laRegione
07.08.22 - 22:35

Nuove narrazioni digitali: un incontro al BaseCamp

All’Istituto Sant’Eugenio domani, dalle 19, si terrà una masterclass dedicata al lavoro del collettivo Total Refusal. A introdurla una conferenza.

nuove-narrazioni-digitali-un-incontro-al-basecamp
©LFF
‘Hardly Working’

L’industria dei videogiochi trascina milioni di giocatori in nuove dimensioni digitali. Ma cosa succede se gli artisti si appropriano di questo prodotto per mettere in discussione le basi su cui si regge e i meccanismi che lo tengono in piedi? Total Refusal è un collettivo aperto che utilizza i videogiochi per criticare la produzione mainstream, nonché le strutture di potere e le ideologie che essa ricrea. Le nuove narrazioni che Total Refusal inserisce in questi giochi sfidano lo status quo e la realtà dei videogiochi, fungendo allo stesso tempo da critica, arte e creazione di nuovi spazi pubblici. Questo è il tema dell’incontro – intitolato ‘Nuove narrazioni digitali’ – organizzato nel contesto del baseCamp PopUp, in calendario martedì 9, all’Istituto Sant’Eugenio di Locarno, a partire dalle 19.

Total Refusal quest’anno presenta il film ‘Hardly Working’ nella sezione del Concorso internazionale Pardi di domani, incentrato sugli NPC ("personaggi non giocabili") e sul loro ruolo nei videogiochi. Il collettivo ne ripercorre la vita quotidiana e il lavoro, trasformando la loro esistenza in una performance senza scopo. Dopodomani ci sarà quindi la possibilità di seguire una masterclass: un’occasione per scoprire come un collettivo contemporaneo lavora e si approccia alla creazione, all’intervento e alla decostruzione in ambito digitale.

La masterclass sarà preceduta da una conversazione tra Kevin B. Lee (professore associato della Facoltà di comunicazione, cultura e società dell’Università della Svizzera italiana) e il regista François Vautier, di cui è possibile vedere tre opere di realtà virtuale multisensoriali e immersive nell’ex cabina di proiezione (ubicata in Largo Zorzi). Queste opere portano lo spettatore a esplorare futuri possibili e realtà digitali immersive, ma sollevano anche domande sulle relazioni umane con i media, lo spazio e il digitale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Società
3 ore
Dagli scout alla lotta operaia: storia orale dell’Mgp
Un volume appena pubblicato raccoglie testimonianze e destini del Movimento giovanile progressista
Società
8 ore
Multa da un milione di dollari per Kim Kardashian
La star dei reality sanzionata per non aver rivelato il suo compenso per un post su Instagram in cui reclamizzava una società di criptovaluta
Fotografia
10 ore
È morto il fotografo che fece di Marilyn Monroe una leggenda
Douglas Kirkland aveva ritratto più di seicento celebrità. Era nato in Canada nel 1934 e sua è la foto che ritrae l’attrice con indosso solo un lenzuolo
Culture
14 ore
Il Nobel per la medicina all’archeologo del Dna
Premiato Svante Pääbo per le sue scoperte sul genoma degli ominidi. Il 67enne ha aperto un nuovo campo di ricerca
Spettacoli
21 ore
‘Dimitri saliva sul palco e taaac, si accendeva la lampadina’
Duilio Galfetti ricorda il grande clown, al quale con Roberto Maggini e Pietro Bianchi dedicherà l’omaggio il 5 ottobre con canti e musica popolare
La recensione
1 gior
Alla fine, per salvarci non c’è altro che l’immaginazione
Parte della trilogia dedicata all’amore, la performance di Treppenwitz ‘Amor fugge restando’ è andata in scena nel fine settimana nell’ambito del Fit
La recensione
1 gior
Osi al Lac, un memorabile Prokof’ev
La sala ha potuto godere di un bel programma dedicato al grande compositore. Eccezionale interpretazione di Marc Bouchkov
Settimane Musicali
1 gior
Lo Schubert ‘ecologico’ di Jordi Savall
Con la sua orchestra naturale, martedì 4 ottobre in San Francesco a Locarno (l’intervista)
Spettacoli
2 gior
Morto il regista Dragone, suoi gli show del Cirque du Soleil
Origini italiane, naturalizzato belga, avrebbe compiuto 70 anni il 12 dicembre. E tra i leader mondiali di eventi e spettacoli teatrali.
Arte
2 gior
Louise Nevelson ‘painted it black’
Al Museo comunale d’arte moderna di Ascona un’antologica sull’iconica artista statunitense da domani all’8 gennaio ’23. Ma si inaugura oggi alle 17.
© Regiopress, All rights reserved