laRegione
12.02.20 - 10:18

Tavolino: bacchetta 'magica' contro lo spreco da ormai 20 anni

Momento di bilanci per l'ente di sostegno attivo in tutta la Svizzera. In Ticino salvate 600 tonnellate di cibo nel corso del 2019

tavolino-bacchetta-magica-contro-lo-spreco-da-ormai-20-anni
Ti-Press

Tavolino Magico si batte contro lo spreco alimentare esattamente da due decenni. Nel 2019 l’ente di sostegno alimentare ha salvato dalla distruzione e distribuito ben 4'543 tonnellate di alimenti. Tutto ciò è stato possibile grazie a partner di lunga data e nuovi partner del settore alimentare. 

Tavolino Magico guarda al 2019, l’anno del suo anniversario, con soddisfazione per i risultati conseguiti. Complessivamente, l’ente di sostegno alimentare operativo in tutta la Svizzera ha permesso di salvare dal macero 4543 tonnellate di alimenti integri: 8.2% in più rispetto all’anno precedente. I generi alimentari recuperati sono stati consegnati ai 132 centri di distribuzione in Svizzera e nel Principato del Liechtenstein dove le persone indigenti ricevono il cibo. Ogni settimana Tavolino Magico aiuta circa 20'000 persone nel bisogno. 913 tonnellate sono state donate ad altri enti di sostegno alimentare, ad esempio Tavola svizzera, Partage ecc. per una ulteriore distribuzione del cibo nell’ambito della loro rete di aiuti.

In Ticino salvate 600 tonnellate di cibo dalla distruzione

Nella Svizzera italiana i centri di distribuzione sono diventati 14, l’ultimo nato, ormai un anno fa, è a Lugano-Cornaredo, arrivando così a tre i centri in città. Nell’anno appena trascorso, l’associazione ha raccolto e distribuito 600 tonnellate di cibo. Ogni settimana 1800 persone hanno ricevuto una spesa sui 50-70 franchi in uno dei 14 centri di distribuzione fatti funzionare da 329 volontari. Continua la ottima collaborazione con le autorità cantonali che segnalano i collaboratori di programmi occupazionali che ci aiutano a far funzionare una logistica sempre più complessa e professionale. 

Ogni anno gettiamo via 620 franchi di cibo a testa

Nonostante questi progetti di recupero, in Svizzera ancora troppi alimenti si perdono per strada e vengono gettati via: circa 2,8 milioni di tonnellate, pari a 330 chilogrammi per persona ogni anno, di cui circa un terzo generato dalle economie domestiche. Mediamente in Svizzera, ogni cittadino getta letteralmente nel pattume 620 franchi l’anno. Lo spreco non è solo un problema economico: secondo foodwaste.ch, i rifiuti alimentari generati dallo spreco inquinano l’ambiente tanto quanto la metà di tutti gli spostamenti automobilistici privati effettuati in Svizzera. Ciò corrisponde a 75 miliardi di chilometri percorsi, ossia due milioni di viaggi intorno al mondo! Lo spreco alimentare è quindi un problema che grava pesantemente sull’ambiente e che riguarda tutte le parti della catena di produzione. Il problema può essere risolto solo insieme. 

Collaborazioni solide

Fin dalla sua fondazione, Tavolino Magico si basa su una stretta collaborazione con il settore alimentare, dai produttori ai grossisti fino ai dettaglianti. Nel corso degli anni si è sviluppata una solida rete con partner quali Coop, Migros, Transgourmet e la Comunità d’interessi Commercio al dettaglio Svizzera, impegnati congiuntamente nella lotta contro lo spreco alimentare. Nel 2019 si sono aggiunti altri importanti partner, Aldi Suisse e Fenaco. Tavolino Magico può contare sul sostegno di quasi 1000 donatori di prodotti dell’industria alimentare, dell’agricoltura e del commercio al dettaglio. Solo grazie a questo profuso impegno, l’ente di sostegno alimentare è stato ed è in grado di perseguire i suoi ambiziosi obiettivi e di svolgere il suo lavoro in modo coerente.

Insieme verso l’obiettivo: mantenere la doppia data di scadenza

Tavolino Magico collabora con altre organizzazioni (come ad esempio Tavola svizzera, Partage e altri) e sostiene iniziative e progetti volti a contrastare lo spreco alimentare. L’associazione è anche partner della campagna nazionale "Save Food, Fight Waste" della Fondazione Praktischer Umweltschutz (Pusch). L’associazione accoglie inoltre iniziative di sensibilizzazione sulla conservabilità e le date apposte sugli alimenti, ma rifiuta fermamente l’eliminazione della doppia data di scadenza per la data «da consumarsi entro il». Se questa data è trascorsa, il prodotto deve essere distrutto. Infatti, gli alimenti con doppia data di scadenza, ossia etichettati sia con data «da vendersi entro il» che con data «da consumarsi entro il», offrono al consumatore un intervallo utile per il consumo. Ed è proprio questo lasso di tempo che gli enti di sostegno alimentare possono utilizzare per salvare dal macero prodotti che non possono più essere venduti, per poi distribuirli agli indigenti.

Un fabbisogno che non accenna a diminuire

In Svizzera il fabbisogno di sostegno alimentare è grande. Secondo l’Ufficio federale di statistica, nel nostro Paese vivono circa 660’000 persone in condizioni di povertà. Tavolino Magico cerca di aiutarli con un totale di 132 centri di distribuzione. Lo scorso anno ne sono stati aperti altri quattro: a Lugano, Scuol, Coira e Lengnau. Ciò implica però un maggior fabbisogno di risorse finanziarie. Infatti, sebbene i centri di distribuzione siano organizzati e gestiti prevalentemente da volontari, l’esborso finanziario è considerevole, soprattutto per la logistica e le infrastrutture. Tavolino Magico si sforza quindi di migliorare costantemente la propria situazione finanziaria e di utilizzare i fondi disponibili nel modo più efficiente ed oculato, in modo da poter continuare a contrastare anche in futuro la distruzione di generi alimentari preziosi e la povertà in Svizzera.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Video
Ticino
8 ore
La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale
Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
12 ore
A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate
L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
12 ore
Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc
Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
12 ore
‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’
Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
20 ore
‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’
La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
21 ore
Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No
Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
21 ore
‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’
Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Gallery
Mendrisiotto
22 ore
Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine
Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Locarnese
22 ore
Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere
Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Ticino
23 ore
Il salario minimo legale non sarà adeguato al rincaro
Il Consiglio di Stato boccia la mozione di Ivo Durisch (Ps): ‘Un adeguamento sarebbe contrario alla volontà del legislatore e alla legge’
© Regiopress, All rights reserved