laRegione
14.03.21 - 13:43

César, nuda sul palco in difesa dei precari dello spettacolo

Durante i Premi César, gli Oscar del cinema francese, l'attrice Corinne Masiero si è denudata, mostrando una scritta sul corpo, diretta al primo ministro francese.

Ats, a cura de laRegione
cesar-nuda-sul-palco-in-difesa-dei-precari-dello-spettacolo
'Jean, restituiscici l'arte' (Keystone)

Venerdì sera all'Olympia di Parigi, l'attrice Corinne Masiero si è spogliata in occasione della consegna del Premio César', gli Oscar del cinema francese. Masiero, arrivata sul palco non come premiata ma per consegnare il César per i migliori costumi, ha lasciato tutti a bocca aperta con un discorso durissimo in difesa dei precari dello spettacolo che non possono lavorare da un anno. Vestita con il costume del celebre film francese ‘Peau d'âne’ (Pelle d'asino), l'attrice ha concluso il suo discorso restando completamente nuda, svelando il suo corpo sul quale erano state tracciate pennellate di rosso. Sulla schiena, a lettere cubitali, c'era scritto: "Jean, ridacci l'arte", messaggio diretto al primo ministro, Jean Castex.

L'attrice ha poi dichiarato: "Un costume è importante, si ha l'aria da scemi quando non lo si ha", concludendo il suo intervento con l'annuncio della lista delle nomination. Applausi in sala per la performance dell'attrice, incomprensione e smarrimento sul web: "Se i cinema sono chiusi nella maggior parte dei Paesi del mondo – scrive un telespettatore su Twitter – è perché il Covid-19 uccide. Invece, fortunatamente per Corinne Masiero il ridicolo non uccide". Un altro rincara: "La cultura sfigurata, la donna umiliata".


 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Video
Sanremo
51 min
Måneskin, Di Capri, Paola Egonu nell’Italia ‘non tutta razzista’
Il caso Fedez, il caso Duro (Angelo) e la pallavolista co-conduttrice per una notte, che a domanda risponde (la conferenza, ‘Momento Lucci’ annesso)
arti performative
58 min
‘Out of me, Inside You’: le strade della malinconia
Esterno, interno; movimento e stasi contemplativa nella performance che l’artista Francesca Sproccati porta a Villa dei Cedri, dal 10 al 12 febbraio
Video
Sogno o son Festival
3 ore
Morandi per la melodia, Pegah per l’Iran, Tananai per l’Ucraina
Dopo l’affondo di Fedez, Sanremo va a letto tardi e si sveglia con il video di Tananai: il suo ‘Tango’ è dedicato all’Ucraina
Sogno o son Festival
3 ore
Notte in Blanco (fatti mandare dalla mamma a rompere il latte)
Siamo onesti: chi da giovane non ha mai sfasciato un palco? E quante bottiglie avrà spaccato Morandi prima di diventare famoso?
Sogno o son Festival
6 ore
Sanremo, le canzoni ‘Made in Italy’ (le pagelle, seconda serata)
Colapesce Dimartino una certezza, Rosa Chemical un martello, Tananai ebbene sì. La classifica dopo le prime due serate: Mengoni, sempre Mengoni
Arte
22 ore
Poi appare Paolina Bonaparte. E noi ci perdiamo con lei.
Tra le opere di Galleria Borghese per la mostra ‘Meraviglia senza tempo. Pittura su pietra a Roma tra Cinquecento e Seicento’, e la meraviglia del Canova.
Sogno o son Festival
1 gior
Un altro Sanremo dei record (scuse di Blanco incluse)
Giorno due, conferenza tre. Davanti ai numeri ci sono tutti ‘più’. Il sindaco di Sanremo: ‘Non si è mai parlato tanto di fiori come quest’anno’
musec
1 gior
La rivoluzione occidentale dell’arte agli antipodi
A Villa Malpensata, dal 10 febbraio al 1° ottobre, è esposta una settantina di capolavori d’arte dei Mari del Sud, opere della Collezione Brignoni
Culture
1 gior
‘Di alberi e di guerra’ agli ‘Eventi letterari’ del Monte Verità
A inaugurare l’undicesima edizione del festival (30 marzo-2 aprile) sarà l’incontro con Giuliano da Empoli, autore de ‘Il mago del Cremlino’
Spettacoli
1 gior
La solitudine di Ulisse e la cecità umana
Stasera al Lac si replica lo spettacolo di Lina Prosa diretto da Carmelo Rifici. Ottima prova degli interpreti, notevoli le musiche di Zeno Gabaglio.
© Regiopress, All rights reserved