laRegione
Scienze
01.10.18 - 23:450

Teorie sessiste, il Cern lo sospende

Durante un workshop, il professore di fisica Alessandro Strumia ha suggerito che i cervelli delle donne sono semplicemente meno adatti alla fisica.

“La fisica è stata inventata e costruita dagli uomini, non si entra per invito”. Un'affermazione giudicata sessista e costata cara ad Alessandro Strumia, fisico e docente dell'università di Pisa. Parole pronunciate in occasione di un workshop organizzato dal Cern a Ginevra lo scorso venerdì. Quanto dichiarato dal professore, secondo i vertici del Cern. è  “altamente offensivo” . Da qui la decisione di sospenderlo con effetto immediato da tutte le attività, nell'attesa che si concluda l'indagine sull'accaduto, come spiega in un comunicato l'istituto internazionale con sede a Ginevra. Una vicenda che scuote la comunità scientifica internazionale e che vede coinvolto anche l'ateneo pisano, che ha avviato contro il docente un procedimento etico.  Strumia, che collabora anche con il Cern, ricorrendo a grafici e tabelle ha voluto dimostrare che non è vero che le donne siano vittime di discriminazione nella fisica. Al contrario, sono gli uomini a subirla, tanto da finire spesso scavalcati nel fare carriera da colleghe con meno meriti di loro. Lui stesso ne sarebbe un esempio, visto che l'Istituto nazionale di fisica nucleare non lo avrebbe assunto, preferendogli, spiega l'interessato, due ricercatrici con meno citazioni. Sul fronte dell'ateneo toscano, la documentazione, spiega una nota dell'università di Pisa, è stata trasmessa alla Commissione etica. Quest'ultima “procederà ad esaminare il comportamento tenuto, valutando se del caso di investire anche il Collegio di disciplina per verificare eventuali ulteriori violazioni delle norme che devono guidare la condotta dei professori universitari”.
 
 
 
 

TOP NEWS Culture
Scienze
31 min
Il campo magnetico terrestre cambia più in fretta del previsto
Simulazioni condotte in Inghilterra gettano nuova luce sulla velocità dei suoi cambiamenti di direzione
Libri
35 min
'Ragnatele nella...': l'ufficio stampa insulta la blogger
Anche la Gabriele Capelli Editore di Mendrisio prende le distanze dai post sessisti del Taccuino, furioso per una recensione negativa.
Culture
6 ore
Addio a Ennio Morricone: la sua musica per il cinema
Premio Oscar, autore di alcune tra le più belle colonne sonore, qualche giorno fa era caduto e s'era rotto il femore. Aveva 92 anni. Nel 2018 l'intervista a laRegione
Arte
8 ore
Quando poesia e arte si incrociano e lasciano un segno
Samuele Gabai racconta il suo progetto‘“Quaderni in Ottavo’, con incisioni che si alternano a testi inediti di poeti contemporanei
Arte
17 ore
E il Teatro Sociale di Bellinzona si fa vedere
Lo stabile, monumento storico d'importanza nazionale, apre le porte alle visite gratuite dal 9 luglio al 5 settembre. Un viaggio nelle sue architetture
Ritratti
2 gior
Il lungo volo di Biriki
Incontriamo Bruna Ferrazzini e l’uccellino da lei creato: leggero, curioso, contagioso. E libero
Spettacoli
2 gior
Marco Solari: essenziale un Festival in presenza
Locarno 2020 avrà anche delle proiezioni in sala, presentate giovedì. Ma dovrà rinunciare a Piazza Grande e alla Rotonda, “palla al piede necessaria”
Culture
2 gior
Canetta: giudicate l’offerta musicale, non gli organigrammi
Il direttore della Rsi risponde alle critiche del musicologo Carlo Piccardi sulla marginalizzazione della musica all'interno del servizio pubblico
Culture
3 gior
Secondo 'Strega' per Sandro Veronesi
Già dato per superfavorito, come nel 2006 lo scrittore toscano sbanca il Premio con 'Il colibrì'
Spettacoli
6 gior
The show must go on. Nonostante la pandemia
Le difficoltà per il settore degli eventi rimangono, come ci spiega Gabriele Censi: Senza il pubblico il settore degli eventi morirebbe.
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile