laRegione
lavoro-ridotto-negato-se-legato-al-cambio-franco-euro
Gennaio 2015 (Ti-Press)
Economia
31.05.18 - 12:590

Lavoro ridotto negato se legato al cambio franco-euro

Saranno abrogate a fine agosto le direttive della Seco pensate per le imprese quando nel 2015 è stato abolito il tasso minimo di cambio

Le imprese non potranno più annunciare lavoro ridotto motivandolo con l’apprezzamento del franco. Le direttive in materia saranno abrogate il 31 agosto, si legge in una nota odierna della Segreteria di Stato dell’economia (Seco). La situazione si è notevolmente rilassata da quando è stato abolito il tasso minimo di cambio nel gennaio 2015, ricorda il comunicato. Da quel momento infatti, le domande di lavoro ridotto sono nettamente diminuite. In termini reali, il tasso di cambio è tornato al livello precedente al dicembre 2014. Le fluttuazioni dei corsi rientrano tra i normali rischi aziendali di un’impresa e, pertanto, le direttive della Seco sul lavoro ridotto saranno abolite a fine agosto.

Fermo restando l’adempimento dei requisiti, saranno approvati i preannunci per ottenere l’indennità per lavoro ridotto giustificati dal franco forte pervenuti prima del 22 agosto e quindi riguardanti i periodi di calcolo da settembre a novembre, precisa la nota. A partire da tale data, questa motivazione non sarà più ritenuta valida. La regola temporanea del periodo di attesa abbreviato sarà automaticamente eliminata dal gennaio 2019: le aziende dovranno nuovamente aspettare da due a tre giorni per ciascun periodo di conteggio, conclude la SECO.

TOP NEWS Economia
Economia
1 gior
A Credit Suisse sarebbero in forse centinaia di posti
Nulla ancora deciso, ma vi sarebbero piani abbozzati secondo il domenicale Sonntagszeitung. L'istituto non ha negato riflessioni relative a possibili economie
Economia
3 gior
Investire nel solare può creare 14'000 posti di lavoro
Ne è convinta la Fondazione svizzera dell'energia (SES), che propone questa soluzione per ridurre la disoccupazione, cresciuta a seguito del coronavirus
Economia
3 gior
Il coronavirus fa esplodere il debito pubblico mondiale
Oltre il 100% e al livello più alto da sempre: ha superato anche il picco post-Seconda guerra mondiale
Economia
4 gior
Le imprese scommettono sulla ripresa, anche in Ticino
Gli effetti della pandemia sono stati più forti al Sud delle Alpi, ma secondo gli esperti di Ubs le prospettive sono positive. Pil a -5,5% quest'anno. Poi su
Economia
4 gior
Svizzera, il covid non ferma le due ruote
Malgrado l'emergenza sanitaria, le vendite di motocicli nel nostro Paese hanno conosciuto...un'impennata
Economia
4 gior
Aviazione, United taglia 36mila posti di lavoro
La compagnia statunitense pronta a rinunciare alla metà dei suoi dipendenti se non vi saranno segnali di ripresa dopo l'emergenza Covid
Economia
4 gior
I salari dei frontalieri spiegati da un economista
Gli ultimi dati confermano la differenza nelle retribuzioni. C'entra il dumping, ma non solo. E revocare la libera circolazione porterebbe "chiusure e fallimenti"
Economia
5 gior
Bancarotta per Brooks Brothers, marchio icona di Wall Street
Il produttore di abbigliamento formale soccombe alla crisi creata dal coronavirus. Si cerca di evitare la liquidazione
Economia
5 gior
Tui Suisse taglia 70 posti di lavoro e chiude otto succursali
La filiale dell'agenzia viaggi tedesca riduce la sua presenza nella Confederazione a causa della crisi del coronavirus
Economia
5 gior
Nespresso amplia il centro di produzione di Romont
Annunciato un investimento di 160 milioni di franchi per soddisfare la richiesta dei clienti e supportare lo sviluppo internazionale nei prossimi anni
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile