laRegione
Scienze
23.12.18 - 21:200
Aggiornamento : 22:30

Compie 50 anni l'alba terrestre vista dallo spazio

L'immagine scattata dall'equipaggio della missione Apollo 8 è diventata il simbolo, oltre che della conquista della luna, anche degli ambientalisti

(ANSA) Cinquant'anni fa l'uomo usciva per la prima volta dall'orbita bassa terrestre riuscendo così ad ammirare il pianeta da lontano: era infatti il 21 dicembre 1968 quando la Nasa lanciò la missione Apollo 8, la prima a portare un equipaggio umano attorno alla Luna. I tre astronauti Frank Borman, James Lovell e William Anders furono i primi a osservare la Terra nella sua interezza, vedendola sorgere dall'orizzonte lunare proprio la vigilia di Natale. Uno spettacolo inatteso, che immortalarono scattando fotografie storiche come la famosa 'Earthrise' (l'alba della Terra), diventata poi il simbolo dei primi movimenti ambientalisti. Le immagini vennero mostrate al mondo intero durante una diretta televisiva proprio nella notte di Natale. "Una solitudine maestosa che ti fa capire cosa ti lasci alle spalle sulla Terra", commentò James Lovell. La missione Apollo 8 aprì ufficialmente la corsa allo sbarco sulla Luna: dimostrò infatti che il razzo Saturno 5 usato per il lancio e il modulo Apollo erano perfettamente in grado di coprire i 238.000 chilometri che separano la Terra dal suo satellite. Il viaggio durò tre giorni, poi l'Apollo completò dieci orbite in 20 ore, permettendo agli astronauti di scattare immagini dettagliate della superficie lunare per pianificare l'allunaggio delle missioni successive.Per celebrare il cinquantenario dell'Apollo 8, qualche settimana fa gli esperti dell'Unione astronomica internazionale (Iau) hanno 'battezzato' due crateri lunari come 'Anders' Earthrise' e '8 Homeward', proprio in onore delle immagini della Terra scattate in quella storica missione.

 

TOP NEWS Culture
Scienze
3 ore
Il Coronavirus 'era dormiente prima di esplodere in Cina'
Per l'esperto 'questi agenti patogeni non vengono né vanno da nessuna parte. Sono sempre qui e qualcosa li accende, come le condizioni ambientali'
Scienze
4 ore
L'allarme dell'Onu: proteggere l'ambiente o presto altre pandemie
L'emergenza Covid-19 è solo l'ultimo esempio di zoonosi, un fenomeno in crescita e che può essere fermato solo proteggendo la fauna e l'ambiente
L'intervista
12 ore
Morricone e la morte: 'Consapevole, come tutti i grandi'
L'autonecrologio, 'ulteriore segno di genialità'. Il ricordo di Alessandro De Rosa, con lui a quattro mani in 'Inseguendo quel suono', l'autobiografia
Culture
23 ore
Non devi dimenticare! E non ti dimenticheremo Maestro Morricone
È importante ricordarlo anche per il suo impegno per il mondo, per non far dimenticare il dolore e la bellezza del vivere. Dalla Shoah fino a Genova.
Musica
1 gior
Ennio Morricone, musica delle immagini
Non solo musica giustapposta alle immagini, ma temi e sviluppi la cui sonorità inglobi le immagini. È l’uso metaforico del suono che Morricone ha inventato
Scienze
1 gior
Il campo magnetico terrestre cambia più in fretta del previsto
Simulazioni condotte in Inghilterra gettano nuova luce sulla velocità dei suoi cambiamenti di direzione
Libri
1 gior
'Ragnatele nella...': l'ufficio stampa insulta la blogger
Anche la Gabriele Capelli Editore di Mendrisio prende le distanze dai post sessisti del Taccuino, furioso per una recensione negativa.
Culture
1 gior
Addio a Ennio Morricone: la sua musica per il cinema
Premio Oscar, autore di alcune tra le più belle colonne sonore, qualche giorno fa era caduto e s'era rotto il femore. Aveva 91 anni. Nel 2018 l'intervista a laRegione
Arte
1 gior
Quando poesia e arte si incrociano e lasciano un segno
Samuele Gabai racconta il suo progetto‘“Quaderni in Ottavo’, con incisioni che si alternano a testi inediti di poeti contemporanei
Arte
1 gior
E il Teatro Sociale di Bellinzona si fa vedere
Lo stabile, monumento storico d'importanza nazionale, apre le porte alle visite gratuite dal 9 luglio al 5 settembre. Un viaggio nelle sue architetture
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile