laRegione
01.12.22 - 15:38

Campagna pubblicitaria choc: bambini con peluche bondage

Per promuovere i propri articoli, nel caso zainetti, la maison di moda Balenciaga scivola su fotografie di cattivo gusto: e scoppia la polemica

campagna-pubblicitaria-choc-bambini-con-peluche-bondage
Campagna provocatoria?

Un regalo sotto l’albero? A proporre spunti in questo periodo prefestivo è tutto il mondo del fashion. Qualcuno però andando ben oltre la mera pubblicità scandalistica. Secondo quanto riportato da ‘Vanity Fair’ doveva infatti essere una campagna di Natale dedicata agli oggetti del cuore di Demna, il direttore creativo della nota maison di moda Balenciaga. Eppure, è finita per essere tutt’altro: uno scandalo con tanto di scuse pubbliche e presa di posizione contro la pedofilia. L’errore (il settimanale parla anche di orrore) di valutazione in effetti c’è, e solleva non poche critiche rispetto ai passaggi degli addetti ai lavori dietro le quinte: com’è possibile che nessuno si sia accorto di nulla?

Tutto è iniziato, ripercorre l’articolo, con i peluche a forma di orsetto vestiti in stile bondage, parola che il dizionario Treccani definisce esattamente così: «Pratica sessuale consistente nel legare o immobilizzare il partner, consenziente». Tutto è peggiorato con l’associazione di questi stessi peluche al mondo dell’infanzia: cosa ci facevano due bambine, con gli orsetti fetish tra le mani, nella campagna Balenciaga Objects?

Scattata da Gabriele Galimberti, presentato dal marchio come un fotografo spesso coinvolto in progetti che lo vedono all’opera con le eccentricità della vita quotidiana, la campagna porta in scena decine e decine di oggetti concepiti come regali di Natale, andando a completare la serie fotografica Toy Stories dell’artista stesso: «Un’esplorazione di ciò che le persone collezionano e ricevono come regali», recita la nota stampa ufficiale. Che si venda pure l’idea come si vuole, fatto sta che il popolo di Twitter – la piattaforma social proprio recentemente abbandonata da Balenciaga (pare per colpa di Elon Musk) – non è stato indulgente: «Credevo la gente stesse scherzando, ma no. Forse è per questo che Balenciaga ha lasciato Twitter. Non vogliono essere accusati. Sì, queste bambine stringono tra le mani orsetti vestiti con look in stile bondage», ha twittato un’utente.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Locarno Film Festival
4 ore
Successione Marco Solari, c’è la commissione
Avanzerà al Cda proposte di possibili candidate o candidati alla successione di Solari. Sarà presieduta da Mario Timbal, direttore Rsi
L’intervista
11 ore
Le Donne, la musica e Ornella Vanoni
Superato l’incidente che ha fermato il tour, l’artista italiana sarà a Lugano venerdì 3 febbraio, con band tutta al femminile (galeotto fu Paolo Fresu)
Scienze
21 ore
Un chip per rilevare e prevenire i sintomi del Parkinson
È stato messo a punto dagli scienziati del Politecnico federale di Losanna. Utile anche nel campo dell’epilessia
Spettacoli
1 gior
È morta Lisa Loring, fu la prima Mercoledì della Famiglia Addams
L’attrice aveva 64 anni ed è deceduta in seguito ad un ictus. Suo il ruolo della figlia di Gomez e Morticia nella serie originale degli anni Sessanta
Scienze
1 gior
Il Covid resta un’emergenza internazionale
Per il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, ‘il virus conserva la capacità di evolversi in nuove e imprevedibili varianti’
L’intervista
1 gior
Marco Paolini, contro la solitudine doppiamente ‘Sani!’
Nel disequilibrio generale, il maestro del teatro di narrazione porta in scena un’iniezione di fiducia: giovedì 2 e venerdì 3 febbraio al Teatro Sociale
Scienze
1 gior
Long Covid, ecco perché affiora la stanchezza cronica
Scoperto il meccanismo che la provocherebbe in una persona su tre: il deficit di un aminoacido prodotto naturalmente dall’organismo
La recensione
1 gior
Ricco e colto, buzzurro ma sensibile: ‘Quasi amici’!
A Chiasso, il Cinema Teatro applaude a ogni cambio di scena Paolo ‘Driss’ Ruffini e Massimo ‘Filippo’ Ghini, nell’adattamento teatrale del film francese
Musica
2 gior
Addio a Tom Verlaine, frontman dei Television
Chitarrista e cantante, pioniere della scena punk degli anni 70, si è spento a Manhattan dopo breve malattia.
Scienze
2 gior
Non tutti sono prede facili: c’è fagiano e fagiano
Uno studio condotto in Gran Bretagna ha permesso di evidenziare significative differenze di memoria tra un esemplare e l’altro
© Regiopress, All rights reserved