laRegione
per-ora-le-banche-piangono-per-la-riforma-di-trump
(Keystone)
Economia
17.01.18 - 19:100

Per ora le banche piangono per la riforma di Trump

Gli sgravi fiscali 'pesano' sui bilanci delle big di Wall Street costrette ad accantonare inizialmente oneri contabili miliardari. Poi sorrideranno

La riforma fiscale di Donald Trump costa caro alle banche americane. Anche se gli analisti ritengono le big di Wall Street le vere "vincitrici" nel piano di taglio delle tasse da 1'500 miliardi di dollari, la misura impone ai colossi un’iniziale "bastonata". Se i casi di JPMorgan e Citigroup non fossero bastati, a confermarlo arrivano Goldman Sachs e Bank of America. Considerata fino a non molto tempo fa il "gioiellino" di Wall Street, Goldman chiude il suo primo trimestre in rosso dal 2011 e cala in Borsa, arrivando a perdere il 3%. A pesare sui conti del periodo ottobre-dicembre è la riforma delle tasse, che la costringe a iscrivere a bilancio oneri contabili straordinari per 4,4 miliardi di dollari. Il quarto trimestre si chiude così con una perdita di 1,93 miliardi di dollari su ricavi sopra le attese e pari a 7,83 miliardi. Senza l’effetto-Trump, l’utile si è attestato a 2,26 miliardi di dollari, sopra le attese degli analisti che scommettevano su 2,04 miliardi. Ma la riforma delle tasse non è l’unico problema di Goldman: a preoccupare di più è il rallentamento della divisione di trading di bond, che ha realizzato la metà dei ricavi. Per Goldman si tratta dell’ennesimo trimestre deludente che rischia di rafforzare il coro di voci che chiede cambi drastici, inclusi quelli al vertici.

Utile trimestrale in calo anche per Bank of America. La riforma delle tasse varate pesa per 2,9 miliardi di dollari, riducendo l’utile netto a 2,37 miliardi di dollari. Senza gli oneri straordinari, la banca ha realizzato un utile di 5,3 miliardi di dollari, sopra le attese degli analisti. Al netto della "batosta" Trump, l’utile 2017 di Bank of America è volato a 21,1 miliardi di dollari, toccando il suo massimo di tutti i tempi centrato nel 2006, prima della crisi.

Analisti fiduciosi

Ma gli oneri che le banche sono state costrette a iscrivere a bilancio per la riforma Trump non preoccupano gli analisti, convinti che gli istituti di Wall Street siano i "vincitori" del taglio delle tasse. Nonostante il colpo iniziale sono infatti i meglio posizionati per godere dei benefici di lungo termine della misura. Le banche, che tipicamente pagano aliquote più elevate di altri settori quali quello manifatturiero, vedranno infatti scendere le tasse al 21% e, soprattutto, godranno dell’atteso circolo positivo che la riforma è attesa avere in termini di richiesta di credito.

TOP NEWS Economia
Economia
2 gior
Rischio bolla immobiliare in aumento a causa della pandemia
Lo sostiene un'analisi condotta da Ubs. Lo Swiss Real Estate Bubble Index è salito a 1,52 punti contro l'1,30 registrato nei primi tre mesi del 2020
Economia
4 gior
L'annus horribilis del sistema pensionistico
Complice la crisi del coronavirus, lo stato di salute del sistema pensionistico svizzero è negativo come non lo era da almeno 15 anni
Economia
4 gior
Banche online, in autunno avvia attività Flowbank
L'azienda vanta una tecnologia che permetterà ai clienti di effettuare tutte le loro transazioni sullo stesso software, indipendentemente dal dispositivo scelto
Economia
4 gior
Il gigante farmaceutico Bayer perde 9,5 miliardi
Nel secondo trimestre di quest'anno le vendite sono state incrementate dalle attività agricole della società, mentre la pandemia ha pesato sui prodotti farmaceutici.
Sondaggio
Economia
5 gior
Svizzeri hanno speso all'estero due miliardi in meno per Covid
La stima è di Credit Suisse, che si basa sulle transazioni delle carte di debito, tenendo conto del fatto che oltre confine si paga maggiormente senza contanti
Mercati finanziari
6 gior
Un luglio in volata per Wall Street
È stata messa in conto una rapida ripresa a 'V' non corrisposta dai fatti
Economia
6 gior
Dagli Stati Uniti all’Europa è corsa al bitcoin
I flussi di acquisto delle criptovalute sono aumentati in modo sorprendente nelle prime settimane di quarantena
Economia
1 sett
Ermotti: 'La Svizzera non deve lasciarsi ricattare'
Il Ceo uscente dell'Ubs afferma di essere contrario all'attuale accordo quadro e ricorda: la parola d'ordine a Berna dovrebbe essere 'neutralità'
Economia
1 sett
Usa, il Pil crolla nel secondo trimestre: -32.9%
Anche se migliore rispetto alle attese degli analisti il calo è comunque senza precedenti per la sua severità
Economia
1 sett
Credit Suisse: sale l'utile, si riducono le succursali
Utile netto cresciuto del 24% per la banca elvetica (1,16 miliardi di franchi), che ha varato un piano di risparmio di 400 milioni
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile