laRegione
don-giusto-nel-mirino-dei-bulli-di-rebbio-esposto-alla-procura
Don Giusto (archivio Ti-Press)
Confine
12.07.20 - 08:430

Don Giusto nel mirino dei bulli di Rebbio: esposto alla Procura

La situazione all'oratorio della parrocchia di San Martino, centro di accoglienza per migranti minorenni e famiglie, è peggiorata durante il lockdown

“Come parroco e come cristiano, valutando umanamente le ragioni del disagio di queste persone, in più occasioni ho provato a farli ragionare cercando di far capire gli errori e i danni arrecati. Di fronte all’arroganza e alla spavalderia con la quale hanno continuato e continuano a prevaricare i diritti e gli interessi delle persone accolte in parrocchia, ritengo sempre più urgente un intervento delle autorità”. Scrive don Giusto Della Valle, parroco di Rebbio, da sempre al fianco di migranti e senza tetto, nel denunciare – con un esposto alla Procura di Como e ai carabinieri di Rebbio – episodi gravi, che vanno avanti da anni: furti, danneggiamenti, prepotenze e vessazioni. Il tutto all’interno dell’oratorio della parrocchia San Martino, trasformato dal sacerdote in un centro di accoglienza per migranti minorenni e famiglie. Azioni compiute da un gruppetto di bulli del quartiere, composto da giovani italiani e stranieri. Sarebbero una mezza dozzina. Una situazione che ha da tempo superato il limite. Una segnalazione è stata inoltrata anche al prefetto, al questore e al sindaco di Como.

Una situazione, quella denunciata dal prete scomodo, che andrebbe avanti da almeno due anni, e che si sarebbe ulteriormente aggravata nelle settimane del lockdown, in cui gli spazi dell’oratorio sono rimasti deserti, per essere occupati dai giovani bulli. Anche l’assistere alla messa sarebbe diventato difficile. Non sono mancati furti ai danni della casa parrocchiale e degli stranieri ospitati da don Giusto.

Un fatto molto grave era stato segnalato a fine marzo, in piena chiusura per il Covid-19. In piena notte il sacerdote aveva scoperto un giovane ladro intenta a rubare nei locali dei migranti accolti. Don Giusto era riuscito ad allontanare il ladro, ma era stato poco dopo avvicinato e minacciato: “Io qua entro e rubo quando voglio” la replica prima della fuga. La scorsa estate la parrocchia di Rebbio aveva subito un furto di diverse apparecchiature che si trovavano negli spazi utilizzati dagli animatori e dai volontari: un computer, una play station e diversi altri beni usati per attività creative. Il sospetto è che anche questo furto possa avere a che fare con il gruppetto di ‘stalker’ della parrocchia.

TOP NEWS Estero
Estero
12 ore
Joe Biden ha scelto Kamala Harris
Il candidato democratico alle presidenziali Usa annuncia il nome della sua vice
Estero
14 ore
Coronavirus, cresce l'allerta in Grecia e Francia
Intanto, nel mondo i casi hanno superato i 20 milioni. Polemica negli Stati Uniti sulla possibilità di riaprire le scuole.
Estero
19 ore
Vaccino, l'annuncio è russo ma la Cina è più vicina
Nella corsa internazionale al vaccino contro il Sars-Cov-2 cinesi in testa, seguiti da americani e britannici. In tutto sono 44 gli studi in corso
Confine
21 ore
Como, oltre 800mila euro di multe da recuperare
È questo l'ammontare ricostruito dal Comune lariano in merito alle contravvenzioni nei confronti di automobilisti stranieri
Estero
23 ore
Putin: 'La Russia ha il vaccino'
Il presidente russo ha dichiarato che anche a una delle sue figlie è stato somministrato il vaccino sperimentale russo contro il Covid-19 e sta bene
Video
Estero
1 gior
Spari alla Casa Bianca e Trump finisce nello Studio Ovale
Uomo armato fermato e ferito dalle forze dell'ordine. Dopo attimi di confusione la conferenza stampa sul Coronavirus e post elezioni è ripresa normalmente
Video
Estero
1 gior
Trump lascia la conferenza stampa in tutta fretta
Voci non confermate parlano di uno scontro a fuoco all'esterno della Casa Bianca. Il presidente avvisato da un suo assistente
Estero
1 gior
Fulmine sui binari: dodici feriti a Lourdes
La scarica ha provocato la brusca frenata della funicolare. Una coppia di passeggeri ospedalizzata in gravi condizioni
Libano
1 gior
Le dimissioni di Diab non fermano la protesta
L'esecutivo travolto dopo il disastro del 4 agosto
Confine
1 gior
Esplosione della villetta, accusa nei confronti dei genitori
Ad Andrate perse la vita un 21enne che teneva in casa sostanze esplosive artigianali. Per la procura lariana i genitori sapevano
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile