laRegione
08.04.21 - 17:08
Aggiornamento: 18:52

Lavoro, difendere i salari in seno alla Costituzione federale

È quanto chiede un’iniziativa cantonale presentata dal gruppo socialista per contrastare il fenomeno del dumping e gli effetti negativi della libera circolazione

di Generoso Chiaradonna
lavoro-difendere-i-salari-in-seno-alla-costituzione-federale
Archivio Ti-Press
Un argine costituzionale contro le derive nel mercato del lavoro

Inserire nella Costituzione federale un articolo per tutelare le condizioni di lavoro d’uso. E questo per proteggere i lavoratori residenti dalla crescente della liberalizzazione del mercato del lavoro. È il tenore di un’iniziativa cantonale presentata dal gruppo socialista in Gran Consiglio. I firmatari sono i deputati Raoul Ghisletta, Anna Biscossa, Carlo Lepori e Fabrizio Sirica. In pratica si chiede che il Cantone Ticino inoltri all’Assemblea federale la richiesta di modifica della Costituzione federale. Una strada, quella dell’iniziativa cantonale, solitamente lunga e che non sempre porta a risultati.

A ogni modo l’articolo proposto (il 110a), reciterebbe: “La Confederazione e i Cantoni adottano misure affinché ognuno possa sopperire ai suoi bisogni con un lavoro svolto in condizioni salariali, assicurative e lavorative corrispondenti a quelle vigenti nella professione e nel ramo, le quali gli consentano un tenore di vita dignitoso per vivere nel luogo di lavoro, senza subire una pressione al ribasso del salario”.

“In caso d’inosservanza delle condizioni salariali, assicurative e lavorative usuali un Cantone può stabilire condizioni minime legali per una professione o un ramo. Queste ultime valgono come limite inferiore vincolante. Per rapporti di lavoro particolari, un Cantone può emanare normative derogatorie”.

“Il salario d’uso legale è adeguato periodicamente all’evoluzione dei salari e dei prezzi, ma almeno nella misura dell’indice delle rendite dell’assicurazione vecchiaia e superstiti”.

“Le normative derogatorie e gli adeguamenti del salario d’uso legale all’evoluzione dei salari e dei prezzi sono emanati con la collaborazione delle parti sociali’.

“La Confederazione può emanare prescrizioni specifiche con la collaborazione dei Cantoni e delle parti sociali”.

Infine le disposizioni transitorie all’articolo 197 n. 10 (nuovo): “I Cantoni designano l’autorità competente per l’esecuzione delle condizioni d’uso legali”.

“Il Consiglio federale pone in vigore l’articolo 110a al più tardi tre anni dopo la sua accettazione da parte del Popolo e dei Cantoni”.

“Se entro tale termine non sarà posta in vigore una legge d’esecuzione, il Consiglio federale emana mediante ordinanza, con la collaborazione delle parti sociali, le necessarie disposizioni esecutive”.

Si tratta, si specifica nelle motivazioni dell’iniziativa, “di tutelare la maggioranza dei lavoratori dal livellamento verso il basso delle condizioni di lavoro, che deriva dalla stipulazione di un numero sempre maggiore di contratti di lavoro con livelli salariali, assicurativi e lavorativi inferiore allo standard in essere”. Si sottolinea come il livellamento verso il basso dei salari non avvenga solamente per i salari inferiori, “ma anche per i salari delle professioni con retribuzioni situate tra il livello medio-inferiore e quello medio-superiore”.

In quasi dieci anni, salario mediano fermo solo in Ticino

Si porta l’esempio del salario mediano in Ticino tra il 2010 e il 2018 (fonte Ufficio federale di statistica) che è calato leggermente, mentre in tutte le altre regioni svizzere è in progressione. Per il 2018 questo salario mediano era pari a 5'363 franchi in Ticino, mentre era pari a 5’377 franchi nel 2010. In nove anni è rimasto praticamente fermo. A livello nazionale lo stesso dato è passato dai 6’219 franchi del 2010 ai 6’538 franchi del 2010 con scarti regionali più consistenti. A Zurigo, per citare una regione, il salario mediano era di 6’556 franchi nel 2010 e di 6’965 franchi nel 2018. 

Per ora il problema del dumping salariale, fanno notare i quattro gran consigliere socialisti, sembra colpire solamente il Cantone Ticino che è inserito geograficamente nel Nord Italia, “ma non è detto che un domani anche altri Cantoni potranno essere toccati dal problema a dipendenza dell’evoluzione delel regole afferenti la libera circolazione delle persone tra la Svizzera e l’Unione europea/Aels”.

“L’iniziativa darebbe ai Cantoni e sussidiariamente alla Confederazione la facoltà d’intervenire per tutelare le condizioni di lavoro dei residenti contro il dumping consentendo agli stessi Cantoni di far fronte all’evoluzione del loro mercato del lavoro” si commenta.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
GALLERY
Mendrisiotto
5 ore
Il parco delle gole della Breggia si fa più inclusivo
Inaugurato un percorso per ipovedenti nell’area del mulino del Ghitello. Stella: ‘È un patrimonio da difendere, ma anche rendere accessibile a tutti’.
Ticino
5 ore
Premi cassa malati, Marco Chiesa (Udc) insiste e interroga Berna
Il presidente nazionale democentrista segue De Rosa e chiede al Consiglio federale perché nel calcolo per il ’23 non siano stati calcolati ’20 e ’21
Luganese
6 ore
Cornaredo, ‘tabula rasa’ pronta sulla carta
Presto in pubblicazione a Lugano e Porza il Piano di quartiere del comparto B1a. Previsti edifici misti di altezza tra i 30 e i 60 metri
Grigioni
7 ore
A Mesocco non si ripresenta il sindaco Christian De Tann
In corsa per la carica di capo dell’esecutivo alle elezioni comunali del 30 ottobre vi sono John Seghezzi, Fausto a Marca e Mattia Ciocco
Locarnese
8 ore
Il giudice sul pedofilo: ‘È solo la punta dell’iceberg’
Un 77enne del Sopraceneri condannato a 8 anni di carcere per ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
9 ore
Dai ruderi è nato un auditorium: inaugurazione a Biasca
Ultimati i lavori della struttura concertistica e per eventi culturali che potenzia l’offerta dell’attigua Casa Cavalier Pellanda
Ticino
9 ore
Ticino capitale del turismo sostenibile, ‘è la sfida del futuro’
Questa settimana si tiene l’Adventure travel world summit, l’evento più importante a livello internazionale per la promozione di una ‘nuova visione’
Locarnese
9 ore
Bracconieri in Vallemaggia, la Federazione prende le distanze
La Fcti condanna senza mezzi termini i deplorevoli atti compiuti da un gruppo di persone nemmeno in possesso di una licenza venatoria
Bellinzonese
11 ore
Municipio di Bodio favorevole alla fusione con Giornico
Una decisione unanime che permette di avviare l’iter per un’aggregazione ridotta rispetto al progetto che comprendeva anche Pollegio e Personico
Ticino
15 ore
Vaccinazioni di richiamo autunnali in Ticino dall’11 ottobre
Le informazioni sono già disponibili sul sito ufficiale dedicato alle vaccinazioni www.ti.ch/vaccinazione
© Regiopress, All rights reserved