laRegione
01.12.22 - 21:22
Aggiornamento: 23:34

‘Appalti internazionali, si chieda il certificato anti-mafia’

Con una mozione Ermotti-Lepori e altri deputati invitano il Consiglio di Stato a modificare il regolamento della legge sulle commesse pubbliche

appalti-internazionali-si-chieda-il-certificato-anti-mafia
Maddalena Ermotti-Lepori (Ti-Press)

Il Consiglio di Stato le aveva risposto di attendere l’esito degli approfondimenti di Berna prima di procedere con un’eventuale modifica della legislazione cantonale. Una risposta (a una sua interrogazione) che lei, Maddalena Ermotti-Lepori, deputata del Centro/Ppd, giudica "non soddisfacente". Ragion per cui decide di giocare d’anticipo. Con una mozione – sottoscritta anche da Lea Ferrari (Partito comunista), Tamara Merlo (Più Donne), Paolo Ortelli (Plr), Giancarlo Seitz (Lega) e Roberta Soldati (Udc) – rilancia così il tema del certificato anti-mafia. Stavolta Ermotti-Lepori e cofirmatari propongono di modificare il regolamento della legge ticinese sulle commesse pubbliche, per aggiungere la richiesta del documento alle ditte che concorrono in Ticino a una gara d’appalto.

Il nuovo capoverso

Si invita quindi il governo a modificare l’articolo 7a ("Commesse internazionali") del citato regolamento con l’aggiunta di un capoverso del seguente tenore: "Per i Paesi in cui esiste il certificato antimafia, viene richiesto tale certificato sia alle aziende partecipanti al concorso sia a quelle beneficiarie di subappalto che hanno la sede principale nel Paese estero di provenienza".

‘Un passo avanti concreto’

La mozione interpartitica, sottolineano i firmatari, sarebbe "un concreto passo avanti, sia dal punto di vista del contrasto alla criminalità organizzata, sia da quello dell’impegno pubblico, avallato dal parlamento, nell’utilizzo di tutti i mezzi legali, in particolare amministrativi, per contrastare le pericolose organizzazioni criminali". Secondo Ermotti-Lepori e colleghi "non sarebbe, per ora, necessario modificare la Legge cantonale sulle commesse pubbliche, ma chiediamo al Consiglio di Stato di intervenire sul regolamento, chiedendo alle ditte concorrenti che hanno la sede in Italia, e a quelle che sono filiali di ditte con sede in Italia, di presentare, oltre a tutti i documenti usuali, anche il certificato anti-mafia".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
3 ore
‘Dovete osare, la possibilità di fare bene è concreta’
Le elezioni cantonali e il Congresso del Centro, il presidente Dadò sprona candidati e candidate a scendere in campo. Ovvero, a fare campagna
Ticino
6 ore
‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’
Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
Bellinzonese
8 ore
‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’
Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
Bellinzonese
12 ore
Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci
Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
18 ore
Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti
Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Ticino
1 gior
Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’
Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
1 gior
Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi
Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Ticino
1 gior
Aumento delle stime fiscalmente neutro, oltre 17mila le firme
I promotori dell’iniziativa popolare costituzionale hanno depositato oggi in Cancelleria le sottoscrizioni
Ticino
1 gior
‘La polizia farà la sua parte per ridurre la spesa pubblica’
Lo ha detto Norman Gobbi durante l’annuale Rapporto di Corpo della Cantonale. ‘Positivo il bilancio del 2022 e la capacità di adattamento’
Ticino
1 gior
‘Bandir gennaio’ non bandisce anche i radar
Come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 30 gennaio al 5 febbraio
© Regiopress, All rights reserved