laRegione
31.05.21 - 19:55

Barometro Tcs delle controversie: più litigi nel 2020

Il Ticino al secondo posto. Tensioni maggiori nel settore del lavoro

barometro-tcs-delle-controversie-piu-litigi-nel-2020
Depositphotos

“Nel 2020, a causa della pandemia di coronavirus, si sarebbe potuto credere che la vita sociale fosse in pausa e che le persone avessero quindi pochi motivi di litigare. Al contrario!  L'ultimo Barometro del Touring club svizzero (Tcs) delle controversie indica che nell’anno della pandemia 2020 ci sono state in Svizzera addirittura più controversie legali rispetto all’anno precedente. Si è litigato più frequentemente nel settore del lavoro”, si legge nel comunicato.

Per lo studio sono state prese in considerazione 436mila polizze del portafoglio della clientela Tcs nei settori protezione giuridica circolazione, privata e immobiliare. Secondo l’analisi, in media più di una persona su sette (15,2%) è stata coinvolta in una disputa giuridica. Nel 2019, con il 14,8%, le vertenze erano leggermente inferiori.  

In Ticino i conflitti durano di meno

Riguardo alla frequenza delle controversie, l’Arco lemanico rimane in testa. Seguono il Ticino e la grande regione di Zurigo. Come in precedenza, si litiga di meno nella Svizzera centrale. Per contro, è nel cuore della Svizzera che le vertenze durano più a lungo: per quanto riguarda la durata, il Nord-Ovest della Svizzera ha infatti ceduto il posto alla Svizzera centrale. Ed è sempre in Ticino che i conflitti durano di meno. In Svizzera, la durata media di una vertenza ha raggiunto i 207 giorni, 6 in meno rispetto al 2019.  Da notare che la controversia più lunga conclusa nel 2020 si è protratta per 6'084 giorni, ossia per più di 15 anni.  

Più casi, ma meno costosi 

I costi di una vertenza giuridica sono nettamente diminuiti nel 2020. Sebbene il caso più costoso abbia raggiunto quasi 138mila franchi, il costo medio di una vertenza si è fissato a 1'611 franchi, pari a quasi l’8% in meno rispetto al 2019. Anche da questo profilo, l’Arco lemanico resta il più caro, dato che un litigio costa quasi il 30% in più che in Ticino, la nuova regione più economica.  

Le controversie degli uomini restano le più numerose 

Per quanto riguarda i sessi, lo scorso anno si è nuovamente vista una differenza. Mentre nel 2019 uomini e donne si disputavano quasi con la stessa frequenza, nel 2020 le vertenze degli uomini erano superiori del 10% a quelle delle donne. Il maggior scarto tra i sessi la si riscontra nel settore della mobilità. In fatto di circolazione stradale, gli uomini litigano quasi due volte di più. Eppure, durante la pandemia, il numero totale delle vertenze legate alla circolazione è diminuito, ciò che è riconducibile al calo generale della mobilità provocato dalle misure adottate per arginare il coronavirus. Tutto ciò non ha provocato soltanto un calo del 5% del numero dei casi di conflitto, ma ha anche diminuito i costi del 7% e la durata del 6%.  

Lavoro pomo della discordia 

Diversamente dalla mobilità, lo scorso anno è aumentato il numero delle controversie di diritto privato, ossia in materia di lavoro, affitto e consumo. Il fenomeno ha interessato tutte le regioni e,  complessivamente, di quasi il 5%. Il maggior numero di controversie è stato registrato nel settore del diritto del lavoro con precisamente il 17% di litigi in più rispetto al periodo pre-pandemia. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
4 ore
‘I detenuti con misure terapeutiche vanno adeguatamente seguiti’
La richiesta al governo delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’ è ora nero su bianco. La mozione firmata da tutti i gruppi parlamentari
Ticino
5 ore
‘Avanti’, la porta è aperta a tutti
Presentato il nuovo movimento fondato da Mirante e Roncelli dopo le dimissioni dal Partito socialista. ‘Una forza di centro sinistra, moderna e aperta’
Luganese
6 ore
Pura, condannata a 4 anni la donna che accoltellò l’ex marito
La Corte ha accolto integralmente le richieste di pubblica accusa e accusatore privato, sostenendo che l’imputato abbia mentito per costruirsi un alibi
Ticino
6 ore
Primo incontro fra partiti sul dopo Carobbio agli Stati
Domani rendez-vous tra i vertici cantonali delle forze politiche rappresentate a Berna. Per scongiurare un ‘bel pasticcio’, Farinelli dixit
Grigioni
6 ore
Val Calanca, strada forse riaperta prima del weekend
Nella migliore delle ipotesi i lavori di sgombero inizieranno domani. Anche oggi il meteo ha ostacolato la valutazione dei rischi di nuovi scoscendimenti
Luganese
7 ore
Sottrasse mezzo milione a un conoscente, ma non fu riciclaggio
Appropriazione indebita: inflitti 15 mesi di carcere, sospesi con la condizionale, a un 39enne comparso di fronte alle Assise criminali di Lugano
Bellinzonese
8 ore
Ultima tappa per completare la fibra ottica nel Bellinzonese
Amb e Swisscom comunicano che l’anno prossimo saranno connessi anche a Pianezzo, Paudo, Claro, Gudo, Moleno e Preonzo
Bellinzonese
8 ore
‘Via Roggia dei Mulini rimarrà sicura anche con le palazzine’
Il Municipio di Bellinzona risponde all’interpellanza di Boscolo e Sansossio, confermando che il comparto rientra nella mobilità sostenibile
Ticino
8 ore
‘Il nuovo accordo fiscale è molto favorevole per i frontalieri’
Lo scrive in una lettera ai giornali lombardi il ministro dell’Economia italiano Giorgetti, che fa il punto della situazione sull’annoso dossier
Luganese
9 ore
Lugano-Montarina, Villa Ganser e Casa Walty salvate dalla Stan
Il Tribunale amministrativo cantonale accoglie il ricorso presentato contro la licenza concessa dal Municipio per un progetto edilizio
© Regiopress, All rights reserved