al mondo per consumo di acqua in bottiglia
Solo in Messico se ne beve di più (244 litri). Ma con i suoi 208 litri a testa, la Penisola si prende il primato continentale
italia
12 ore
Quando il parchimetro... porta fortuna
È successo nel Cuneese dove una signora ha acquistato un Gratta e vinci per cambiare i soldi per il parcheggio e vince 500mila euro
Canada
14 ore
L’uragano Fiona lascia 500mila case senza corrente
Lo riferisce l’azienda elettrica locale, Nova Scotia Power, secondo quanto riportato da Cbc
Stati Uniti
17 ore
Problemi ai finestrini: le auto di Tesla tornano in garage
Richiamate 1,1 milioni di vetture per un aggiornamento del software che permetterà di ovviare a un malfunzionamento
Turchia
20 ore
‘Il referendum russo? Non lo riconosciamo’
Lo ha affermato il portavoce della presidenza turca Ibrahim Kal. La stessa cosa accadde anche per il referendum in Crimea nel 2014
Estero
21 ore
L’ultimo addio ad Abe
I funerali dell’ex premier giapponese, ucciso in un attentato, si terranno il prossimo 27 settembre
Estero
1 gior
La politica è un Hobbit (o un pelaverdure)
Cronaca semiseria dei comizi che hanno chiuso la campagna elettorale italiana, nell’attesa che arrivi domenica.
Estero
1 gior
Guardie armate porta a porta, al via i referendum in Ucraina
Milioni chiamati alle ‘urne’. Intanto il patriarca Kirill invita a combattere. E decine di migliaia di russi scappano all’estero
© Regiopress, All rights reserved