laRegione
02.12.22 - 16:43
Aggiornamento: 15.12.22 - 18:26

BancaStato crede nelle start-up e investe (altri) 5 milioni

I fondi sono desinati a idee nel digitale, high-tech e biomedicina. Fabrizio Cieslakiewicz: ‘In un periodo di difficoltà crediamo nell’innovazione’

bancastato-crede-nelle-start-up-e-investe-altri-5-milioni
Ti-Press

Altri cinque milioni di franchi, che si vanno a sommare agli otto già messi sul piatto negli ultimi anni. È quanto ha deciso di stanziare BancaStato – attraverso la sua Fondazione del Centenario – a favore delle start-up ticinesi, le imprese promettenti (spesso create da giovani laureati) che non sono ancora finanziariamente indipendenti. «Quello che lanciamo è un segnale importante: anche in un periodo di sfide e difficoltà crediamo nell’innovazione», ha affermato orgoglioso il presidente della Direzione generale di BancaStato Fabrizio Cieslakiewicz. «Le start-up sono aziende con alto potenziale, capaci di portare sul territorio posti di lavoro a valore aggiunto».

Vitta: ‘Sono investimenti a medio e lungo termine’

Sulla stessa lunghezza d’onda anche il direttore del Dipartimento finanze ed economia Christian Vitta, che ha ricordato come quello del sostegno a progetti legati all’innovazione sia stato tra i primi dossier che ha trattato dopo l’elezione in Consiglio di Stato. «Come ente pubblico in pochi anni abbiamo investito quasi 500 milioni tra strutture, formazione e ricerca». Il riferimento è ai campus della Supsi di Viganello e Mendrisio. A questi si aggiunge il futuro parco dell’innovazione che sorgerà a Bellinzona, nel nuovo quartiere delle Officine. «Si tratta d’investimenti che hanno uno sguardo a medio e lungo termine», ha precisato Vitta. Il 9 febbraio sarà inoltre riproposta a Palazzo dei Congressi di Lugano la ‘Giornata delle start-up’. Un appuntamento che «vuole favorire gli incontri tra aziende giovani e investitori. Ma non solo, è aperta anche al pubblico proprio perché si vuole agevolare la creazione di una cultura legata all’innovazione".

‘La presenza sul territorio un requisito fondamentale’

A occuparsi di selezionare ed erogare i contributi è TiVentures, una società legata a BancaStato. «Negli ultimi anni abbiamo ristretto i settori nei quali operiamo» ha spiegato Lorenzo Leoni, managing partner di TiVentures. «Sosteniamo chi è attivo nel settore digitale, nell’industria high-tech o nella biomedicina». Tra i requisiti fondamentali, ha precisato il presidente del Consiglio di amministrazione Renato Boldini c’è «il legame con il territorio. Per ricevere un finanziamento le start-up che propongono il loro progetto devono avere la sede e l’attività principale in Ticino».

‘Le società finanziate occupano 299 persone’

Diversi i numeri presentati durante l’incontro con i media a Sant’Antonino. «Cifre che mostrano come in Ticino quando si investe lo si fa con successo» ha detto orgoglioso Leoni. Negli ultimi 10 anni – ovvero da quando è stata creata questa ‘holding’ d’investimento – sono state supportate 23 aziende. «Cinque sono state vendute, quattro liquidate e le altre fanno ancora parte del portafoglio». A livello aggregato le società attualmente finanziate da TiVentures occupano 299 collaboratori, generano ogni anno 35 milioni di franchi di massa salariale e 25 milioni di fatturato. I capitali raccolti superano i 134 milioni di franchi.

‘Dopo sette anni già dei risultati concreti’

Leoni ha anche voluto ricordare come il processo di accompagnamento per una start-up sia piuttosto lungo. «In questo periodo vediamo le prime aziende da noi seguite che hanno raggiunto un livello di maturità tale da consentirci di terminare il nostro investimento e ottenere un guadagno». Questo non vuole comunque dire, hanno sottolineato i relatori, che durante la fase di crescita non si possano già vedere dei risultati. «In media dopo 7 anni dal nostro primo investimento le start-up hanno creato 34 posti di lavoro, fatturato 5,9 milioni di franchi e raccolto complessivamente 8,45 milioni».

‘Con l’idea giusta i profili specializzati vogliono venire qui a lavorare’

Tra gli esempi di successo c’è anche quello di Davide Rivola, che partendo da un progetto condiviso con alcuni colleghi della Supsi è ora direttore operativo di un’azienda attiva a livello internazionale nel campo dell’efficienza energetica. «Siamo contenti che la nostra idea abbia avuto successo. Il nostro è un obiettivo ambizioso per cercare di dare un contributo alla svolta climatica ed energetica». Un aspetto, quest’ultimo, che «è uno stimolo ulteriore. Abbiamo diversi collaboratori che sono venuti a lavorare qui da altre parti del mondo perché credono in quello che facciamo. Contribuiamo quindi a una sorta di ‘arrivo di cervelli’».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Lavizzara
1 ora
Centro di scultura, c’è l’appoggio ma anche una ‘minaccia’
Il Consiglio comunale accoglie, al termine di una seduta un tantino movimentata, il credito a favore di questa istituzione; ma tira aria di referendum
Chiasso
4 ore
Interrogazione al Municipio sulla vicenda del pianista ucraino
Il consigliere comunale Marco Ferrazzini (Us-Verdi-Indipendenti) chiede lumi sulla sostituzione dell’artista da parte dell’Osi
Campione d’Italia
5 ore
È vicina la vendita di uno degli stabili di proprietà comunale
Sarà probabilmente l’immobile che ospitava gli uffici della polizia dell’enclave
Mendrisiotto
5 ore
Due arresti per la tentata rapina a Coldrerio
Un 18enne era stato aggredito lunedì pomeriggio. I presunti autori del gesto avrebbero provato a rubargli il cellulare
Bellinzonese
6 ore
Preso a calci da 20 giovani? ‘No, una lite per degli occhiali’
Cadenazzo: la polizia e il gerente di un bar ridimensionano la notizia (preoccupante se fosse confermata) pubblicata stamane da un portale
Luganese
6 ore
Tentata rapina a Ponte Tresa, due arresti
In relazione ai fatti, in manette sono finiti due giovani domiciliati nel Luganese, già fermati ieri dal personale delle dogane
Mendrisiotto
8 ore
Sei itinerari tematici per i parchi insubrici
Il progetto Insubriparks coinvolge, tra gli altri, il Parco del Penz, nonché quello delle Gole della Breggia
Luganese
11 ore
Ex maestro di Montagnola: riflessione aperta sul terzo grado
Dopo l’assoluzione in Appello, con il ribaltamento della condanna in Pretura penale, le motivazioni della Corte su ‘concreto pericolo’ e perizia
Locarnese
11 ore
Negozio alimentari e Posta: ‘Gordola può star tranquilla’
Il vicesindaco René Grossi, da proprietario dell’immobile interessato, risponde alle critiche preventive di Plr e Verdi Liberali
Ticino
18 ore
Giudice supplente, proposta l’elezione di Federica Dell’Oro
Così la commissione Giustizia e diritti. La parola al plenum del Gran Consiglio
© Regiopress, All rights reserved