laRegione
31.05.21 - 17:40
Aggiornamento: 18:54

Covid, meno operatori culturali in Svizzera

Un calo di circa il 5% a livello nazionale. Colpite soprattutto le donne e le persone con lavori a tempo parziale. E i ticinesi: il calo è stato dell'11 per cento

Ats, a cura de laRegione
covid-meno-operatori-culturali-in-svizzera
Per molti è ormai un "était mon métier" (foto Keystone)

Nel 2020, durante la pandemia, il numero di operatori culturali è diminuito del 4,7% rispetto all'anno precedente. È il calo più marcato dal 2010, secondo l'Ufficio federale di statistica (UST). Sono stati particolarmente colpite le donne e le persone con lavori a tempo parziale. In Ticino la contrazione è stata dell'11%.

Nel 2020 le persone attive in Svizzera come operatori culturali erano 298'000, mentre l'anno prima se ne contavano 312'000. Se si considerano gli occupati secondo la definizione dell'Organizzazione internazionale del lavoro (ILO), la diminuzione è stata addirittura del 5,2%. La tendenza è quindi molto più marcata rispetto al totale della popolazione residente occupata in Svizzera (-0,2%) ed è simile a quella del settore alberghiero e della ristorazione (-5,1%), sottolinea l'UST.

Gli occupati con professioni culturali hanno registrato una contrazione abbastanza contenuta (-1,8%), mentre si è registrato un calo del 6% fra chi non svolge una professione pur lavorando nel settore (ad es. contabile in un teatro). Per chi opera fuori dal settore della cultura (ad es. graphic designer in una banca) la contrazione è stata addirittura maggiore, attestandosi al -7,8%. La percentuale di disoccupati secondo la definizione dell'ILO è passata dal 3,2% al 3,8% in un anno.

Le donne risultano essere più colpite rispetto agli uomini (-4,8% contro -4,5%), e la diminuzione è stata più marcata tra gli operatori svizzeri rispetto a quelli stranieri (-4,9% contro -3,7%). Chi aveva un lavoro a tempo pieno se l'è cavata meglio (-3,1%) mentre gli occupati part-time hanno subito maggiormente la crisi (-6,3% per grado di occupazione del 50-89% e -8,5% per un grado inferiore al 50%). Nei comuni rurali il calo è stato del 12,4%, quasi il triplo rispetto alle aree urbane (-4,4%).

Esistono differenze marcate fra le sette Grandi regioni. Zurigo (+3,6%) e la Svizzera nordoccidentale (+0,3%) hanno addirittura registrato un incremento degli operatori culturali malgrado la pandemia. In Ticino il calo è stato dell'11%, inferiore solo alla Svizzera orientale (-12,9%) e centrale (-13,0%). La regione del Lemano (-6,2%) e l'Espace Mittelland (–6,3%) occupano le posizioni centrali della classifica.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Società
4 ore
Multa da un milione di dollari per Kim Kardashian
La star dei reality sanzionata per non aver rivelato il suo compenso per un post su Instagram in cui reclamizzava una società di criptovaluta
Fotografia
6 ore
È morto il fotografo che fece di Marilyn Monroe una leggenda
Douglas Kirkland aveva ritratto più di seicento celebrità. Era nato in Canada nel 1934 e sua è la foto che ritrae l’attrice con indosso solo un lenzuolo
Culture
10 ore
Il Nobel per la medicina all’archeologo del Dna
Premiato Svante Pääbo per le sue scoperte sul genoma degli ominidi. Il 67enne ha aperto un nuovo campo di ricerca
Spettacoli
17 ore
‘Dimitri saliva sul palco e taaac, si accendeva la lampadina’
Duilio Galfetti ricorda il grande clown, al quale con Roberto Maggini e Pietro Bianchi dedicherà l’omaggio il 5 ottobre con canti e musica popolare
La recensione
1 gior
Alla fine, per salvarci non c’è altro che l’immaginazione
Parte della trilogia dedicata all’amore, la performance di Treppenwitz ‘Amor fugge restando’ è andata in scena nel fine settimana nell’ambito del Fit
La recensione
1 gior
Osi al Lac, un memorabile Prokof’ev
La sala ha potuto godere di un bel programma dedicato al grande compositore. Eccezionale interpretazione di Marc Bouchkov
Settimane Musicali
1 gior
Lo Schubert ‘ecologico’ di Jordi Savall
Con la sua orchestra naturale, martedì 4 ottobre in San Francesco a Locarno (l’intervista)
Spettacoli
2 gior
Morto il regista Dragone, suoi gli show del Cirque du Soleil
Origini italiane, naturalizzato belga, avrebbe compiuto 70 anni il 12 dicembre. E tra i leader mondiali di eventi e spettacoli teatrali.
Arte
2 gior
Louise Nevelson ‘painted it black’
Al Museo comunale d’arte moderna di Ascona un’antologica sull’iconica artista statunitense da domani all’8 gennaio ’23. Ma si inaugura oggi alle 17.
Culture
3 gior
Osi: il dopo Weidmann, per ora, è con Widmer e Flury
Direzione affidata all’attuale vicedirettore Samuel Flury e al membro della direzione Barbara Widmer, nell’attesa del bando per la nuova figura
© Regiopress, All rights reserved