laRegione
un-annunciazione-al-m-a-x-museo-per-l-avvento
Ti-Press
L’annunciazione di Denys Calvaert
03.12.21 - 18:57
Aggiornamento : 19:42

Un’annunciazione al m.a.x. museo per l’Avvento

Un piccolo ma prezioso dipinto di ‘Dionisio il fiammingo’ è uscito dai caveau dello Swiss Logistics Center per le feste

Il suo vero nome è Denys Calvaert, ma conviene chiamarlo “Dionisio il fiammingo”, come questo artista, nato ad Anversa intorno al 1540, venne ribattezzato a Bologna dove, dopo aver vissuto anche a Roma, trascorse l’ultima parte della sua vita. È in quella città che, verosimilmente verso la fine del Cinquecento, dipinse l’Annunciazione che troviamo esposta, fino al 9 gennaio, nell’atrio del m.a.x. museo di Chiasso, liberamente accessibile al pubblico per il periodo delle feste. Il proprietario dell’opera, il collezionista Enrico Bianchetti, ha infatti deciso di farla uscire dai caveau dello Swiss Logistics Center di Chiasso, partner insieme a Helvetia della seconda edizione di questa speciale Esposizione dell’Avvento accessibile gratuitamente – il consiglio, ovviamente è di non fermarsi a questo dipinto ma di visitare anche la bella mostra dedicata alla ferrovia tra arte, grafica e design che il m.a.x. museo ospita fino ad aprile.

L’anno scorso per l’Esposizione dell’Avvento c’era un Rubens; quest’anno con Dionisio il fiammingo abbiamo un «maestro minore» come lo ha definito la direttrice del m.a.x.museo Nicoletta Ossanna Cavadini. Minore ma non per questo poco interessante: a Bologna, nel contesto della Controriforma e delle nuove sensibilità per quanto riguarda l’arte devozionale, Denys Calvaert ha fondato una sua scuola d’arte distinguendosi per la resa della luce e la cura dei dettagli. Aspetti che vediamo in questo piccolo dipinto con la sua sontuosa cornice barocca. Iniziamo dalle dimensioni: si tratta di un’opera realizzata per un “uso privato”: spesso capitava che una famiglia benestante fosse interessata ad avere nel proprio palazzo una versione più piccola, realizzata dallo stesso artista, di un’opera più grande destinata a uso pubblico. Questa composizione trova un suo diretto riscontro in un’altra Annunciazione che si trova nell’archivio dello storico dell’arte Federico Zeri e da lui attribuita a Denis Calvaert.

La ricchezza del committente privato è testimoniata dal materiale scelto: il dipinto non è infatti stato realizzato su tela, ma su una più costosa lastra di rame, utilizzata per dare maggior brillantezza ai colori della pittura a olio.

Si è accennato ai dettagli della composizione del dipinto che, come sempre nell’arte sacra, rimandano a una simbologia che oggi potrebbe essere meno immediato cogliere. L’abito di Maria, ad esempio: ha un vestito rosso, colore che rimanda a una dimensione terrena, avvolto da una veste azzurra che simboleggia invece l’aspetto spirituale dell’essere stata scelta quale madre di Cristo. Nel dipinto la vediamo intenta a leggere quando viene interrotta dall’arrivo dell’Arcangelo Gabriele che le annuncia, appunto, il concepimento verginale di Gesù. Maria ha lo sguardo abbassato sul giglio bianco che l’angelo tiene nella mano sinistra, riferimenti all’umiltà e alla purezza. La castità, invece, è raffigurata dalla mano destra di Maria che chiude sul petto il velo che le scende dalle spalle.

Restando alle mani – che di fatto compongono la scena –, quella sinistra di Maria è posata sul testo che sta leggendo, verosimilmente un testo sacro, mentre la mano destra dell’angelo punta il dito verso l’alto, dove troviamo una nube incorniciata da due angioletti dalla quale escono una luce abbagliante e una colomba bianca dirette verso Maria, simbolo dello Spirito Santo (un tema caro alle opere di Dionisio il fiammingo). Sulla destra, attraverso un arco si vede uno scorcio del Palazzo ducale di Urbino, non solo un omaggio al maestro Federico Barocci ma anche un’attestazione della scuola artistica dell’autore.

Da notare la precisione nel disegnare le cuciture dell’abito dell’Arcangelo Gabriele o i particolari del baldacchino a sinistra.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
esposizione avvento max museo
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Culture
4 ore
Addio ad Antonio Pelli, voce della ‘Domenica popolare’
Si è spento all’età di 73 anni, 33 dei quali trascorsi tra l’informazione e l’intrattenimento, rigorosamente radiofonico
Spettacoli
12 ore
È morto il batterista degli Yes Alan White
Lo annunciano su Twitter la famiglia e la band. White ha fatto parte del gruppo progressive rock britannico per quasi quarant’anni
La recensione
15 ore
La ‘Danger zone’ di Top Gun
Al netto di piccole, inevitabili sbavature, ‘Top Gun: Maverick’ è un sequel divertente e spettacolare. Anche la nostalgia per gli anni Ottanta è benvenuta
Musica
23 ore
Depeche Mode in lutto: è morto il tastierista Andy Fletcher
Fondatore insieme a Martin Gore e David Gahan della band synth pop britannica, aveva sessant’anni. L’annuncio sui canali ufficiali della band britannica
Sulla croisette
1 gior
Cannes, Elvis e gli altri
Quello di Luhrmann su Elvis Presley è un biopic non sempre convincente; straordinario è ‘Tori e Lokita’ dei fratelli Dardenne; delude Claire Denis
Arte
1 gior
Mario Comensoli, c’erano una volta gli uomini in blu
Per i cent’anni dell’artista, lo Spazio Officina ospita, dal 29 maggio al 24 luglio 2022, le opere dedicate agli immigrati italiani
Naufraghi.ch
1 gior
Il massimo di diversità nel minimo spazio
‘Un Occidente prigioniero’, due saggi di Milan Kundera appena riuniti in volume da Adelphi
Spettacoli
1 gior
È morto l’attore Ray Liotta
Recitò in ‘Quei bravi ragazzi’ di Scorsese e molti altri film. Prossimo alle nozze, sarebbe deceduto nel sonno nella Repubblica Dominicana
Musica
1 gior
Joya Marleen regina degli Swiss Music Awards
Tre candidature e tre riconoscimenti per la 19enne cantautrice di San Gallo. En plein (due su due) anche per Kunz. Tribute Award postumo a Endo Anaconda
Spettacoli
2 gior
Tyler ricasca nella droga, salta la tournée degli Aerosmith
Il frontman della popolare rock band ricoverato (volontariamente) in un centro di riabilitazione. Annullati i concerti di giugno e luglio
© Regiopress, All rights reserved