laRegione
Ajax
3
Standard Liege
0
fine
(2-0)
Spartak Trnava
1
Crvena Zvezda
2
fine
(1-1 : 0-0 : 0-1)
Ajax
CHAMPIONS UEFA
3 - 0
fine
2-0
Standard Liege
2-0
1-0 HUNTELAAR KLAAS-JAN
30'
 
 
2-0 DE LIGT MATTHIJS
34'
 
 
3-0 NERES DAVID
46'
 
 
 
 
76'
MPOKU PAUL-JOSE
30' 1-0 HUNTELAAR KLAAS-JAN
34' 2-0 DE LIGT MATTHIJS
46' 3-0 NERES DAVID
MPOKU PAUL-JOSE 76'
First leg (2-2), agg.
(5-2).
Venue: Johan Cruyff Arena.
Turf: Natural.
Capacity: 54,033.
Referee : Ivan Kruzliak (SVK).
Assistant referees : Tomas Somolani (SVK) & Branislav Hancko (SVK).
Fourth official : Filip Glova (SVK).
MATCH SUMMARY : Ajax yet to lose in 3 games v Standard: W1 D2.
Standard unbeaten in 5 European games: W1 D4.
Winners v Slavia Praha/Dynamo Kyiv in play offs.
Losers go into Europa League GROUP stage.
Ultimo aggiornamento: 14.08.2018 23:18
Spartak Trnava
CHAMPIONS UEFA
1 - 2
fine
1-1
0-0
0-1
Crvena Zvezda
1-1
0-0
0-1
1-0 BAKOS MAREK
6'
 
 
 
 
7'
1-1 BEN NABOUHANE EL FARDOU
GODAL BORIS
19'
 
 
 
 
28'
BEN NABOUHANE EL FARDOU
BAKOS MAREK
35'
 
 
 
 
38'
STOJKOVIC FILIP
 
 
60'
STOJILJKOVIC NIKOLA
TOTH MARTIN
66'
 
 
 
 
72'
DEGENEK MILOS
 
 
86'
PAVKOV MILAN
SLOBODA ANTON
90'
 
 
GRENDEL ERIK
95'
 
 
 
 
98'
RADONJIC NEMANJA
 
 
98'
1-2 RADONJIC NEMANJA
HLADIK IVAN
117'
 
 
6' 1-0 BAKOS MAREK
BEN NABOUHANE EL FARDOU 1-1 7'
19' GODAL BORIS
BEN NABOUHANE EL FARDOU 28'
35' BAKOS MAREK
STOJKOVIC FILIP 38'
STOJILJKOVIC NIKOLA 60'
66' TOTH MARTIN
DEGENEK MILOS 72'
PAVKOV MILAN 86'
90' SLOBODA ANTON
95' GRENDEL ERIK
RADONJIC NEMANJA 98'
RADONJIC NEMANJA 1-2 98'
117' HLADIK IVAN
First leg (1-1).
Venue: Stadium Antona Malatinskeho.
Turf: Natural.
Capacity: 19,200.
Referee : Serdar Gozubuyuk (NED).
Assistant referees : Davie Goossens (NED) & Bas van Dongen (NED).
Fourth official : Jeroen Manschot (NED).
MATCH SUMMARY : Trnava yet to feature in a UEFA GROUP stage.
Crvena Zvezda have conceded once in last 6 UEFA away games.
Winners play Salzburg/Shkendija in play offs.
Losers meet Olimpija Ljubljana/HJK in UEL play offs.
Ultimo aggiornamento: 14.08.2018 23:18
A piede libero (Keystone)
Economia
05.02.18 - 07:580
Aggiornamento 10:18

Pena dimezzata al vicepresidente di Samsung

Accusato di corruzione, Lee Jae-yong è stato riconosciuto colpevole anche in Appello. Non è più agli arresti domiciliari, ricorrerà alla Corte suprema

Pena dimezzata a 2 anni e mezzo e sospesa per Lee Jae-yong, vice presidente ed erede della famiglia fondatrice del colosso sudcoreano Samsung Electronic: è l'esito del giudizio d'appello alla sentenza di primo grado di agosto che aveva condannato il manager a 5 anni di reclusione nell'ambito del grave scandalo di corruzione che ha portato nel 2017 all'impeachment della ex presidente della Repubblica sudcoreana Park Geun-hye. Lee, agli arresti dallo scorso febbraio, è stato quindi rilasciato, ha riferito l'agenzia Yonhap.

Lee, che può tornare alla guida del colosso dell’elettronica, ha visto cadere diversi addebiti, mentre i suoi legali hanno preannunciato ricorso alla Corte Suprema. Il 25 agosto, a fronte della richiesta di 12 anni di carcere della pubblica accusa, Lee incassò una condanna a 5 anni per aver dato 8,8 miliardi di won (8,1 milioni di dollari) a Park e alla sua confidente Choi Soon-sil, in cambio del sostegno del governo e del fondo pensione pubblico al riordino intragruppo al fine di assicuragli la leadership nella successione. La procura, impugnando la sentenza, ha rinnovato la richiesta a 12 anni di reclusione, che l’Alta Corte ha respinto osservando che non fosse chiaro la scopo della successione come obiettivo finale: per questo Lee non poteva avere in agenda qualcosa per cui si necessitava "una richiesta esplicita o implicita". Lee, 50 anni, è stato arrestato il 17 febbraio 2017 con cinque contestazioni, tra cui corruzione, truffa e fondi neri esteri, e l’accusa di aver offerto o promesso 43,3 miliardi di won a Park e alla "sciamana" Choi sponsorizzando anche le lezioni di equitazione di Chung Yoo-ra, figlia 22enne di Choi.

Tags
lee
choi
pena dimezzata
richiesta
presidente
park
corte
corruzione
samsung
TOP NEWS Economia
© Regiopress, All rights reserved