laRegione
29.09.22 - 21:14

Dal bio all’ambiente, l’utopia moderna del Monte Verità

Sabato 1 ottobre presentazione in anteprima di ‘Back to Nature’, nuovo volume su una colonia che ha anticipato molti temi oggi attuali

dal-bio-all-ambiente-l-utopia-moderna-del-monte-verita
Il nuovo volume è a cura di Nicoletta Mongini, Chiara Gatti e Sergio Risaliti

La collina delle utopie vista da diverse angolazioni. Dall’idea nata a conclusione dell’esposizione su Monte Verità al Museo Novecento di Firenze, è nato ‘Back to Nature’ (edito da Lindau), nuovo libro che verrà presentato in anteprima sabato 1 ottobre (ore 18.30, auditorium Monte Verità).

«In un primo momento si era pensato a un catalogo, poi si è optato per una pubblicazione slegata dal contesto della mostra», ci spiega Nicoletta Mongini, che con Chiara Gatti (critica e storica dell’arte, direttrice museo MAN Nuoro) e Sergio Risaliti (direttore Museo Novecento Firenze) cura l’opera. La motivazione per un nuovo libro, indica la responsabile cultura della Fondazione Monte Verità, è stata quella di «dare una lettura meno storica, poiché soprattutto in italiano i libri che ci sono per lo più narrativi. ‘Back to Nature’ propone invece una lettura un po’ più critica, partendo anche da una visione che ci ha abbastanza accompagnati nella mostra di Firenze. Ossia considerare Monte Verità un laboratorio di avanguardia e modernità di oltre cento anni fa. Questo elemento negli ultimi anni è diventato ancor più attuale, evidenziando la modernità direi di tutta un’area».

Il volume presenta approfondimenti tematici accompagnati dai ritratti dei principali personaggi, che hanno caratterizzato la storia della comunità asconese. Ai contributi dei tre curatori, si aggiungono testi scientifici di Riccardo Bernardini (psicoterapeuta e segretario scientifico della Fondazione Eranos), Luca Scarlini (saggista e story teller) e Gianfranco Tuzzolino (professore di Composizione architettonica e presidente del Polo territoriale Universitario di Agrigento).

Disponibile in italiano dal 21 ottobre nelle principali librerie e nei negozi online, la pubblicazione uscirà anche in inglese. «Per noi questo è un elemento importante e prezioso, perché finora la bibliografia in questa lingua non era nutrita, nonostante Monte Verità abbia un pubblico anche parecchio internazionale, con persone che vengono un po’ da tutto il mondo».

‘Un laboratorio di idee’

In un viaggio «alla ricerca della libertà, in un luogo dove è stata respirata l’utopia vera e sognato un mondo diverso», ‘Back to Nature’ accompagna all’alba del Novecento. «Ai pionieri di un vivere oggi invero assai attuale, sotto molteplici aspetti. Anzitutto i fondatori della colonia sulle colline affacciate sul Lago Maggiore avevano già iniziato a rilevare il problema dell’ambiente e dell’inquinamento e della necessità di perseguire un benessere dell’uomo. Ad esempio con una dieta vegetariana, le attività all’aperto, il vivere la natura in modo diretto e quotidiano. Tendenze che stanno tornando – prosegue Mongini –; pensiamo solo a tutte le stimolazioni nate con e dopo la pandemia. Sia come riflessione su come stiamo su questa Terra, sia come momenti forzati di riflessione e ritorno a vivere di ciò che abbiamo intorno a noi. Ma le tematiche sollevate allora e oggi più che mai presenti sono diverse: il femminismo e i diritti delle donne, portati fin dall’inizio da Ida Hofman, che nel gruppo dei fondatori è forse stata quella che più di tutti ha dato una direzione al vivere quotidiano e per la quale il tema della parità diritto uomo e donna era molto presente; l’architettura che si innesta nel luogo; il pacifismo, oggetto di molti approfondimenti e scritti. Come si vede, sono parecchi i temi che vediamo essere oggi effettivamente ancora problematiche importanti e sempre più sentite. Per questo Monte Verità è stato davvero un laboratorio di idee, che ha anticipato diverse contro culture. Pensiamo ancora al ruolo del corpo: fino a pochi anni prima doveva essere coperto, censurato, nascosto; sulle alture di Ascona furono tra coloro che lo liberarono. Non è stato un caso che la danza sia arrivata qui, richiamata anche da questa attenzione messa sul corpo». SME

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
La recensione
1 ora
Diretti da Mencoboni, in quattro per Monteverdi
Voces suaves, Concerto Scirocco, Männeroktett Basel, Coro Clairière: al netto delle scelte interpretative, il pubblico applaude
Mostra
1 gior
Il ‘caso Fontana’: opere, invenzioni e ingegno
La Pinacoteca Züst e l’Archivio del Moderno (Usi) promuovono l’esposizione della ‘azienda’ dell’architetto di Melide. Sabato 26 novembre, l’inaugurazione.
Spettacoli
1 gior
È morta Irene Cara, la voce di ‘Fame’ e ‘Flashdance’
L’iconica attrice e cantante aveva 63 anni. La sua l’interpretazione venne premiata con un Oscar come miglior canzone.
Castellinaria
1 gior
Castellinaria, ‘Where is Anne Frank!’ vince il Castello d’Oro
Al film d’animazione di Ari Folman il metallo più prezioso del Concorso Kids; nella categoria Young, Premio Tre Castelli all’iracheno ‘The exam’
Castellinaria
1 gior
‘L’ombra del giorno’, storia di Luciano e ‘Anna’
L’amore ai tempi del fascismo in ‘L’ombra del giorno’, bel film di Giuseppe Piccioni che chiude il 35esimo festival del cinema giovane (l’intervista)
Concorso
2 gior
La più bella pubblicità è ‘Fortezza di Bellinzona’ di Variante
Premiata l’agenzia bellinzonese, che ha partecipato insieme a lucasdesign di Giubiasco, Newdeco Agency di Sant’Antonino e Visiva di Camorino
Scienze
2 gior
In pandemia prima volta con la depressione per una persona su 8
Il 13% degli over 50 durante la crisi del Covid ha sperimentato per la prima volta la patologia, soprattutto le persone a reddito più basso
Fuori concorso
2 gior
‘Tori et Lokita’, e i Dardenne d’Onore
Premiata con il Castello d’Onore la coppia di registi, e una storia senza sconti di minori migranti non accompagnati che ha ferito Cannes
Spettacoli
2 gior
Le ‘Fessure’ del Teatro delle Radici, o come riattaccare i cocci
Nuovo spettacolo scritto e diretto da Cristina Castrillo sulle fratture (della vita) e la difficoltà di rimettere assieme ciò che si rompe. A dicembre
Il ragazzo e la tigre
2 gior
Guardandoci col filtro innocente degli animali
A colloquio col documentarista e regista Brando Quilici, che parla della scomparsa delle tigri con il suo recente film. Proiezioni oggi e domani
© Regiopress, All rights reserved