laRegione
26.08.22 - 08:50
Aggiornamento: 16:54

Utile record per la Zürcher Kantonalbank

Oltre mezzo miliardo di ricavi per il quarto istituto per importanza della Svizzera, per una progressione dell’11% su base annua

Ats, a cura di Red.Web
utile-record-per-la-z-rcher-kantonalbank
Keystone
Il Ceo uscente

Risultato record nel primo semestre per Zürcher Kantonalbank (Zkb), la banca cantonale di Zurigo che è anche il più grande istituto di questo tipo della Svizzera. L’utile netto si è attestato a 541 milioni di franchi, in progressione dell’11% su base annua.

Il dato è frutto di una crescita dei ricavi (+6% a 1,3 miliardi) più sostanziosa di quella delle spese (+4% a 765 milioni), emerge dai dati pubblicati oggi. Gli afflussi netti di denaro sono stati di 18 miliardi: il cattivo andamento dei mercati ha però fatto sì che i patrimoni amministrati siano scesi del 5% a 388 miliardi. La somma di bilancio si è attestata a fine giugno a 198 miliardi, a fronte dei 192 miliardi di fine dicembre 2021.

Al capitolo previsioni, l’istituto pronostica che proseguirà un clima di incertezza, dovuto all’inflazione elevata, al rialzo dei tassi d’interesse da parte delle banche centrali, alla guerra in Ucraina e agli ulteriori sviluppi geopolitici. "Tuttavia, sono fiducioso che la banca genererà un buon risultato anche nella seconda metà del 2022", afferma il Ceo Martin Scholl, citato in un comunicato. "Zkb è ben preparata ad affrontare tempi difficili, grazie al suo modello di affari diversificato; consegno al mio successore Urs Baumann una banca solidamente posizionata", conclude il presidente della direzione.

L’avvicendamento – che avverrà il primo settembre – era già stato annunciato l’anno scorso e aveva provocato una certa sorpresa fra gli osservatori: per la prima volta nella storia della banca il numero uno non era infatti stato scelto all’interno dell’istituto.

Fondata nel 1870, sulla base della costituzione cantonale del 1869, la Zkb è nata con l’obiettivo di fornire crediti a condizioni favorevoli per contadini e artigiani. Oggi è una realtà presente in 55 sedi con un organico di 5’100 impieghi a tempo pieno. L’istituto – quarta banca in Svizzera, dopo Ubs, Credit Suisse e Raiffeisen – gode della garanzia statale del Cantone e nel 2013 è stato definito di importanza sistemica dalla Banca nazionale svizzera.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
4 gior
Profondo rosso all’orizzonte per Credit Suisse
Potrebbe raggiungere il miliardo e mezzo di franchi la perdita, ante-imposte, dell’ultimo trimestre dell’istituto di credito
Economia
1 sett
Splendori e miserie della globalizzazione
Il processo d’integrazione internazionale non è forse così malconcio come si dice. Ma si stanno formando nuovi ‘gruppi’ (e l’Ue potrebbe rafforzarsi)
Economia
2 sett
Ftx in bancarotta, trema il mondo delle criptovalute
Dalle stelle alle stalle: per Sam Banked-Fried, il ‘mago di Oz’ delle valute digitali, è il tramonto
Economia
2 sett
La Banca nazionale pensa ulteriori aumenti del tasso guida
Andréa Maechler anticipa le possibili mosse della Bns contro l’inflazione. E ricorda: ‘Il nostro compito non è fare utili’
Economia
2 sett
Costi dei sinistri compensati dall’aumento delle tariffe
Risultati in linea con le attese per Zurich Insurance per i primi nove mesi del 2022. Premi lordi cresciuti dell’8% nel ramo danni e incidenti
Economia
3 sett
Bce e Bank of England, linea dura anche con recessione
Avanti tutta col rialzo dei tassi d’interesse. La Banca centrale inglese li porta al 3%, ai massimi dal 2008.
Economia
3 sett
Elon Musk è ancora l’uomo più ricco al mondo
La posizione nella classifica del fondatore di Tesla e nuovo boss di Twitter nel Billionaires Index è stata confermata. Scivola invece Zuckerberg
Economia
3 sett
Microchip, come l’Europa cerca di risalire sul treno perso
La produzione è nelle mani di un manipolo di Paesi asiatici. Con il Chip Act ora l’Ue getta le basi di una politica industriale dei semiconduttori.
Economia
3 sett
La tesi controcorrente di George Muzinich sull’Italia
Il fondatore di Muzinich & Co. sostiene che ‘il Belpaese ha più di un buon numero da giocare’ e che è ben posizionata rispetto a Germania e Regno Unito
Economia
4 sett
Credit Suisse cancellerà 540 posti in Svizzera entro fine 2022
Il piano di risanamento varato dall’istituto di credito dovrebbe portare alla raccolta di 4 miliardi di franchi tramite l’emissione di nuove azioni
© Regiopress, All rights reserved