laRegione
la-sperimentazione-ci-sono-diversi-punti-da-chiarire
Ti-Press
Maurizio Agustoni
21.01.22 - 10:00
Aggiornamento : 14:07

La sperimentazione? ‘Ci sono diversi punti da chiarire’

Superamento livelli in terza media, il capogruppo del Ppd Agustoni: senza risposte soddisfacenti non potremo sostenere l’emendamento governativo

Il Plr dice no all’emendamento proposto dal governo al Preventivo 2022 del Cantone per poter testare in terza media dal prossimo settembre, e per due anni scolastici, il superamento dei livelli A e B e l’introduzione dei laboratori. E il Ppd, il cui gruppo parlamentare si è riunito mercoledì in vista della seduta di Gran Consiglio al via il 24? «L’emendamento del Consiglio di Stato dà ragione a coloro – tra cui il Ppd – che durante la consultazione» sul progetto di riforma «avevano chiesto di procedere a una sperimentazione prima di applicare in modo generalizzato una proposta che ha sollevato diverse perplessità, soprattutto nel mondo della scuola», ricorda il capogruppo Maurizio Agustoni. «La situazione è tutt’altro che ideale e, su un tema così delicato, ci si poteva attendere – aggiunge Agustoni – che il Consiglio di Stato, invece di una fuga in avanti infilata tra le pieghe nel Preventivo, presentasse un messaggio, su cui la commissione parlamentare Formazione e cultura si sarebbe potuta esprimere. Al di là del metodo – che avrebbe potuto e dovuto essere più trasparente – ci sono degli aspetti di merito su cui ci stiamo chinando con alcune persone vicine al mondo della scuola. Ci sono in effetti diversi punti poco chiari e se non avremo risposte soddisfacenti non potremo ovviamente sostenere l’emendamento».

Guscio (Lega): gruppo tendenzialmente contrario

L’altro ieri si è riunito anche il gruppo parlamentare della Lega. Gruppo, fa sapere Lelia Guscio, che «è tendenzialmente contrario all’emendamento e di conseguenza alla sperimentazione proposta, oltretutto circoscritta alla terza media. Non è comunque da escludere che in aula qualcuno dei nostri deputati voti poi a favore della sperimentazione. Del tema, inoltre, discuterà martedì mattina la Commissione della gestione e a quel punto se ne potrebbe sapere di più sul destino dell’emendamento. Detto questo – tiene a puntualizzare Guscio –, la Lega considera necessaria una riforma della scuola media, ma non come quella concepita dal Dipartimento educazione cultura e sport». Afferma il capogruppo dei Verdi Nicola Schoenenberger: «Non ne abbiamo ancora discusso al nostro interno, ma visto che appoggiamo il progetto posto a suo tempo dal Decs in consultazione, quasi certamente sosterremo l’emendamento del Consiglio di Stato e dunque la sperimentazione».

Sulla proposta di emendamento, ovvero sul test in terza media, il Gran Consiglio si pronuncerà la prossima settimana. Commenta il Movimento per il socialismo: “Si chiede di votare una proposta inserita nel Preventivo, su un tema di una certa importanza, senza avere accesso nemmeno a una riga dei documenti elaborati nell’ambito della procedura di consultazione: procedura che Decs e governo, con una interpretazione che non può essere verificata ma che appare perlomeno poco credibile nelle sue conclusioni, utilizzano per giustificare la proposta stessa”. L’Mps “invita la presidenza del Gran Consiglio a intervenire per sanare questa situazione, che se rimarrà tale non potrà che risolversi, per quel che ci riguarda, in un’opposizione alla proposta presentata dal governo. A questo punto non solo per il merito, ma anche per il metodo”.

‘Inaccettabile rimandare il superamento dei livelli’

“La sostituzione dei livelli A e B in terza media con laboratori a classi eterogenee dimezzate è considerata dai genitori un primo e importante passo nella giusta direzione”, annota la Conferenza cantonale dei genitori. E osserva che “da oltre vent’anni la scuola e le famiglie hanno individuato problematiche venutesi a creare con questo sistema”. Motivo per cui "rimandare a oltranza il superamento di questi problemi non pare più essere una soluzione accettabile”. La Conferenza auspica pertanto che si concretizzino, entro il 2022, i presupposti per porre in consultazione il progetto per eliminare i corsi A e B anche in quarta media. L’aspettativa di molti genitori è quella di un superamento completo dei livelli: “C’è una chiara attesa che la scuola dell’obbligo consenta agli allievi di evitare separazioni che di per sé diventano fattori di divisione sociale”, scrive la Conferenza.

Riguardo ai laboratori, “in generale abbiamo raccolto un riscontro molto positivo dai genitori. Questo sulla base dell’esperienza dei figli al primo e secondo anno di scuola media, dove sono già stati introdotti in prima per matematica e italiano e in seconda per matematica e tedesco”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consultazione emendamento livelli sperimentazione superamento livelli
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
27 min
Demografia, città allo specchio: San Gallo batte Lugano
Se a Lugano ci sono i primi segnali di un’inversione di tendenza, la ‘capitale’ del Nord-Est cresce da un lustro dopo decenni di crisi. Ecco perché.
Bellinzonese
27 min
Stazione di Biasca, passi avanti per il nodo di interscambio
Dopo il governo anche il Municipio ha licenziato il messaggio con la richiesta del credito. Gli interventi andranno a beneficio di logistica e sicurezza
Mendrisiotto
27 min
‘Dopo 25 anni in carcere soffro di sindrome di prigionizzazione’
Si racconta l’uomo che la scorsa estate sequestrò un passante a Chiasso. ‘Ho scritto un libro. Vorrei aiutare i giovani a evitare certi errori’
Mendrisiotto
6 ore
Valle Muggio, progetti in 4 punti: dai formaggini al ‘macello’
Creati i gruppi di lavoro all’assemblea dell’associazione per i prodotti Muggio e Val Mara. La bozza già accettata dall’Ufficio federale agricoltura
Ticino
6 ore
Blättler: nella lotta alla mafia dobbiamo fare di più
Il nuovo procuratore generale della Confederazione: il fenomeno esiste, ora dobbiamo trasformare gli elementi che raccogliamo in atti di accusa
Ticino
10 ore
Edilizia, gli aumenti delle materie prime offuscano l’orizzonte
Gli impresari costruttori in assemblea a Mendrisio hanno toccato anche il tema delle infiltrazioni mafiose in Svizzera
Luganese
11 ore
Rovio, verranno sostituiti i tre ippocastani abbattuti
Ha suscitato qualche polemica il taglio degli alberi in piazza. La decisione era stata presa dall’esecutivo in carica fino all’aggregazione
Ticino
11 ore
Imposte di circolazione, i dubbi di Plr e Ps restano
Le due iniziative popolari del Ppd continuano a non convincere del tutto. Speziali: ‘È finanziariamente sostenibile?’. Passalia: ‘Basta, si vada al voto’
Luganese
11 ore
Costi, qualità di vita, moltiplicatore: perché si lascia Lugano
Sebbene il trend demografico si sia invertito, uno studio evidenzia che il saldo migratorio nei confronti dei comuni ticinesi è ancora negativo
Luganese
12 ore
Lugano, arriva la prima scuola estiva di criptovalute
Primo passo concreto per il ‘Lugano’s Plan B’. 50 studenti lavoreranno a stretto contatto con esperti e leader del settore a livello mondiale
© Regiopress, All rights reserved