laRegione
25.02.22 - 09:11
Aggiornamento: 21:22

Addio a Estival Jazz

La rassegna musicale luganese non si svolgerà più, almeno nella formula consueta: a pesare, lo stop di due anni e il disimpegno di molti sponsor

addio-a-estival-jazz
Ti-Press

Estival Jazz, la principale rassegna musicale dell’estate ticinese, scompare dal panorama degli eventi ticinesi, "a meno di un miracolo" e "almeno nella forma che conosciamo", come ha dichiarato l’organizzatore Jacky Marti in un’intervista oggi sul Corriere del Ticino. A pesare, soprattutto, il disimpegno di importanti sponsor, che ha privato l’organizzazione dei mezzi per programmare il proseguimento della kermesse. Come spiega Marti, erano stati stipulati degli accordi di sostegno con alcuni partner sull’arco dei tre anni, periodo di tempo che sono intanto trascorsi, sebbene solo un evento su tre è stato svolto. Fino a tempi recenti, inoltre, non c’era la certezza di poter operare come avveniva prima della pandemia, ciò che "ha impedito di intavolare nuove trattative". Il risultato è l’impossibilità, viste le risorse a disposizione, di garantire "i due pilastri su cui si è sempre retto Estival", ovvero concerti di alta qualità e gratuiti. "Se non siamo più in grado di garantire entrambe le cose, piuttosto che snaturare il lavoro di oltre quarant’anni, preferiamo per il momento rinunciare", ha dichiarato Marti al CdT.

Tuttavia, sottolinea l’ideatore di Estival, nonostante Estival come lo conosciamo non si svolgerà più, "è desiderio nostro e della Città, che ci è sempre stata vicina, che il "marchio" Estival non vada in soffitta". Il "brand" Estival dovrebbe dunque avere una sua nuova e diversa vita: «Con gli organizzatori c’è la volontà di far sì che il patrimonio rappresentato dal festival non vada perduto», ha dichiarato il vicesindaco e responsabile del Dicastero cultura, sport ed eventi di Lugano Roberto Badaracco. Si pensa a una formula diversa, come inserire una "serata Estival" all’interno dell’altra rassegna luganese Blues to Bop, e all’orgainzzazione di eventi nel contesto della programmazione del Lac.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Video
Sanremo
55 min
Måneskin, Di Capri, Paola Egonu nell’Italia ‘non tutta razzista’
Il caso Fedez, il caso Duro (Angelo) e la pallavolista co-conduttrice per una notte, che a domanda risponde (la conferenza, ‘Momento Lucci’ annesso)
arti performative
1 ora
‘Out of me, Inside You’: le strade della malinconia
Esterno, interno; movimento e stasi contemplativa nella performance che l’artista Francesca Sproccati porta a Villa dei Cedri, dal 10 al 12 febbraio
Video
Sogno o son Festival
3 ore
Morandi per la melodia, Pegah per l’Iran, Tananai per l’Ucraina
Dopo l’affondo di Fedez, Sanremo va a letto tardi e si sveglia con il video di Tananai: il suo ‘Tango’ è dedicato all’Ucraina
Sogno o son Festival
4 ore
Notte in Blanco (fatti mandare dalla mamma a rompere il latte)
Siamo onesti: chi da giovane non ha mai sfasciato un palco? E quante bottiglie avrà spaccato Morandi prima di diventare famoso?
Sogno o son Festival
6 ore
Sanremo, le canzoni ‘Made in Italy’ (le pagelle, seconda serata)
Colapesce Dimartino una certezza, Rosa Chemical un martello, Tananai ebbene sì. La classifica dopo le prime due serate: Mengoni, sempre Mengoni
Arte
22 ore
Poi appare Paolina Bonaparte. E noi ci perdiamo con lei.
Tra le opere di Galleria Borghese per la mostra ‘Meraviglia senza tempo. Pittura su pietra a Roma tra Cinquecento e Seicento’, e la meraviglia del Canova.
Sogno o son Festival
1 gior
Un altro Sanremo dei record (scuse di Blanco incluse)
Giorno due, conferenza tre. Davanti ai numeri ci sono tutti ‘più’. Il sindaco di Sanremo: ‘Non si è mai parlato tanto di fiori come quest’anno’
musec
1 gior
La rivoluzione occidentale dell’arte agli antipodi
A Villa Malpensata, dal 10 febbraio al 1° ottobre, è esposta una settantina di capolavori d’arte dei Mari del Sud, opere della Collezione Brignoni
Culture
1 gior
‘Di alberi e di guerra’ agli ‘Eventi letterari’ del Monte Verità
A inaugurare l’undicesima edizione del festival (30 marzo-2 aprile) sarà l’incontro con Giuliano da Empoli, autore de ‘Il mago del Cremlino’
Spettacoli
1 gior
La solitudine di Ulisse e la cecità umana
Stasera al Lac si replica lo spettacolo di Lina Prosa diretto da Carmelo Rifici. Ottima prova degli interpreti, notevoli le musiche di Zeno Gabaglio.
© Regiopress, All rights reserved