laRegione
01.02.21 - 09:38
Aggiornamento: 16:13

Più casalinghi per la pandemia e Nintendo va a gonfie vele

Il coronavirus 'spinge' l'azienda giapponese di videogiochi, che rivede al rialzo le previsioni: utile di 3,4 miliardi di franchi per l'esercizio 2020-'21

piu-casalinghi-per-la-pandemia-e-nintendo-va-a-gonfie-vele
Keystone
Nintendo va a gonfie vele

Nintendo, azienda pioniera nei videogiochi, rivede un'altra volta al rialzo le previsioni per l'esercizio 2020-'21, dopo un terzo trimestre che ha confermato come la sua attività abbia il vento in poppa; grazie soprattutto a una vita più casalinga imposta dalla pandemia di coronavirus.

Per l'insieme dell'esercizio, che si chiuderà il 31 marzo, Nintendo stima un beneficio netto di 400 miliardi di yen (ossia 3,4 miliardi di franchi), che rappresentano un aumento del 55 per cento in un anno.

Nel trimestre precedente, Nintendo aveva già modificato al rialzo la sua previsione per il 2020-'21 a 300 miliardi di yen; ammontare già superato, poiché nei primi nove mesi di esercizio l'utile netto è stato di 367 miliardi di yen (3 miliardi di franchi).

Grazie alle vendite di giochi video (ad esempio la console Switch), il gruppo prevede una cifra d'affari annua di 1'600 miliardi di yen (12,6 miliardi di Euro), che corrisponderebbe a una progressione del 22 per cento in un anno.

Nei primi nove mesi le vendite hanno generato 1'404,5 miliardi di yen (11,1 miliardi di Euro), che corrispondono a un incremento annuo del 37,3%.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Speciale Economia
1 gior
Partenza in tromba nell’Eurozona
Economia
6 gior
Per Ubs il 2022 si chiude con il segno positivo
Nel quarto trimestre la banca ha registrato un utile di 1,65 miliardi, per un totale complessivo di 7,63 sull’arco dell’intero anno
Economia
1 sett
Banca Migros supera il milione di clienti
La clientela nel 2022 registra un +27% rispetto all’anno precedente, sulla scia dell’introduzione della nuova carta di credito Cumulus
Economia
2 sett
Credit Suisse prevede un’inflazione più alta
La banca scommette su un rincaro 2023 che dovrebbe raggiungere l’1,7%, oltre a un aumento pari a 1,75% anche per i tassi della Banca nazionale svizzera
Economia
2 sett
Blocchi regionali e protezionismo contro le economie emergenti
I Paesi Non Allineati Nuovi (Nan) temono che la loro crescita venga ostacolata dai muri commerciali eretti da Stati Uniti, Europa e Cina
Economia
2 sett
E all’improvviso nulla più turba le Borse
Inflazione, tassi d’interessi più elevati, rallentamento cinese, timori di recessione: in Europa e negli Usa l’ottimismo si diffonde, nonostante tutto
Economia
2 sett
Lufthansa vuole comprare una quota di Ita Airways
È l’unica offerta arrivata al Governo italiano, tedeschi pronti a rilevare l’intera compagnia aerea
Economia
3 sett
Importante cessione nel settore chimico
Sika, gruppo attivo nelle specialità chimiche, ha deciso di vendere una parte dell’ex filiale del colosso tedesco Basf
Speciale Economia
3 sett
La deglobalizzazione non è la strada giusta
Economia
3 sett
Il franco si indebolisce sull’euro: moneta europea sopra 1,00
È la prima volta dall’inizio di luglio 2022 che l’euro torna sopra la parità
© Regiopress, All rights reserved