laRegione
La ministra della cultura Miri Regev
Culture
20.09.18 - 16:130

Meno soldi agli eventi che minano valori e simboli israeliani

Lo chiede la ministra della cultura Miri Regev al collega delle Finanze Moshe Kahlon. A farla 'arrabbiare' anche un film presentato a Locarno #72

La ministra della cultura israeliana, Miri Regev, ha chiesto al ministro delle finanze Moshe Kahlon di riesaminare, e magari ridurre, i fondi dati a sostegno dell'Haifa Film Festival, sollevando obiezioni in merito a due film in programmazione durante la 34esima edizione, dal 22 settembre all'1 ottobre prossimi. A farla arrabbiare sono stati il lungometraggio di Daniel Wachsmann "Acre Dreams" e il cortometraggio "Out" di Alon Sahar, già presentato alla 72esima edizione del Locarno Film Festival.

I due film che "minano i nostri valori e i nostri simboli", ha scritto la ministra, richiedono perciò di essere esaminati, affinché si capisca se il festival violi o meno la legge, alludendo alla legge che autorizza il ministro delle finanze a trattenere sostegni finanziari da quelle istituzioni che ospitano eventi o persone che negano il diritto di esistenza di Israele; si legge su www.haaretz.com.

Pillole dei film'galeotti'
 

"Acre Dreams" ruota attorno alla storia di un drammaturgo palestinese e ai suoi tentativi di mettere in scena un'opera teatrale che racconta della storia d'amore fra una cantate palestinese e un dottore ebreo, alla fine degli anni Quaranta.

"Out", invece, è l'ultimo cortometraggio del regista emergente Alon Sahar, che narra la storia di un ragazzo che, appena terminato il servizio militare israeliano, si unisce a un gruppo di destra il cui unico scopo è screditare la reputazione di attivisti per i diritti umani. La storia si ispira alla reale vicenda di un ragazzo che si è infiltrato nel gruppo anti-occupazione Breaking the Silence e ha lanciato una campagna diffamatoria contro i suoi membri.


Una scena del cortometraggio 'Out'

Dal canto suo, il regista Sahar ha risposto per iscritto al portale 'Screen International': "È un fenomeno preoccupante. È un'indicazione della debole libertà di espressione in un Paese che finge di presentarsi come una democrazia".


Il regista Alon Sahar (foto: Locarno Film Festival)

 

Una legge per domarli

In questo scenario poco rassicurante, i media israeliani hanno anche riferito del progetto di una "legge sulla fedeltà culturale" che la ministra Regev sta spingendo al governo. Inoltre, è prevista un'intensificazione della campagna per ottenere il controllo del finaziamento del cinema di Stato dai fondi cinematografici autonomi di Israele.

Potrebbe interessarti anche
Tags
film
ministro
ministra
festival
TOP NEWS Culture
© Regiopress, All rights reserved