laRegione
long-covid-nebbia-nel-cervello-simile-all-alzheimer
Keystone
Intenso lavoro di laboratorio
16.06.22 - 19:00
Ats, a cura de laRegione

Long Covid: nebbia nel cervello simile all’Alzheimer

Importanti progressi nella ricerca del mistero della persistente condizione che può innescare perdita di memoria, confusione e altri disturbi

La condizione detta nebbia nel cervello è emersa come uno dei sintomi più debilitanti del long Covid e colpisce miglia di persone globalmente, con impatto sulla capacità di lavoro e nella vita quotidiana.

Ora un gruppo di scienziati australiani dell’Università La Trobe di Melbourne si avvicina a svelare il mistero della persistente condizione che può fa scattare perdita di memoria, confusione, vertigini e mal di testa, con difficoltà a ricordare parole di uso comune.

I risultati dello studio, appena pubblicati su Nature Communications, suggeriscono che vi possano essere precisi paralleli fra gli effetti del Covid-19 sul cervello e i primi stadi di malattie neurodegenerative come Alzheimer e Parkinson.

Come parte dello studio, i ricercatori guidati dal professor Nick Reynolds, dell’Istituto di Scienza molecolare dell’università stessa, ha usato algoritmi informatici per identificare minuscoli frammenti di proteine, detti peptidi, nel virus Sars-Cov-2. Hanno poi studiato i peptidi in laboratorio, osservando che avevano formato aggregazioni, rispecchianti le placche amiloidi che si trovano nel cervello nelle prime fasi di malattie neurodegenerative.

"Tali placche amiloidi sono molto tossiche per le cellule cerebrali e noi ipotizziamo che gli aggregati di proteine di Sars-Cov-2 possano far scattare sintomi neurologici nel Covid-19 descritti comunemente come annebbiamento cerebrale", scrive il professor Reynolds. Se questo sarà confermato in studi futuri, lo studioso ritiene che farmaci sviluppati per combattere l’Alzheimer e il Parkinson potrebbero essere adattati per trattare i debilitanti sintomi neurologici del long Covid.

"Se l’annebbiamento cerebrale è causato da queste placche amiloidi, allora possiamo contare su 30 anni di ricerca farmacologica per le malattie neurodegenerative che può ora essere riesaminata nel contesto del Covid-19", aggiunge.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alzheimer long covid ricerca
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
L'intervista
1 ora
Juliette Binoche, attrice e camionista
Da Kieślowski a Kiarostami, lampi di vita e carriera fino a ‘Paradise Highway’ di Anna Gutto
Spettacoli
1 ora
Morto l’attore Roger E. Mosley, indimenticabile TC di Magnum PI
Aveva 83 anni ed è rimasto vittima di un incidente d’auto. Suo il ruolo di Theodore “TC” Calvin accanto a Tom Selleck
Locarno 75
3 ore
Jason Blum, come spaventarsi tanto spendendo poco
La sua Blumhouse è la casa produttrice di horror per eccellenza, cose come ‘Paranormal Activity’, 15mila dollari investiti, 200 milioni guadagnati
Locarno 75
14 ore
Cineasti del presente, voglia di raccontare e sperimentare
Di ‘How’s Katia’ s’è detto; interessante ma incompleto ‘Petrol’; piace (al netto di qualche moralismo) ‘Petites’
Castellinaria
20 ore
Castellinaria compie 35 anni e avrà una nuova casa di proiezione
Dall’Espocentro bellinzonese, il Festival del cinema giovani si svolgerà (19-26 novembre) al Mercato coperto di Giubiasco
Letteratura
1 gior
Lin Shu, Chen Jalin e il cavaliere magico
Il settantenne cinese ha tradotto (o riscritto) 180 libri della tradizione letteraria europea, fra cui il Don Chisciotte insieme al suo collaboratore
Ceresio Estate
1 gior
A Caslano il ‘romantico’ Quartetto Altemps
In rappresentanza dell’ensemble, atteso domenica 7 agosto nella chiesa parrocchiale, parla il violoncellista Marco Testori
Scienze
1 gior
‘Le epidemie intermittenti di Covid saranno la normalità’
Dato l’emergere regolare di varianti, per i ricercatori non ci sono ragioni per credere che questa tendenza non continuerà, come succede per l’influenza
Streaming
1 gior
Man! I Feel Like Shania Twain
Su Netflix c’è ‘Shania Twain: Not Just a Girl’, il bel documentario di Ross Crowley sulla ‘Regina del Country Pop’
Scienze
1 gior
In arrivo una batteria di carta usa e getta, si attiva con acqua
Potrebbe essere usata per vari dispositivi elettronici monouso a bassa potenza
© Regiopress, All rights reserved