laRegione
22.02.21 - 18:14
Aggiornamento: 20:59

Cassa malati, De Rosa: Berna ci sente, ma la strada è in salita

Le iniziative del Canton Ticino per frenare l'aumento dei premi, il consigliere di Stato in audizione dalla Commissione sanità della Camera alta

cassa-malati-de-rosa-berna-ci-sente-ma-la-strada-e-in-salita

«L’interesse sulle iniziative cantonali è stato suscitato, questa perlomeno la mia impressione. Da parte dei parlamentari sono state poste diverse domande. Al momento non voglio però essere eccessivamente ottimista. La strada è infatti in salita: in questo particolare settore gli interessi in gioco sono infatti molti». Raggiunto dalla ‘Regione’, il direttore del Dipartimento sanità e socialità Raffaele De Rosa è reduce dall’audizione, stamattina a Berna, davanti alla Commissione sicurezza sociale e sanità del Consiglio degli Stati sulle tre iniziative cantonali proposte dal Dss e sottoscritte dal Gran Consiglio nel dicembre 2019 per cercare di frenare l’aumento (costante) dei premi di cassa malati (l’ultimo in Ticino, in ordine di tempo, è stato del 2,1 per cento, il più alto in Svizzera). Bellinzona chiede alle Camere federali di intervenire sulla LVAMal, la controversa Legge federale sulla vigilanza sull’assicurazione malattie, con puntuali modifiche. Le iniziative propongono una serie di correttivi a tre articoli per conseguire altrettanti obiettivi: ‘Più forza ai Cantoni’, ‘Per riserve eque e adeguate’, ‘Per premi conformi ai costi’. Riguardo alle riserve, il Ticino chiede di inserire all’articolo 14 della LVAMal un capoverso secondo cui “Le riserve di un assicuratore sono reputate eccessive se risultano superiori al 150% del limite normativo. In presenza di riserve eccessive, l’assicuratore è tenuto a operare una riduzione delle riserve sino al raggiungimento di tale soglia”.

All’audizione hanno preso parte, oltre a De Rosa, Lukas Engelberger, presidente della Conferenza delle direttrici e dei direttori cantonali della sanità, e i consiglieri di Stato responsabili della salute pubblica di Ginevra, Friburgo e Giura, cantoni che hanno già votato iniziative simili a quelle ticinesi. «Per noi iniziativisti - riprende il consigliere di Stato ticinese - è importante che vi sia un’adesione di principio alle nostre proposte e che quindi Berna riconosca il livello eccessivo delle riserve, che adesso supera globalmente gli 11 miliardi di franchi, da ricondurre anche alla nuova Legge sulla vigilanza che da quando è in vigore non funziona come dovrebbe funzionare, se è vero come è vero che negli ultimi tre anni si è avuto un incremento delle riserve di quasi 4 miliardi». Il presidente della Conferenza delle direttrici e dei direttori cantonali della sanità, prosegue De Rosa, «ha portato stamattina il proprio sostegno all’orientamento delle tre iniziative ticinesi, dicendo anche che la prospettata nuova modifica dell’Ordinanza, la OVAMal, è ritenuta dalla stessa Conferenza un passo nella giusta direzione ma insufficiente, visto che agli assicuratori si dà ancora la possibilità su base volontaria di ridurre le riserve e di restituire quanto è stato pagato in eccesso per i premi. Nessun obbligo, come invece chiedono le iniziative ticinesi, e nessun livello delle riserve oltrepassato il quale si procede alla restituzione, mentre noi proponiamo, per esempio, il 150 per cento. Già oggi esiste la facoltà per gli assicuratori di ridurre e restituire, ma sono troppo poche le casse malati che lo fanno».
Adesso è la Commissione sanità degli Stati che deve fissare la tabella di marcia. «La palla è nel campo del parlamento federale: spero - commenta De Rosa - che possa procedere celermente e prendere una decisione sulle iniziative in tempi brevi. Il tema è comunque conosciuto: fondamentalmente chiediamo di ristabilire alcuni paletti, alcuni criteri che erano in vigore prima della rivista Legge federale sulla vigilanza. Paletti come per esempio il convolgimento dei Cantoni su costi e tariffe prima dell’approvazione dei premi».

Da noi interpellata, la consigliera agli Stati socialista Marina Carobbio Guscetti, membro della Commissione della sicurezza sociale e della sanità, si limita ad affermare che la commissione si pronuncerà domani sul tema.

 
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
21 min
Precipita mongolfiera: fra curiosi e passanti... la sorpresa
Si è trattato di un’esercitazione congiunta fra la Società svizzera di salvataggio di Lugano e il Gruppo aerostatico Ticino
Mendrisiotto
3 ore
Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia
A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
Locarnese
7 ore
Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere
Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
7 ore
‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’
Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
15 ore
Tra l’Alabama e il Ticino
L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
15 ore
Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico
Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
16 ore
Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi
Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Ticino
17 ore
Un ottobre da... radar
Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
Bellinzonese
17 ore
Camorino, servono 2,5 milioni in più per il Centro polivalente
Il Consiglio di Stato chiede un credito suppletorio ai già stanziati 11 milioni: ‘Necessario aumentare le superfici degli alloggi’ per richiedenti l’asilo
Luganese
17 ore
Lugano, disavanzo di 5,3 milioni nel Preventivo 2023
Dato positivo, ma da relativizzare, spiega Foletti, considerando il nuovo sistema di calcolo. Moltiplicatore d’imposta: si propone di lasciarlo al 77%
© Regiopress, All rights reserved