laRegione
lo-stalker-meglio-se-viene-controllato-in-tempo-reale
La ‘Giustizia e diritti’: dati statistici impressionanti (Ti-Press)
21.03.22 - 20:05
Aggiornamento: 23:40

’Lo stalker? Meglio se viene controllato in tempo reale’

Violenza domestica, sì della commissione all’uso in Ticino del bracciale elettronico. Auspica però l’introduzione in futuro della sorveglianza attiva

Sì alla sorveglianza elettronica passiva, ma in prospettiva quella attiva è preferibile. La commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’ dà luce verde alla modifica della legge cantonale proposta dal Consiglio di Stato affinché anche in Ticino sia possibile applicare il braccialetto elettronico allo stalker per verificare - ma a posteriori - se ha rispettato il divieto impostogli dall’autorità di accedere per esempio a una data area. Si tratta appunto della sorveglianza cosiddetta passiva o differita. Guardando al futuro (prossimo), la ‘Giustizia e diritti’ ritiene però che la sorveglianza elettronica attiva, in tempo reale, sia "molto più efficace" ai fini della sicurezza e della protezione di chi è bersaglio di minacce o molestie e soprattutto delle potenziali vittime di violenza domestica. Visto che il tema della sorveglianza attiva è anche oggetto di "approfondimento" sul piano cantonale da parte dei "servizi preposti" e su quello federale da parte della "Conferenza delle direttrice e dei direttori dei Dipartimenti cantonali di giustizia e polizia", la commissione invita quindi "caldamente" il Consiglio di Stato ad adoperarsi perché venga introdotta in Ticino, "così come richiesto anche dalla mozione" inoltrata nel novembre scorso dalla leghista Sabrina Aldi e dal popolare democratico Fiorenzo Dadò. È quanto si afferma nel rapporto stilato da Giorgio Galusero (Plr) e dallo stesso Fiorenzo Dadò.

Misura in vigore in Svizzera dal 1. gennaio di quest’anno

Rapporto, firmato stamattina dalla commissione, con cui la ‘Giustizia e diritti’ chiede al plenum del parlamento di approvare il nuovo articolo, confezionato dal Consiglio di Stato, della legge cantonale di attuazione del Codice civile svizzero per consentire il ricorso alla sorveglianza passiva con bracciale elettronico/cavigliera elettronica nell’azione di contrasto allo stalking e alla violenza tra le pareti di casa, di cui bersaglio sono nella stragrande maggioranza dei casi le donne. L’impiego del bracciale/cavigliera a tale scopo è possibile in tutta la Svizzera dal 1. gennaio di quest’anno, con l’entrata in vigore della relativa disposizione del Codice civile (che è legge federale). «Il Consiglio di Stato - spiega, contattata dalla ‘Regione’, la responsabile della Divisione giustizia (Dipartimento istituzioni) Frida Andreotti - ha varato e messo in vigore temporaneamente, in attesa della decisione del Gran Consiglio, un decreto per implementare in Ticino la sorveglianza elettronica passiva. Sino ad oggi tuttavia ci risulta che nessun pretore abbia ordinato l’uso della speciale cavigliera. Ripeto, fino ad oggi». Attualmente, si ricorda nel messaggio licenziato dal governo nel novembre 2021 e al centro del rapporto di Dadò e Galusero, dietro istanza della vittima il giudice civile, nella fattispecie il pretore, "per evitare o far cessare una lesione illecita della personalità" può imporre alla persona potenzialmente pericolosa dei divieti, come quello "di avvicinarsi alla vittima" o "di mettersi in contatto con la stessa", oppure "di trattenersi in determinati luoghi". Da gennaio e sempre su richiesta della vittima il pretore o il pretore aggiunto può, qualora i divieti si rivelino inefficaci, ordinare allo stalker l’impiego del braccialetto elettronico, fornito dal Dipartimento istituzioni attraverso l’Ufficio dell’assistenza riabilitativa. L’impiego cioè "di un dispositivo di sorveglianza elettronica geolocalizzato" che rende possibile "la registrazione" degli spostamenti della persona che lo indossa e la verifica, a posteriori, del rispetto del o dei divieti. Coloro che trasgrediscono vengono sanzionati con una multa inflitta dal magistrato penale.

L’auspicio di mozionanti e relatori

Registrazione dei movimenti e verifica a posteriori: ciò significa che in caso di grave e imminente pericolo la vittima deve, anche ora, allertare la polizia telefonando al 117. Secondo la commissione parlamentare, la sorveglianza elettronica attiva garantirebbe invece una tutela accresciuta delle potenziali vittime. Insomma, quella passiva non sarebbe sufficiente. Così la pensano fra gli altri i granconsiglieri Aldi e Dadò. I quali con una mozione depositata lo scorso autunno avanzano una duplice richiesta al Consiglio di Stato. La prima: compiere "tutti i passi necessari affinché si proceda il prima possibile con l’introduzione anche della sorveglianza attiva e in tempo reale tramite braccialetto elettronico". La seconda richiesta: "Indipendentemente dalla sorveglianza attiva dell’autore, avviare subito e senza attendere oltre, un progetto pilota per mettere a disposizione delle vittime un pulsante di allarme con dispositivo di tracciamento in tempo reale". Un pulsante per avvertire le forze dell’ordine non appena la vittima si accorge che l’aggressore ha violato il divieto di avvicinamento. A invocare la sorveglianza attiva è stato anche Galusero, con una mozione presentata per il gruppo Plr in Gran Consiglio nel settembre del 2017. Annotava Galusero: "Il nuovo braccialetto elettronico, già utilizzato in Ticino per le pene detentive da gennaio 2017, è uno strumento decisamente performante permettendo oltre all’assegnazione a domicilio con la radio frequenza anche la geolocalizzazione continua del soggetto. Grazie a questa possibilità si potrebbero fissare dei perimetri di protezione della vittima, ad esempio intorno al domicilio e al luogo di lavoro, all’interno dei quali se il soggetto dovesse entrare vi sarebbe un immediato avviso alla Centrale di polizia permettendo quindi di agire in tempi rapidi e con maggiore efficacia". Dice oggi il deputato liberale radicale, già ufficiale della Polcantonale: «Il mio auspicio è che il Consiglio di Stato suggerisca una soluzione legislativa a livello cantonale per introdurre in tempi ragionevolmente brevi la sorveglianza attiva in Ticino».

‘Una questione prioritaria’

Si comincia intanto con la sorveglianza elettronica passiva. Del resto, sottolineano Galusero e Dadò nel rapporto, la tutela delle vittime di violenza domestica e di stalking "è una questione prioritaria". I dati statistici, aggiungono, "sono impressionanti, se pensiamo che la sola Polizia cantonale, nel 2020, ha compiuto 1’105 interventi per arginare episodi di violenza domestica e proteggere le vittime: purtroppo le cifre ufficiali fotografano solo una parte del fenomeno a causa della difficoltà e resistenza da parte delle vittime a segnalare e denunciare gli episodi".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
sorveglianza stalking violenza domestica vittima
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
12 min
Peste suina alle porte, previste limitazioni per alcune attività
Presentato dal Consiglio di Stato il ‘Manuale operativo’ per gestire il virus. ‘Segnalare le carcasse e smaltire correttamente i rifiuti’
Ticino
34 min
‘Serve un maggiore accumulo idrico nei grandi laghi’
È quanto emerge dall’incontro tra un gruppo del Gran Consiglio e i Consigli regionali di Lombardia e Piemonte
Ticino
1 ora
Il Cantone apre ai bitcoin: ‘Pagamenti limitati, per ora’
Sarà possibile pagare alcune tasse amministrative online. ‘Si tratta di un progetto pilota, per ora gli importi sono limitati e non toccano le imposte’
Luganese
1 ora
Campione d’Italia, il sindaco si autosospende. Padula ad interim
Motivi di salute all’origine della decisione del primo cittadino dell’enclave. Dovrebbe rientrare in carica per fine settembre
Bellinzonese
2 ore
È giunta l’ora delle ruspe per la vecchia Valascia
Lunedì 11 luglio l’avvio della demolizione. Appuntamento sul posto per chi vorrà salutarla un’ultima volta
Bellinzonese
2 ore
Abuso sessuale alla Fabrique, imputato di nuovo in aula
Processo bis nei confronti dell’uomo condannato in prima istanza per aver approfittato di una ragazza ubriaca. La difesa chiede l’assoluzione
Grigioni
3 ore
È deceduto il bagnante rinvenuto sabato nel Lago di Poschiavo
Il 54enne italiano si era immerso ma non era più tornato in superficie. Ritrovato ad alcuni metri di profondità, era stato elitrasportato in ospedale.
Locarnese
4 ore
Tampona con lo scooter una macchina, gravi ferite per un 55enne
Lo scontro è avvenuto verso le 13.30 poco prima della rotonda dell’aeroporto di Locarno.
Locarnese
10 ore
Aumenta la popolazione scolastica in Bassa Vallemaggia
Ai Ronchini una sezione in più delle Elementari; arriva una nuova docente e viene istituita la figura del vicedirettore
Mendrisiotto
13 ore
Pannelli fotovoltaici per tutti a Mendrisio
In una mozione interpartitica un gruppo di consiglieri comunali propone di lanciare una raccolta fondi per estendere gli aiuti anche agli inquilini
© Regiopress, All rights reserved