laRegione
21.01.22 - 10:00
Aggiornamento: 14:07

La sperimentazione? ‘Ci sono diversi punti da chiarire’

Superamento livelli in terza media, il capogruppo del Ppd Agustoni: senza risposte soddisfacenti non potremo sostenere l’emendamento governativo

la-sperimentazione-ci-sono-diversi-punti-da-chiarire
Ti-Press
Maurizio Agustoni

Il Plr dice no all’emendamento proposto dal governo al Preventivo 2022 del Cantone per poter testare in terza media dal prossimo settembre, e per due anni scolastici, il superamento dei livelli A e B e l’introduzione dei laboratori. E il Ppd, il cui gruppo parlamentare si è riunito mercoledì in vista della seduta di Gran Consiglio al via il 24? «L’emendamento del Consiglio di Stato dà ragione a coloro – tra cui il Ppd – che durante la consultazione» sul progetto di riforma «avevano chiesto di procedere a una sperimentazione prima di applicare in modo generalizzato una proposta che ha sollevato diverse perplessità, soprattutto nel mondo della scuola», ricorda il capogruppo Maurizio Agustoni. «La situazione è tutt’altro che ideale e, su un tema così delicato, ci si poteva attendere – aggiunge Agustoni – che il Consiglio di Stato, invece di una fuga in avanti infilata tra le pieghe nel Preventivo, presentasse un messaggio, su cui la commissione parlamentare Formazione e cultura si sarebbe potuta esprimere. Al di là del metodo – che avrebbe potuto e dovuto essere più trasparente – ci sono degli aspetti di merito su cui ci stiamo chinando con alcune persone vicine al mondo della scuola. Ci sono in effetti diversi punti poco chiari e se non avremo risposte soddisfacenti non potremo ovviamente sostenere l’emendamento».

Guscio (Lega): gruppo tendenzialmente contrario

L’altro ieri si è riunito anche il gruppo parlamentare della Lega. Gruppo, fa sapere Lelia Guscio, che «è tendenzialmente contrario all’emendamento e di conseguenza alla sperimentazione proposta, oltretutto circoscritta alla terza media. Non è comunque da escludere che in aula qualcuno dei nostri deputati voti poi a favore della sperimentazione. Del tema, inoltre, discuterà martedì mattina la Commissione della gestione e a quel punto se ne potrebbe sapere di più sul destino dell’emendamento. Detto questo – tiene a puntualizzare Guscio –, la Lega considera necessaria una riforma della scuola media, ma non come quella concepita dal Dipartimento educazione cultura e sport». Afferma il capogruppo dei Verdi Nicola Schoenenberger: «Non ne abbiamo ancora discusso al nostro interno, ma visto che appoggiamo il progetto posto a suo tempo dal Decs in consultazione, quasi certamente sosterremo l’emendamento del Consiglio di Stato e dunque la sperimentazione».

Sulla proposta di emendamento, ovvero sul test in terza media, il Gran Consiglio si pronuncerà la prossima settimana. Commenta il Movimento per il socialismo: “Si chiede di votare una proposta inserita nel Preventivo, su un tema di una certa importanza, senza avere accesso nemmeno a una riga dei documenti elaborati nell’ambito della procedura di consultazione: procedura che Decs e governo, con una interpretazione che non può essere verificata ma che appare perlomeno poco credibile nelle sue conclusioni, utilizzano per giustificare la proposta stessa”. L’Mps “invita la presidenza del Gran Consiglio a intervenire per sanare questa situazione, che se rimarrà tale non potrà che risolversi, per quel che ci riguarda, in un’opposizione alla proposta presentata dal governo. A questo punto non solo per il merito, ma anche per il metodo”.

‘Inaccettabile rimandare il superamento dei livelli’

“La sostituzione dei livelli A e B in terza media con laboratori a classi eterogenee dimezzate è considerata dai genitori un primo e importante passo nella giusta direzione”, annota la Conferenza cantonale dei genitori. E osserva che “da oltre vent’anni la scuola e le famiglie hanno individuato problematiche venutesi a creare con questo sistema”. Motivo per cui "rimandare a oltranza il superamento di questi problemi non pare più essere una soluzione accettabile”. La Conferenza auspica pertanto che si concretizzino, entro il 2022, i presupposti per porre in consultazione il progetto per eliminare i corsi A e B anche in quarta media. L’aspettativa di molti genitori è quella di un superamento completo dei livelli: “C’è una chiara attesa che la scuola dell’obbligo consenta agli allievi di evitare separazioni che di per sé diventano fattori di divisione sociale”, scrive la Conferenza.

Riguardo ai laboratori, “in generale abbiamo raccolto un riscontro molto positivo dai genitori. Questo sulla base dell’esperienza dei figli al primo e secondo anno di scuola media, dove sono già stati introdotti in prima per matematica e italiano e in seconda per matematica e tedesco”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
4 ore
Camorino, auto in fiamme sullo svincolo della A2
Il fatto è avvenuto ieri sera poco prima delle 23. Non si registrano feriti o intossicati
Gallery
Locarnese
21 ore
La Rega decolla nei consensi e nella simpatia
Ben 14’000 visitatrici e visitatori hanno approfittato dell’opportunità di gettare uno sguardo dietro le quinte della base e dell’hangar
Luganese
23 ore
Inaugurato il nuovo Consorzio depurazione acque della Magliasina
Entrato in servizio a Purasca nel 1987 è stato oggetto di ampliamento e ottimizzazione generale fra il 2018 e il 2022
Luganese
1 gior
Precipita mongolfiera: fra curiosi e passanti... la sorpresa
Si è trattato di un’esercitazione congiunta fra la Società svizzera di salvataggio di Lugano e il Gruppo aerostatico Ticino
Mendrisiotto
1 gior
Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia
A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
Locarnese
1 gior
Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere
Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
1 gior
‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’
Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
1 gior
Tra l’Alabama e il Ticino
L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
1 gior
Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico
Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
1 gior
Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi
Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
© Regiopress, All rights reserved