laRegione
la-supsi-introduce-l-obbligo-del-certificato-covid
Ti-Press
Franco Gervasoni
10.09.21 - 17:51
Aggiornamento : 11.09.21 - 09:15

La Supsi introduce l'obbligo del Certificato Covid

Dal 20 settembre per tutte le attività della Formazione di base e per l'accesso alle sedi da parte di tutti i collaboratori

La Direzione della Supsi ha deciso, in accordo con le autorità cantonali e in linea con le raccomandazioni di swissuniversities, di introdurre l’obbligo di presentazione del certificato Covid (avvenuta vaccinazione, guarigione dalla malattia, risultato negativo di un test) per tutte le attività della Formazione di base e per l’accesso alle sedi delle collaboratrici e dei collaboratori, a partire dal 20 settembre 2021.

“Lo scorso 8 settembre, la Confederazione ha posto le Università di fronte alla scelta di ridurre la capienza massima degli spazi didattici, o di garantirne l’accesso senza limitazioni ma unicamente alle persone provviste di un certificato Covid – ricorda la Supsi –. Tenuto conto delle conseguenze pratiche di un’eventuale limitazione a due terzi delle aule, e dopo un’attenta analisi della situazione condotta dalla Direzione Supsi, d’intesa con le autorità cantonali e confrontandosi anche con la comunità accademica nazionale, è stato deciso l’obbligo di presentare un certificato Covid (a seguito dell’avvenuta vaccinazione, della guarigione dalla malattia o di un risultato negativo di un test) per tutte le attività della Formazione base (Bachelor, Master e Diploma SMS) a partire dal 20 settembre, data di inizio del semestre autunnale”

Secondo la Supsi, “il certificato Covid si presenta come l’unica soluzione per permettere a tutte le studentesse e a tutti gli studenti di ritornare a frequentare in sicurezza le lezioni in presenza, aspetto fondamentale per garantire la qualità dell’insegnamento e dell’apprendimento in un’università professionale come la Supsi, in cui l’acquisizione di competenze pratiche e professionalizzanti costituisce una componente fondamentale del curriculum formativo”.

I dettagli sull'implementazione dell’obbligo di presentazione del certificato nell’ambito della Formazione di base verranno definiti e comunicati nei prossimi giorni. Per rispettare le decisioni federali, fra il 13 e il 19 settembre, le aule verranno occupate al massimo per i due terzi della capienza.

L’obbligo di presentare il certificato COVID si applicherà inoltre, già a partire da lunedì 13 settembre, per gli eventi organizzati dalla Supsi in luoghi chiusi. Per le mense saranno valide le disposizioni emanate dai responsabili della loro gestione. Per quanto concerne la Formazione continua, la Direzione della Supsi comunica di aver deciso di non richiedere il certificato Covid per classi fino a un massimo di 30 partecipanti, a condizione che le aule vengano occupate al massimo per i due terzi della loro capienza. Ogni attività che supera il limite di 30 partecipanti, o che non è assimilabile a un corso di formazione continua, dovrà sottostare alle regole previste per gli eventi. 

L’obbligo del Certificato Covid per l’accesso alle sedi verrà introdotto anche per tutti i collaboratori e le collaboratrici della Supsi, sempre a decorrere dal 20 settembre. L'attuale Piano di protezione, che prevede l'obbligo della mascherina in tutti gli spazi interni delle sedi SUPSI, indipendentemente dall’applicazione dell’introduzione del certificato Covid, rimane valido fino al prossimo aggiornamento.

La Direzione Supsi ritiene che “la scelta operata sia la migliore per assicurare lo svolgimento continuativo in presenza di tutte le attività accademiche durante l’intero prossimo semestre autunnale”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
20 settembre certificato covid obbligo supsi ticino
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
16 ore
Lostallo, tamponamento sull’A13: due feriti
L’incidente è avvenuto ieri pomeriggio. Un 79enne e un 30enne sono stati trasportati in ospedale.
Bellinzonese
18 ore
Monte Carasso, auto colpisce un motociclista e si dà alla fuga
L’incidente è avvenuto poco prima delle 00.30 su via El Stradun. La Polizia cantonale cerca testimoni
Luganese
21 ore
Guerra in Ucraina, a Lugano storie di donne e del loro riscatto
Testimonianze di ucraine sopravvissute al conflitto e della loro forza in una conferenza tenutasi giovedì sera al Palazzo dei congressi
Locarnese
1 gior
Botte in stazione: commozione cerebrale per un 18enne
Il fatto di violenza è avvenuto a Muralto nel tardo pomeriggio di venerdì: un gruppetto di quattro giovani ha aggredito tre ragazzi senza motivo
Bellinzonese
1 gior
‘No a Avs 21 e nel 2023 un nuovo sciopero femminista’
La presidente Vania Alleva è intervenuta alla Conferenza nazionale delle donne Unia che ha riunito a Bellinzona 150 delegate
Mendrisiotto
1 gior
‘Mettete il fotovoltaico sui tetti delle vostre imprese’
Il Cantone chiama a raccolta il mondo economico del Distretto per dare un’accelerata alla svolta energetica
Locarnese
1 gior
Gli allevatori: ‘Scegliete, o noi o il lupo’
A Cevio s’incendia l’incontro con il Cantone. Criticata l’assenza del ministro Claudio Zali
Bellinzonese
1 gior
E a Bellinzona già si pensa a un Bar Blues
Il comitato EsercEventi accolto dal municipale Bison. Il coordinatore Morici: ‘Soddisfatti’. In programma non solo Notte bianca e Notte live
Ticino
1 gior
Offerta straordinaria di corsi per bambini non italofoni
L’iniziativa del Decs per i giovani in età di scuola elementare e scuola media per i ragazzi provenienti dall’Ucraina (ma non solo)
Ticino
1 gior
Nel caldo maggio ticinese, occhio a non ‘scottarsi’ con un radar
La Polizia cantonale comunica le località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli elettronici della velocità
© Regiopress, All rights reserved