laRegione
confine
02.02.22 - 17:06
Aggiornamento: 17:37

’Ndrangheta, rito immediato per 43 presunti affiliati

Si tratta del filone lombardo-svizzero dell’operazione antimafia denominata ‘Cavalli di razza’ con addentellati in Ticino e Toscana

di Marco Marelli
ndrangheta-rito-immediato-per-43-presunti-affiliati
Archivio Ti-Press

Forte accelerazione della Direzione distrettuale antimafia di Milano (Dda), guidata dal procuratore aggiunto Alessandra Dolci: in meno di tre mesi ha chiesto il processo con rito immediato per 43 delle 54 persone arrestate lo scorso 16 novembre, nell’ambito del filone lombardo-svizzero dell’operazione ‘Cavalli di razza’ contro la ’ndrangheta. Arresti allora eseguiti dalla Squadra mobile di Milano e dal Nucleo di polizia economico-finanziaria della Guardia di Finanza di Como. Furono centoquattro gli arresti nel corso del blitz: oltre che in Lombardia (ma soprattutto nel Comasco dove le manette erano scattate attorno ai polsi di 36 presunti ’ndranghetisti), anche in Toscana (16 gli arresti, due dei quali a Lugano) e in Calabria (34 gli arresti).

La scorsa settimana il questore di Como ha disposto la chiusura di due bar della Bassa comasca (uno a Cirimido, l’altro a Cadorago), considerati basi logistiche della potentissima cosca Molè, ’ndrina della piana di Gioia Tauro, alla quale risultano affiliati una ventina delle persone che a breve finiranno a processo per essere giudicate con rito immediato.

La richiesta di processo con rito immediato, che significa non passare al vaglio del giudice delle udienze preliminare, sottintende che la Dda milanese è convinta di aver raccolto elementi probatori sufficienti per poter processare i 43 imputati accusati a vario titolo di un grappolo di reati, quali associazione a delinquere di stampo mafioso, traffico internazionale di sostanze stupefacenti (una tonnellata di cocaina sequestrata nel corso dei tre filoni d’indagine, oltre 30 chili nei cantoni Ticino, Zurigo e San Gallo) e armi (acquistate in Svizzera, con i soldi della droga e poi traghettate nel comasco e sulle quali gli investigatori hanno messo le mani), bancarotta fraudolenta, frode fiscale ed estorsione con modalità mafiose).

Il filone lombardo dell’inchiesta ‘Cavalli di razza’, oltre a confermare, casomai fosse stato necessario, il radicamento della ’ndrangheta nel Comasco, con metastasi in Ticino, sembra aver riunito vecchi e nuovi ’ndranghetisti in un unico capo di imputazione. Lo conferma il fatto che nel blitz dello scorso novembre sono rimasti impigliati tutti i presunti affiliati della ’ndrina di Fino Mornasco, della quale si è incominciato ad avere notizia in occasione dell’operazione ‘La notte dei fiori di San Vito’ (estate 1994, quattrocentocinquanta arrestati, trecentocinquanta nel Comasco) e successivamente con l’operazione ‘Insubria’ (novembre 2014, una quarantina di arresti, fra cui un singolare personaggio, frontaliere a Bellinzona, volontario della Croce Rossa a Cermenate, sul cui comodino era solito tenere la Bibbia). Una ’ndrina capitanata da Bartolomeo Jaconis, già in carcere dove sta scontando l’ergastolo per essere stato il mandante di un omicidio legato al traffico di cocaina nel 2019 a Bulgarograsso. Fra gli imputati per i quali è stato chiesto il rito immediato ci sono tre presunti affiliati alla locale di Fino Mornasco, arrestati oltre San Gottardo, dove avevano trasferito i loro affari sporchi legati al traffico di stupefacenti, estradati dopo il blitz della scorso novembre. Un quarto calabrese è ancora in carcere in Svizzera. Ancora nessuna decisione da parte dei magistrati di Firenze.

Un filone legato al colossale traffico di cocaina dall’Ecuador ai porti di Livorno e Vado Ligure. In questo filone sono coinvolti i due arrestati a Lugano. Il più anziano dei due, un 59enne, in Ticino con permesso B, è stato estradato, l’altro, un 41enne in riva al Ceresio con un permesso G per quanto è dato sapere ancora non avrebbe accettato l’estradizione.

Leggi anche:

Estradati in Italia due dei 4 ’ndranghetisti di San Gallo

Nei due bar chiusi nel Comasco anche ’ndranghetisti dal Ticino

Cocaina scaricata in mare e recuperata da palombari

’Ndrangheta, anche esplosivo nelle chat del clan

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
52 min
Tre arresti per spaccio di anfetamine
I fermi di tre giovani sono scattati nel corso delle ultime settimane nel Locarnese e Luganese
Ticino
1 ora
Terremoto in Turchia e Siria, il Governo dona 50mila franchi
Il Consiglio di Stato ticinese ha devoluto la somma alla Catena della Solidarietà
Bellinzonese
3 ore
Aeroporto di Ambrì, ‘gestione equilibrata da non sconvolgere’
Pur evidenziando margini di sviluppo, l’ente comunale non ritiene necessario spingere per favorire grossi insediamenti oltre alla Gottardo Arena
Mendrisiotto
3 ore
Palazzine al posto dell’ex grotto Valera, ci si riprova
I promotori immobiliari presentano una variante al progetto, in prima battuta contestato dalle associazioni e bocciato dai servizi cantonali
Luganese
5 ore
‘In ansia per i miei figli’: Mezhde rischia ancora l’espulsione
Verso il preavviso negativo da parte del Cantone. L’avvocata della famiglia curda: ‘Non tengono in considerazione che lei ha vissuto più qui che in Iraq’
Bellinzonese
5 ore
L’Eoc: caso chiuso. ‘Ma noi vogliamo vederci chiaro, aiutateci’
San Giovanni di Bellinzona, senza esito le verifiche avviate sulla segnalazione di ex infermiere malate che preparavano antitumorali a mani nude
Ticino
5 ore
Albertoni: ‘La frammentazione politica ci preoccupa non poco’
Il direttore della Camera di commercio: ‘Gli imprenditori hanno bisogno di certezze. Meno ideologia e più discussioni fondate su fatti concreti’
Ticino
5 ore
‘La nostra forza? La biodiversità investigativa’
Polizia giudiziaria. Ferrari e Gnosca: ‘Profili diversi, indagini performanti’. Sta per chiudersi il concorso per aspiranti ispettori e ispettrici
Centovalli
13 ore
Golino-Zandone, trasporto pubblico da potenziare
La richiesta di più corse bus da parte del Comune delle Centovalli e della Agie Charmilles (tramite Cit) recapitata alla Sezione della mobilità
Grigioni
14 ore
Giù la maschera! Roveredo si tuffa nel Carnevale Lingera
Inaugurata questa sera la 61esima edizione. Fra le novità la possibilità di acquistare i biglietti online e il percorso del corteo di sabato
© Regiopress, All rights reserved