laRegione
04.10.21 - 17:34
Aggiornamento: 19:16

Trasporto pubblico elettrico, Locarnese e Mendrisiotto a braccetto

Fart e Amsa, in collaborazione con la Supsi e con Protoscar, hanno ottenuto l’avallo dell’Ufficio federale dei trasporti per uno studio sullo sviluppo del settore

trasporto-pubblico-elettrico-locarnese-e-mendrisiotto-a-braccetto
Ti-Press
Fart

L’Ufficio federale dei trasporti sosterrà uno studio che ha quale scopo principale lo sviluppo della trazione elettrica del trasporto pubblico nel Locarnese e nel Mendrisiotto. Sotto il cappello di una collaborazione trans-regionale, dunque, un’iniziativa innovativa ed ecosostenibile che trova l’avallo della Confederazione.

Il progetto di studio è stato sviluppato da Autolinea Mendrisiense Sa (Amsa) e dalle Ferrovie autolinee regionali ticinesi (Fart) in collaborazione con la Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (Supsi) e con Protoscar Sa. Secondo quanto ricorda Claudio Blotti, direttore delle Fart, «il tema della trazione elettrica è oggetto di studio da alcuni anni. Già prima di acquistare i 36 nuovi veicoli entrati in servizio nel 2020, uno studio commissionato alla Supsi aveva evidenziato alcune riserve legate all’introduzione della trazione elettrica, portandoci a posticipare la conversione della flotta, senza tuttavia abbandonare questo ambizioso e importante progetto». Non subito, dunque, ma più in là quando le basi si presenteranno più solide.

Così, analisi e approfondimenti sono proseguiti e hanno visto il coinvolgimento di un’altra azienda di trasporto pubblico, Amsa, operativa nel Mendrisiotto. Ivano Realini, che di Amsa è il direttore, nota che «le problematiche riscontrate da Amsa e Fart si sono rivelate simili, ed è apparso da subito importante unire le forze per portare avanti un progetto che permetterà di rendere il trasporto pubblico ancora più efficiente e sostenibile, riducendo le emissioni dannose per l’ambiente».

Efficienza ed efficacia massimizzate

Le due aziende di trasporto pubblico, unitamente alla Supsi e a Protoscar hanno così sviluppato il progetto di studio intitolato “Massimizzazione dell’efficienza e dell’efficacia nel passaggio dalla trazione diesel alla trazione elettrica grazie al fotovoltaico fisso e mobile”, con lo scopo di analizzare e valutare i diversi fattori chiave nella transizione verso l’elettrificazione del trasporto pubblico su gomma.

Nel mese di giugno, dopo aver ottenuto il sostegno delle Commissioni regionali di trasporto del Locarnese e del Mendrisiotto, il progetto è stato sottoposto all’Ufficio federale dei trasporti. La risposta dall’Uft è giunta il 16 settembre 2021 con una comunicazione scritta con cui si riconosce la solidità del progetto e il contributo concreto alla decarbonizzazione del traffico stradale.

È una valutazione importante, quella che giunge da Berna, e pone le basi per l’ammissibilità del progetto al sostegno finanziario della Confederazione. «Nelle prossime settimane – rileva José Veiga Simão, ricercatore Supsi dell’Istituto sostenibilità applicata all’ambiente costruito e coordinatore dello studio – trasmetteremo a Berna alcune precisazioni richieste dall’Ufficio federale dei trasporti per affinare ulteriormente il progetto, ma possiamo sin da oggi affermare che la via verso un trasporto pubblico a trazione elettrica è ora ufficialmente tracciata».

Quanto all’intervento di Protoscar, si legge nella nota congiunta emanata anche da Fart, Amsa e Supsi, “contribuirà con le competenze acquisite, in oltre trent’anni di esperienza, nel settore della mobilità elettrica, alla buona riuscita del progetto”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
1 ora
Alvad, ‘malumore generalizzato ma soffocato dalla Direzione’
Partendo da una durissima lettera di un “gruppo molto folto di collaboratori” al Dss, il deputato Mps Matteo Pronzini chiede lumi al governo
Bellinzonese
3 ore
Cinquant’anni di cure domiciliari e Abad vuole ancora crescere
Roberto Mora, direttore dell’associazione bellinzonese, auspica che il servizio, che aiuta bisognosi e sgrava le famiglie, diventi ancora più capillare
Bellinzonese
4 ore
Bellinzona, ‘Natale in città e Mondiali in Qatar più ecologici’
Nella sua interrogazione a nome del gruppo Unità di Sinistra, Lisa Boscolo invita il Municipio a una riflessione più approfondita
Ticino
4 ore
Ottobre, cadono le foglie... ma non i radar
Puntuale come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati i controlli della velocità
Ticino
4 ore
Lascia il vescovo Lazzeri? Due nomi per la gestione pro tempore
Il capo della Curia di Lugano sarebbe prossimo a dimettersi. Farine e De Raemy in lizza per l’amministrazione in attesa della designazione del successore
Bellinzonese
4 ore
‘Niente maxischermi a Bellinzona per i Mondiali in Qatar’
Dopo alcune città francesi e romande, anche il gruppo Verdi-Mps-Fa-Pop ha deciso di scendere in campo contro le violazioni dei diritti umani e ambientali
Locarnese
5 ore
Ad Ascona si pensa a un moltiplicatore fiscale differenziato
Una mozione interpartitica presentata al Municipio da Marco Passalia, Paolo Duca, Glenn Brändli e Fabio Guerra chiede di approfondire il tema
Luganese
10 ore
‘Cambiare il sistema di nomina per i direttori delle scuole’
È quanto chiede, con un’interpellanza al Governo, l’Mps dopo l’arresto per atti sessuali con fanciulli del direttore di una scuola media del Luganese
Luganese
11 ore
Lugano, nell’amministrazione non ci sono differenze di salario
La Città ha pubblicato i risultati delle analisi effettuate sui collaboratori retribuiti secondo il Regolamento organico comunale
Mendrisiotto
11 ore
‘Ampliare le scuole? Un pilastro per attrarre famiglie’
Il Municipio di Breggia difende il progetto di ampliamento della sede di Lattecaldo. ‘Sostenibile per le finanze, necessario per la didattica’
© Regiopress, All rights reserved