laRegione
nove-milioni-contro-piene-e-pericoli-naturali-sui-corsi-d-acqua
Ti-Press
Un argine preventivo ai danni del maltempo
28.03.22 - 10:01
Aggiornamento: 16:27

Nove milioni contro piene e pericoli naturali sui corsi d’acqua

Quattro i crediti ordinari previsti nel messaggio governativo. E concernono Cadegliano-Viconago, Piano di Magadino, Cerentino e Tresa

Oltre 9 milioni, 9’100’000 franchi per l’esattezza. A tanto ammonta la richiesta di finanziamento da parte del Consiglio di Stato per la progettazione e la sistemazione di opere di premunizione contro le piene e i pericoli naturali sui corsi d’acqua. L’importo, presentato nel messaggio licenziato dal Dipartimento del territorio (Dt) e su cui dovrà esprimersi il Gran Consiglio, risulta suddiviso in quattro crediti.

Sistemazione del fiume Tresa e monitoraggio della frana di Cadegliano-Viconago

Una parte servirà alla messa in sicurezza del territorio a cavallo fra Italia e Svizzera, a seguito delle piene del 2002 e dei successivi interventi di ripristino. Sono previsti dei provvedimenti di premunizione della Tresa in territorio svizzero nella zona di Madonna del Piano, e il monitoraggio, in territorio italiano, della frana di Cadegliano-Viconago, con la definizione di un protocollo operativo di emergenza transfrontaliero. Si tratta di un nuovo progetto promosso nel quadro del programma Interreg V.

Progettazione della manutenzione straordinaria della regolazione del Lago di Lugano

Sempre per quanto riguarda la Tresa, e in particolare lo sbarramento all’imbocco del fiume Ponte Tresa, che regola il deflusso delle acque dal Lago di Lugano, il Dt, per assicurarne il buon funzionamento, intende definire le nuove misure di manutenzione straordinaria a partire dal 2002. L’ultimo intervento sull’impianto, messo in servizio nel 1963, risale infatti a 15 anni fa.

Progettazione dei canali del Piano di Magadino

Attenzione anche alla sicurezza del Piano di Magadino rispetto alle piene dei canali, il cui progetto di sistemazione integra nel contempo la rivitalizzazione e la valorizzazione ambientale dei corsi d’acqua. Si procederà sviluppando il progetto in quattro comparti funzionali. Lo stesso, che sarà promosso direttamente dal Dt con la partecipazione dei Comuni interessati e del Consorzio regionale, costituirà la base per il finanziamento e l’autorizzazione tecnica dei provvedimenti.

Progettazione della premunizione della frana di Cerentino

Un’altra parte del credito è infine destinata alla frana di Cerentino (Valle Maggia), un movimento profondo di versante che oltre al rischio di creare danni alle strutture delle frazioni abitate e la strada cantonale, presenta quello concreto di crolli di materiale verso il fiume Rovana e il conseguente sbarramento dell’acqua con il pericolo di alluvionamento a valle. In quanto le misure adottate finora (in particolare il sistema di drenaggio superficiale delle acque di versante) non hanno prodotto i risultati sperati, si pensa adesso a un cunicolo di drenaggio che riduca la velocità di spostamento della frana e i conseguenti danni materiali e il rischio di alluvionamento.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alluvioni corsi d'acqua messaggio governativo
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
7 ore
Prezzo d’acquisto delle uve, si torna alle cifre prepandemiche
l’Interprofessione della vite e del vino ticinese ha comunicato l’accordo per i prezzi, che sarà di 4,15 franchi al chilo per il merlot
Ticino
8 ore
WikiMafia non ammessa come parte civile
Processo ‘Cavalli di razza’ sulla ’ndrangheta e le sue ramificazioni (anche) svizzere: il giudice respinge la richiesta dell’associazione
Luganese
8 ore
Lugano, è ancora vivo il ricordo di Marco Borradori
Un centinaio di persone ha partecipato alla cerimonia commemorativa organizzata stasera dal Municipio nel Patio di Palazzo Civico
Ticino
9 ore
Arrivano le multe disciplinari con il QR
La Polizia cantonale ha digitalizzato la procedura
Ticino
10 ore
Prestito vitalizio ipotecario, il Ps rilancia: ecco la mozione
Dopo la sentenza del Tf che accoglie il ricorso dei socialisti Lepori e Ghisletta contro lo sgravio sul valore locativo: ‘Un passo verso gli over 60’
Ticino
14 ore
Un successo i corsi estivi di italiano per allievi non italofoni
L’offerta straordinaria è stata attivata dal Decs in seguito al recente arrivo in Ticino di oltre 800 bambini in età scolastica soprattutto dall’Ucraina
Bellinzonese
17 ore
La corsia preferenziale in funzione anche a Ferragosto
Dopo l’eccellente riscontro, l’Ufficio federale delle strade ripropone il progetto ‘Cupra’ pure in questo weekend
Locarnese
18 ore
Palagnedra, il ‘Premio Posta’ al Comune di Centovalli
Attribuito dal Gigante giallo per il recupero dello storico sentiero pedestre che unisce le due frazioni di Moneto e Palagnedra
Luganese
18 ore
Bianchetti: ‘La perdita di Borradori ci ha disorientati’
Assieme a scuola e in politica, vicini di casa. A un anno dalla morte dell’ex sindaco, il ricordo del primo cittadino: ‘La Lega di Lugano sta soffrendo’
Luganese
20 ore
Quei due giorni vissuti in una sorta di limbo
L’improvvisa scomparsa dell’ex sindaco suscitò momenti di agitazione e forte preoccupazione e lasciò la città ‘sospesa nel vuoto’ in una sorta di limbo
© Regiopress, All rights reserved