laRegione
01.05.22 - 12:04
Aggiornamento: 14:44

Museo in erba, storia dell’arte interattiva per i bimbi

‘Arte, che passione!’, a Lugano fino al 20 novembre 2022 per avvicinare i bambini al mondo dell’arte sin dalla prima infanzia

museo-in-erba-storia-dell-arte-interattiva-per-i-bimbi
Al Museo in erba

Avvicinare i bambini al mondo dell’arte, sin dalla prima infanzia, per stimolare fantasia e creatività è uno dei principali obiettivi di scuole, musei, editoria e istituzioni. La mostra interattiva ‘Arte, che passione!’, ideata e prodotta dal Museo in erba di Lugano e dall’Espace des inventions di Losanna, nasce con l’intento di proporre una storia dell’arte ludica che coinvolga bambini e famiglie attivamente, da protagonisti, attraverso il gioco. Fino al 20 novembre 2022, un viaggio nel mondo artistico porterà i piccoli visitatori tra ventotto scenari diversi, dalle grotte di Lascaux agli aforismi di Ben Vautier, passando per Leonardo, Degas, Van Gogh e molti altri, una volta accolti dalle opere di due pittori che hanno cercato di ritrovare lo spirito dell’infanzia: Klee e Picasso.

Nella prima parte del percorso, firmata dall’artista Mariarosa Mutti, i visitatori sono invitati a mettersi nei panni dell’artista per riempire uno spazio bianco (il foglio, la tela) e dare così forma a un primo atto creativo, alla maniera di Leonardo e Picasso (il disegno) di Gauguin e Kandinsky (la pittura a olio), di Degas (pastello), di Turner e Cézanne (acquerello), di Hokusai (incisione). La terza dimensione ha le forme delle sculture di Giacometti e le installazioni contemporanee di Land Art. Nella seconda parte della mostra, multidisciplinare, l’ascolto di generi e strumenti musicali diversi invoglia a comporre melodie guidati da una penna magica sui quadri di Klee; Depero accompagna a teatro, con scenografie e personaggi per inventare spettacoli fantastici; Dada e le tavole ‘parolibere’ sono lo spunto per scrivere poesia.

Durante il periodo dell’esposizione, inoltre, nell’atelier saranno proposti incontri con artisti contemporanei. Il primo appuntamento è con Isabella Mandelli il 15 maggio in occasione della Giornata internazionale dei musei: bambini e genitori entrano nell’universo fantastico dell’artista, scoprono come lavora e come crea i suoi ‘Barabubbles’ (informazioni: ilmuseoinerba@bluewin.ch, tel. 091 835 52 54, www.museoinerba.com).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Culture
15 ore
Osi: il dopo Weidmann, per ora, è con Widmer e Flury
Direzione affidata all’attuale vicedirettore Samuel Flury e al membro della direzione Barbara Widmer, nell’attesa del bando per la nuova figura
Ticino7
22 ore
‘Di tutto un pop’ con Sergio Mancinelli
Le sue storie di musica da domani su Ticino7, ogni primo sabato del mese, a parole e in voce (l’intervista)
Culture
1 gior
Come sta la Terra? Chiedilo a Marco Paolini
L’attore/attivista è stato ospite di ‘Emergenza Terra’, la prima conferenza di un ciclo che, kantianamente, si tiene a Mendrisio
Video
Musica
1 gior
‘Only The Strong Survive’, a novembre il nuovo Springsteen
Il 21esimo album del Boss è un tributo al soul. Fino ad allora, il singolo ‘Do I Love You (Indeed I do)’
Scienze
1 gior
Uccelli: una specie su otto rischia l’estinzione
In Svizzera la situazione è particolarmente critica, una proporzione circa tre volte più elevata (il 40% delle 205 specie ne fa parte)
Spettacoli
1 gior
Il rapper americano Coolio trovato senza vita nel bagno
Aveva 59 anni. Era diventato famoso con il singolo ‘Gangsta’s Paradise’ del 1995. È morto a Los Angeles
Culture
1 gior
Con Daniele Dell’Agnola cercando ‘L’orecchio in fuga’
Mentre ‘La luna nel baule’ è attesa a teatro, esce il suo il primo libro illustrato: il prossimo 30 settembre, l’incontro alla Cantina di Muzzano
Spettacoli
2 gior
Anahì Traversi racconta ‘Amor fugge restando’
Il nuovo capitolo del Collettivo Treppenwitz debutta venerdì 30 settembre al Lac, con l’attrice che diventa autrice e regista
La recensione
2 gior
Wagner, Ligeti e Beethoven tra passato e presente
Alle Settimane musicali, ascoltando la Budapest Festival Orchestra diretta da Ivan Fischer, con finale insolito e commovente
L’intervista
2 gior
Michele Mariotti al Lac, una ‘prima’ per tre
La Prima di Brahms, il primo concerto per violino di Prokof’ev e l’esordio della stagione Osi al Lac, tutto nelle mani del direttore d’orchestra italiano
© Regiopress, All rights reserved