laRegione
14.08.22 - 13:30

Pensare stanca, fa accumulare sostanze tossiche nel cervello

Per i ricercatori vale il vecchi rimedio: riposare e dormire. ‘Ci sono molte prove che indicano che il glutammato viene eliminato durante il sonno’

Ats, a cura di Red.Web
pensare-stanca-fa-accumulare-sostanze-tossiche-nel-cervello
Depositphotos

Anche pensare stanca, ma la fatica non è un’illusione creata dal cervello per passare ad attività più gratificanti, come si ipotizzava: è un segnale di allarme vero e proprio per preservare le proprie funzioni, dal momento che un’intensa attività mentale prolungata per diverse ore causa l’accumulo di sostanze potenzialmente tossiche in un’area del cervello nota come corteccia prefrontale.

Lo afferma un gruppo di ricercatori dell’Università della Salpêtrière di Parigi, che ha pubblicato i risultati ottenuti sulla rivista Current Biology e che consiglia di non prendere decisioni importanti quando si è affaticati: in queste circostanze, infatti, il cervello tende a preferire le opzioni che offrono ricompense rapide e con poco sforzo. I ricercatori guidati da Antonius Wiehler hanno utilizzato la spettroscopia di risonanza magnetica (Mrs) per monitorare l’attività del cervello nel corso di una giornata lavorativa.

I segnali della stanchezza sono emersi solo nel gruppo impegnato in attività mentali più intense: queste persone avevano livelli più elevati di una molecola chiamata glutammato nell’area della corteccia prefrontale. Gli autori dello studio, quindi, anche in base a risultati di studi precedenti, affermano che è proprio l’accumulo di glutammato il responsabile del senso di affaticamento, rendendo il controllo cognitivo più difficile dopo una giornata lavorativa dura dal punto di vista mentale.

"I nostri risultati mostrano che il lavoro cognitivo si traduce in una vera alterazione funzionale", commenta Mathias Pessiglione, uno degli autori dello studio, "quindi la fatica sarebbe un segnale che ci fa smettere di lavorare per preservare l’integrità del funzionamento cerebrale. Purtroppo - continua Pessiglione - non penso ci sia modo di aggirare questa limitazione del nostro cervello. Consiglierei il vecchio rimedio: riposare e dormire. Ci sono molte prove, infatti, che indicano che il glutammato viene eliminato durante il sonno".

TOP NEWS Culture
Spettacoli
15 ore
I 50 anni? ‘Uno straordinario aggiornamento di software’
L’attrice Gwyneth Paltrow il 27 settembre spegnerà le candeline felice di essere così com’è e accettando tutti gli effetti che l’invecchiamento comporta
Musica
22 ore
Abul Mogard nella cattedrale del suono
Con il naso all’insù, incursione nella Union Chapel di Londra per ascoltare l’ex 75enne serbo in pensione prestato alla musica
Culture
1 gior
Telmo Pievani, ‘Sconfinare’ nella grande natura
Intervista al filosofo della biologia, sabato primo ottobre a Bellinzona, per guardare al presente col tempo profondo dell’evoluzione
Cinema
1 gior
Addio a ‘Mildred’ di ‘Qualcuno volò sul nido del cuculo’
È morta all’età di 88 anni Louise Fletcher, la Mildred Ratched del film culto di Milos Forman, ruolo che le valse un Oscar
Società
1 gior
Con iPhone 14 si apre una nuova era nelle comunicazioni
L’avvento del nuovo ‘melafonino’ ha creato fermento nel mercato delle offerte di servizi per il pubblico
Culture
2 gior
‘Sergentmagiù, ghe riverem a baita?’
Ricordi e confessioni dentro ‘Il sergente dell’Altopiano’, documentario su Mario Rigoni Stern presentato a Castel San Pietro
Arte
2 gior
Pietro Sarto all’infinito
‘Metamorfosi infinite’ è la mostra che si apre oggi al Museo Villa dei Cedri, dedicata a un artista che ancora si sente ‘un ticinese nel Canton Vaud’
Culture
3 gior
Come sbiancare una sirenetta
Un saggio ricostruisce la storia dell’espressione ‘lavare un etiope’ e ci aiuta a capire la vera dimensione politica del casting del prossimo film Disney
Spettacoli
4 gior
Un Sociale dai temi sociali
Presentata la stagione 22-23: classici, novità, buona musica, le giuste risate, graditi ritorni, due nuove produzioni e un ricordo di Claudio Taddei
Scienze
4 gior
Bye bye estate: nella notte l’equinozio d’autunno
Alle 3.04 i raggi del Sole illumineranno esattamente metà del pianeta, lasciando l’altra metà al buio. Il fenomeno sarà salutato da stelle cadenti
© Regiopress, All rights reserved